Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia vuole un voto segreto: l’Assemblea generale dell’Onu discute l’annessione

La Russia vuole un voto segreto
L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite discute le annessioni

A marzo, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha condannato in modo schiacciante l’invasione russa dell’Ucraina. Ora la comunità internazionale deve ancora una volta decidere le azioni del Cremlino. Il voto su una risoluzione a New York è visto anche come una prova dell’umore globale. La Russia sembra sperare nella fatica della guerra.

In serata, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite inizierà le sue deliberazioni sulla recente annessione illegale di parti dell’Ucraina da parte della Russia. Al termine della sessione, che potrebbe durare fino a mercoledì per il gran numero di relatori, l’organismo delle Nazioni Unite, il più grande con 193 Stati membri, voterà una risoluzione di condanna di Mosca.

La Russia aveva precedentemente chiesto uno scrutinio segreto, apparentemente nella speranza di un risultato migliore. Diplomatici di alto rango descrivono questo processo come un processo senza precedenti che difficilmente otterrà un sostegno sufficiente.

Solo pochi giorni fa, il presidente russo Vladimir Putin ha completato con la sua firma l’annessione dei territori parzialmente occupati di Luhansk, Donetsk, Zaporizhia e Cherson. Come previsto, una risoluzione di condanna al Consiglio di sicurezza dell’Onu introdotta dagli Stati Uniti e da altri paesi con il veto è stata bloccata da Mosca. Quindi il processo è passato all’Assemblea Generale. L’adozione da parte dell’organismo richiede il sostegno di due terzi dei paesi votanti.

Probabile maggioranza netta

Un progetto di risoluzione ha condannato le azioni della Russia come aggressione e “una violazione della sovranità, dell’indipendenza politica e dell’integrità territoriale dell’Ucraina”. Ha aggiunto che i referendum sono illegali e “non hanno legittimità ai sensi del diritto internazionale e non costituiscono una base per cambiare lo status di queste regioni in Ucraina”. La Russia sta violando la Carta delle Nazioni Unite, deve ritirarsi dalle sue azioni e ritirarsi dall’Ucraina.

Ci si aspetta una netta maggioranza quando l’Assemblea generale delle Nazioni Unite voterà, ma il testo deve essere misurato con due risultati precedenti: a marzo, il Consiglio ha respinto l’invasione russa con una maggioranza storica di 141 voti e solo quattro paesi si sono opposti alla loro parte del Cremlino . . Nel 2014, dopo l’annessione della Crimea alla Russia, 100 Stati membri hanno aderito a una risoluzione che affermava l’integrità territoriale dell’Ucraina.

I diplomatici occidentali hanno sottolineato che ogni stato membro delle Nazioni Unite dovrebbe avere un interesse personale nel condannare la Russia, per evitare che essa stessa diventi vittima di un’annessione illegale da parte di un paese vicino. D’altra parte, da tempo gli osservatori vedono la fatica della guerra in diversi paesi, soprattutto in Africa e in America Latina. Alcuni vedono la guerra in Ucraina come una distrazione da altri conflitti regionali e crisi globali e un ostacolo al progresso.

READ  Omicidio di un 13enne: Teen chiede su Instagram come disfarsi del suo corpo | Notizia