Maggio 20, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'area vacanze in Italia ora richiede l'ingresso

L'area vacanze in Italia ora richiede l'ingresso
  1. tz
  2. il mondo

Premere

I viaggiatori che pianificano una gita di un giorno a Venezia dovrebbero pagare la tassa di ingresso il prima possibile. Sarà sperimentato nel 2024 e ridurrà l’onere per la città.

Venezia – Quando sono in vacanza in Italia, la maggior parte dei turisti include un viaggio a Venezia nella propria agenda. Alcuni vacanzieri potrebbero presto dover riconsiderare se vale davvero la pena fare questa gita di un giorno. La popolare destinazione turistica prevede di introdurre una tassa di ingresso questo mese. L'obiettivo è liberare la città dai turisti.

Venezia impone una tassa di soggiorno: cinque euro per l'ingresso

Il nuovo regolamento decorre dal 25 aprile. Quindi i viaggiatori devono registrarsi sul sito web istituito dal comune prima di recarsi in città www.cda.ve.it Acquista un biglietto d'ingresso. Costa cinque euro e puoi pagare con PayPal o carta di credito. Riceverai un codice QR da mostrare quando lo chiedi in città. Se non puoi fornire il codice, dovresti Dovrà essere pagata una multa tra 50 e 300 euro.

Il numero dei turisti dovrebbe essere regolato dal biglietto d'ingresso. © Thomas Imo/Imago

In questi giorni devi pagare un biglietto d'ingresso a Venezia

Attualmente è prevista la richiesta della tessera solo in determinati giorni. La prima di queste è la festa nazionale italiana del 25 aprile. È necessario avere il biglietto d'ingresso in città entro il 30 aprile. Si paga la tassa d'ingresso dal 1° al 5 maggio e tutti i fine settimana dal 13 al 14 luglio.

Unica eccezione è il fine settimana della Festa della Repubblica dal 1 al 2 giugno. La restrizione si applica anche solo in determinati orari. Non è previsto alcun costo d'ingresso dalle 16:00 alle 8:30. Inoltre, alcuni gruppi come i bambini sotto i 14 anni e le persone con disabilità possono ancora entrare gratuitamente in città.

Il sindaco giustifica le tasse: “Bisogna regolare i flussi di persone”

“Il nostro obiettivo non è raccogliere soldi, ma evitare che la città esploda. Vogliamo rendere Venezia più a misura di turista, perché non appartiene solo ai veneziani, ma a tutto il mondo”, ha detto il sindaco. A Venezia Posta del mattino di Berlino. “Questo è un esperimento, una novità mondiale”, spiega.

“Le nostre strade non possono essere paragonate a quelle di nessun’altra città. Dobbiamo controllare rigorosamente il flusso delle persone”, spiega della decisione. L’anno 2024 dovrebbe essere un test e mostrare gli effetti positivi attesi in città. Questa dichiarazione fiscale ha salvato Venezia dal rischio di diventare Città della Cultura UNESCO. Non esiste un limite massimo al numero di codici disponibili al giorno. È possibile acquistare una carta in anticipo. (NO)