Maggio 20, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scivolamento dei prezzi: inflazione statunitense più alta del previsto a marzo

Scivolamento dei prezzi: inflazione statunitense più alta del previsto a marzo

commento

14:40, 10 aprile 2024

I prezzi dei futures azionari statunitensi diminuiscono prima della sessione di negoziazione. Gli aumenti dei prezzi hanno inaspettatamente accelerato in modo significativo a marzo. Il taglio dei tassi di interesse di riferimento verrà probabilmente annullato a giugno.

  • EuroDollaro USA – WKN: 965275 – ISBN: EU0009652759 – Prezzo: $ 1,07811 (Forex)
  • Dow Jones – WKN: 969420 – ISBN: US2605661048 – Prezzo: $ 38.883,67 (NYSE)

L’inflazione statunitense è salita dal 3,2% di febbraio al 3,5% di marzo, ha riferito martedì il Bureau of Labor Statistics (BLS) degli Stati Uniti. Ciò significa che l’inflazione dei prezzi negli Stati Uniti ha accelerato più del previsto. Gli economisti della banca si aspettavano che il tasso medio di inflazione raggiungesse il 3,4%. L’inflazione era già inaspettatamente elevata nei mesi di gennaio e febbraio.

Nel giugno 2022 il tasso di inflazione ha raggiunto il 9,1%, il livello più alto dal novembre 1981. Da allora si è verificato un notevole rallentamento. Ma recentemente si è verificata una stabilizzazione superiore al 3%, che potrebbe creare problemi alla Federal Reserve americana alla luce dei tagli dei tassi di interesse attesi dai mercati durante tutto l'anno. Il tasso di inflazione indica quanto sono cambiati i prezzi al consumo nel mese in questione rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Il cosiddetto tasso di inflazione core, che esclude i prezzi altamente volatili dell’energia e dei prodotti alimentari, è rimasto stabile al 3,8% a marzo. Si prevedeva un calo al 3,7%.

L'inflazione negli Stati Uniti a marzo è superiore alle attese Commento Oliver Baron-stock3.com-1

Rispetto al mese precedente, i prezzi al consumo a marzo sono aumentati dello 0,4%. Si prevedeva un aumento dello 0,3%, dopo l'aumento dello 0,3% di febbraio. Anche al tasso core, escludendo i prezzi altamente volatili dell’energia e dei prodotti alimentari, i prezzi al consumo sono aumentati dello 0,4% su base mensile a marzo. Anche qui era previsto un aumento dello 0,3%, dopo l'incremento dello 0,4% del mese precedente.

I dati sull’inflazione, ancora una volta leggermente superiori alle attese, costituiscono una battuta d’arresto e smorzano ulteriormente le aspettative di imminenti tagli dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve statunitense. Non ci possono essere tagli dei tassi di interesse a giugno e luglio.

In conclusione: anche i dati sull’inflazione statunitense per marzo sono stati superiori alle attese. Il tasso d'inflazione ha ripreso ad accelerare e sembra stabilizzarsi su un livello superiore al 3%. Un taglio dei tassi a giugno e luglio appare sempre più improbabile. I futures azionari statunitensi hanno reagito ai dati con forti perdite di prezzo e i tassi di interesse sono aumentati in modo significativo.

ora aperto Il tuo portafoglio gratuito su justTRADE E approfitta di tanti vantaggi:

  • Credito iniziale di 25€ all'apertura di un magazzino
  • Commissione sugli ordini di € 0 per gli emittenti di derivati ​​(più spread della sede)
  • Risparmia in media 4€ per operazione con una scelta di 3 borse e grazie alla richiesta RFQ

Solo per un po': ricevi in ​​più 3 mesi di Stock3 Plus o Stock3 Tech gratis!

Jetzt Depot eröffnen!