Gennaio 26, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La scienza in Russia: repressione e isolamento

Stato: 31/12/2022 16:59

Scienziati perseguitati, non più accesso a riviste internazionali, “fuga di cervelli”: sanzioni e crescente repressione statale hanno inferto un duro colpo alla scienza russa.

Scritto da Annette Kammerer, ARD Studio Moscow, attualmente a Berlino

Mentre sedeva nell’auto della polizia bloccata, sospettava che questa volta la sua protesta potesse costargli il lavoro. Ma il fatto che la sua università non si sia preoccupata di trovare una scusa per le sue dimissioni ha sorpreso più di ogni altra cosa il docente universitario Denis Skopin.

Annette Kammerer
ARD Studio Mosca

Proteste contro la mobilitazione parziale

21 settembre: Vladimir Putin annuncia la mobilitazione parziale in mattinata. Il governo russo ha annunciato che sarebbero stati richiamati 300.000 riservisti. Il decreto presidenziale ad esso collegato è lungo solo una pagina e sta scatenando proteste su piccola scala in tutto il Paese per la prima volta dall’inizio di marzo.

A San Pietroburgo, Skopin è sceso in piazza. Insegna filosofia nel corso di “arti liberali” della St. Petersburg State University, una tipica materia senza insegnamento frontale, spiega con orgoglio Skopin, con molti studenti esterni e docenti dissenzienti.

Licenziamento per “comportamento immorale”

Ma poiché le proteste sono così piccole, secondo Skopin, quasi tutti alla fine vengono arrestati. Il docente universitario, insieme a tanti altri, finisce in “Avtozac”, uno dei famigerati trasportatori di prigionieri in attesa di essere collocati a margine di ogni manifestazione. Skopin è in custodia. Seguì un rapido processo, seguito da dieci giorni di carcere e poi, circa un mese dopo, dal licenziamento. Non gli fu più permesso di lavorare all’Università di San Pietroburgo a causa di “comportamento immorale”.

READ  Diabete di tipo 2: un esame del sangue mostra i segni anni prima che appaia

Il 24 febbraio, il giorno in cui è iniziata la guerra, all’università era tutto finito, dice il docente, spingendosi ripetutamente gli occhiali neri sul naso e lottando per mantenere la calma. Il mondo stima che dal 30 al 40 percento dei dipendenti si dimetta o venga licenziato. La maggior parte di loro è all’estero da molto tempo. Alcuni altri restanti aspettano solo la fine dell’anno scolastico per andarsene.

Frammenti di vetro giacciono sui tavoli in una stanza dell'Università di Kharkiv.  |  Immagine Alleanza/AA

La guerra e le sue conseguenze per la scienza

In una miniserie vogliamo evidenziare le conseguenze della guerra in Ucraina sulla scena scientifica. La prima parte riguarda l’Ucraina, dove molti edifici universitari sono danneggiati, i finanziamenti sono incerti e molti studenti e ricercatori stanno fuggendo dai combattimenti. Nella seconda parte, esaminiamo la Germania, la destinazione principale per i rifugiati accademici ucraini, e chiediamo come possono essere integrati nel sistema di ricerca qui – e come ciò potrebbe anche aiutare la successiva ricostruzione dell’Ucraina. Infine, si tratta della Russia, che subisce sanzioni, ma allo stesso tempo inasprisce la repressione.

Niente più accesso a riviste specializzate

Anche prima dell’inizio della cosiddetta operazione speciale militare, le università non avevano accesso a tutte le pubblicazioni scientifiche, ma ora in Russia non ci sono quasi più riviste scientifiche lette ufficialmente. Anche le università d’élite come quella di San Pietroburgo hanno ora revocato le loro costose licenze, afferma Skopin.

All’inizio di marzo, l'”Unione dei presidi” russa ha annunciato in una lettera aperta il proprio sostegno all'”operazione speciale” in Ucraina. Lo scopo principale delle università è quello di servire il paese. Ora dobbiamo unirci “intorno al nostro presidente”. La lettera si conclude con le parole: “Insieme siamo forti!”

READ  Questi sintomi sono i primi segni di insulino-resistenza

Uscire dal sistema di Bologna

A maggio, la Russia ha poi annunciato l’uscita dal Sistema Bologna dopo quasi 20 anni. Rendendo comparabili i programmi educativi in ​​quasi 50 paesi, il sistema ha semplificato la mobilità nell’istruzione superiore e gli scambi accademici.

La Russia ora vuole sviluppare il proprio “modello unico di istruzione superiore”. Così il capo del ministero dell’Istruzione superiore e della scienza ha spiegato al quotidiano russo Kommersant l’uscita da Bologna. Alla fine di ottobre, è diventato chiaro esattamente cosa potesse significare: più di 200 scienziati e rappresentanti di istituzioni accademiche si sono riuniti nella città di Sochi, sul Mar Nero, per il Congresso scientifico panrusso. Il suo titolo: “DNK Rossija” in inglese: DNA of Russia.

Nuovo soggetto obbligatorio per promuovere il “patriottismo”

Al convegno “DNA” si è deciso, tra l’altro, di introdurre una nuova materia obbligatoria. Il suo titolo: “Fondamenti dello Stato russo”. Secondo Alexander Kharichev, che coordina la presentazione da parte dell’amministrazione presidenziale, l’obiettivo del corso è trasmettere valori che servono l’interesse nazionale della Russia: “patriottismo, fiducia civica, consenso, solidarietà e famiglia”.

Questo docente ricorda a Skopin l’istruzione superiore in epoca sovietica, quando tutti dovevano seguire un corso di “comunismo scientifico”. Un sistema che, secondo Skopin, nessuno ha preso sul serio. Tuttavia, una materia simile è stata a lungo obbligatoria nelle scuole in Russia oggi: “Conversazioni su cose importanti”. L’equivalente per le università dovrebbe iniziare il prossimo anno.

Scienziati come “agenti stranieri”

Allo stesso tempo, sono già noti molti casi di scienziati perseguitati. Per prima cosa, l’elenco dei “clienti stranieri” si espande quasi ogni venerdì. Tra loro c’è la storica Tamara Edelman, che ha una laurea honoris causa dallo stato russo, nonché docenti di prestigiose università russe come MGIMO o la Higher School of Economics della capitale.

READ  Aumentare il colesterolo buono: 4 consigli

Il “finanziamento” dall’estero è sufficiente per pubblicizzare un agente straniero. Ciò significa che chiunque pubblichi un articolo su una rivista specializzata straniera e venga pagato per questo soddisfa già i requisiti, almeno in teoria. Gli “agenti stranieri” non sono autorizzati a insegnare nelle istituzioni educative statali in Russia.

accusa di alto tradimento

Ci sono anche casi come quello di Alexander Shiplyuk. All’inizio di agosto si è saputo che il direttore dell’Istituto di meccanica teorica e applicata dell’Accademia delle scienze russa era stato arrestato e apparentemente accusato di tradimento. Ci sono stati casi simili prima dell’inizio della guerra a febbraio. Secondo indiscrezioni, il presidente dell’Accademia russa delle scienze avrebbe contattato personalmente il presidente Putin.

Skopin College, docente licenziato da San Pietroburgo, ora di fatto sciolto. Il suo corso di arti liberali è stato rinominato e ristrutturato. Skopin ora andrà anche a Berlino e insegnerà lì. Anche se non vuole, il conferenziere dice con le lacrime agli occhi: “Non ne sono particolarmente entusiasta. Non voglio. Ma non ho altra scelta”.