La sorgente principale del fiume Reno si prosciugherà entro 30 anni

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. Home page
  2. panorama

Gli effetti del cambiamento climatico sono evidenti. Anche il fiume Reno è stato gravemente colpito. Entro 30 anni, il fiume più grande della Germania come lo conosciamo non esisterà più, dicono i ricercatori.

FRANCOFORTE – Il cambiamento climatico di origine antropica sta avendo impatti sempre più visibili in tutto il mondo: siccità, condizioni meteorologiche estreme e nuovi record di temperatura si verificano anche alle latitudini temperate. Germania Sull’agenda. Come altrove nel mondo, la crisi climatica è la principale causa dell’abbassamento del livello delle acque ovunque.

Anche il Reno, il fiume più grande della Germania e uno dei corsi d’acqua più trafficati del mondo, è stato gravemente colpito. I ricercatori sono giunti alla conclusione che presto il Reno come lo conosciamo oggi non esisterà più.

Gli effetti del cambiamento climatico sono evidenti. Anche il fiume Reno è stato gravemente colpito (foto d’archivio). © Christoph Hardt/Imago

La scienza è convincente: entro 30 anni la sorgente principale del Reno si prosciugherà

Le condizioni meteorologiche estreme caratterizzeranno anche il 2023. Inoltre: in Europa le temperature aumentano due volte più velocemente che nel resto del mondo. Una conseguenza di ciò fu una grave carenza idrica in Germania, particolarmente evidente nel calo del livello dei fiumi. Secondo la rete di ricerca Correctiv l’estate scorsa Nella sola Germania, più di 40 province hanno dichiarato lo stato di emergenza o sono già state costrette a razionare l’acqua. Gli scienziati avvertono che la situazione potrebbe peggiorare in futuro.

Da anni anche la bassa marea rappresenta un grave problema sul Reno. Ma quest’anno il livello dell’acqua nel fiume in alcuni punti si è dimezzato all’inizio di marzo. La profondità dell’acqua nella valle del Medio Reno è stata misurata a 1,16 metri sulla scala Kaube. Normalmente qui la profondità del Reno è di circa 2,40 metri. Le riprese dei droni mostrano livelli d’acqua storicamente bassi in Italia Ciò che ha mostrato quest’estate lascia intravedere ciò che potrebbe presto minacciare il Reno.

Bollettino climatico gratuito

La Frankfurter Rundschau pubblica un giornale una volta alla settimana Bollettino esclusivo sul clima. Iscriviti ora!

Il cambiamento climatico mette a rischio il livello dell’acqua nel Reno: la minaccia derivante dalla diminuzione dello scioglimento delle Alpi

Oltre alle ondate di caldo e alla siccità persistente, anche la mancanza di nevicate in inverno rappresenta un problema per i fiumi: il cambiamento climatico porta a inverni più caldi, che portano anche a una diminuzione delle riserve di neve: “Il Reno o il Danubio sono fortemente colpiti dallo scioglimento di neve nelle Alpi. “Meno neve e disgeli anticipati e più brevi riducono la quantità di deflusso in estate e all’inizio dell’autunno”, spiega il climatologo Peter Greif. tagesschau.de.

Cambiamenti climatici: i ricercatori concedono al Reno altri trent’anni, poi i ghiacciai si prosciugheranno

Il caldo estivo di quest’anno ha causato il collasso dei ghiacciai alpini. IL Il meteorologo Andreas Wagner conferma una delle due cose ROS-Ingresso: “Si deve supporre che tra circa 30 o 40 anni non ci sarà più acqua proveniente dai ghiacciai nel Reno”.

Le conseguenze sono gravi: in piena estate la quantità d’acqua del Reno potrebbe diminuire fino al 50%, con gravi conseguenze per l’approvvigionamento di acqua potabile, l’industria, l’agricoltura, la flora e la fauna. “Le implicazioni di questi cambiamenti sono significative e riguardano tutti coloro che utilizzano l’acqua lungo il Reno: la navigazione sul Reno ne risentirà e con essa importanti trasporti di merci, le centrali elettriche e i fornitori di elettricità potrebbero produrre meno elettricità e i fornitori di acqua potabile devono prepararsi a trasporto da uno stato all’altro “, ha detto. “La carenza d’acqua è più frequente”. Commissione per l’Idrologia del Reno (KHR).

Il abbassamento del livello del fiume Reno: gravi conseguenze per l’uomo, la fauna e la flora

Per le popolazioni lungo il fiume Reno ciò rappresenta una seria minaccia per le loro riserve idriche. In città come Colonia, la carenza di acqua potabile e i prezzi elevati dell’acqua disponibile possono diventare una realtà.

“Nelle aree agricole densamente popolate l’acqua può scarseggiare durante la stagione di crescita estiva perché le piante allora ne hanno bisogno in grande quantità”, afferma il rapporto del progetto di ricerca sull’impatto dei cambiamenti climatici sul deflusso del fiume Reno nel prossimo periodo (2031-2060) e a lungo termine: “Aumenterà l’utilizzo dell’acqua dei corpi idrici per scopi irrigui e la situazione della magra peggiorerà”. Futuro (2071-2100).

Preoccupante è anche l’impatto sulla fauna selvatica. Gli habitat di specie rare di uccelli e le zone umide si stanno perdendo, mentre l’aumento della temperatura dell’acqua e il calo dei livelli di ossigeno nell’acqua peggiorano ulteriormente le condizioni di vita. Alghe tossiche e cianobatteri fioriranno, aumentando la pressione sugli ecosistemi.

Il Reno non scomparirà del tutto, ma la vita lungo il fiume cambierà radicalmente, prevedono gli scienziati. Le persone, gli animali e la natura devono adattarsi alle nuove condizioni.

Related articles