Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Polonia fa a pezzi i monumenti sovietici: “La decostruzione è importante per il nostro futuro”

Stato: 24/11/2022 08:09

Il partito al potere in Polonia Legge e giustizia ha promesso di regolare i conti con i resti della storia comunista. Sempre più escavatori si stanno muovendo ora: molti monumenti dell’era sovietica vengono demoliti.

Di Martin Adam, ARD Studio Varsavia

Il soldato dell’Armata Rossa è armato di mitragliatrice: l’uomo sull’ascensore accanto a lui impugna una mazza. Staccò lentamente il soldato di pietra dell’Armata Rossa dall’obelisco da cui aveva dominato per decenni la città polacca di Głubczyce. La statua cade in avanti, rimane in piedi solo la gamba sinistra.

Martino Adamo
ARD Studio Varsavia

Karol Nawrocki, capo dell’Istituto polacco della memoria nazionale, si tiene a distanza di sicurezza. Dice che è giusto demolire tali statue. “Non c’è posto per tali monumenti, per tali simboli con una stella rossa nello spazio pubblico di una Polonia libera, indipendente, democratica e di un’Europa libera. Questo simbolo simboleggia i crimini del regime comunista anche nel periodo tra le due guerre, le vittime del sistematico genocidio dei sovietici, vittime della nazione russa assassinata dai comunisti”.

La Polonia sta regolando i conti con la sua storia, almeno la parte sovietica. Molti polacchi non riescono più a relazionarsi con la storia del dopoguerra dell’eroica liberazione dell’Armata Rossa. Se mai potessero, data la spartizione della Polonia tra la Germania nazista e l’Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale, il massacro di oltre 4.000 militari polacchi da parte dell’NKVD nella foresta di Katyn, il tempo fino al 1989 in Polonia è stato interpretato come un’occupazione.

READ  Guerra in Ucraina: Selinsky chiede nuove sanzioni russe - Anteprima

Solo quest’anno sono caduti 25 memoriali

Nel 2016, il governo polacco sotto il partito Legge e giustizia ha vietato i monumenti che propagano apertamente il comunismo, a meno che non facciano parte di collezioni private, servano a scopi scientifici o educativi o si trovino in un cimitero.

Nel 2022, il progetto prenderà nuovo slancio dall’attacco russo all’Ucraina, spiega Nawrocki. Solo dal marzo di quest’anno sono stati abbattuti 25 monumenti. Altri 35 rimangono nell’elenco IPN. “Sfortunatamente”, dice, “fino ad oggi, il simbolo della Stella Rossa e Marx ed Engels, Lenin e Stalin dominano nelle menti dei governanti della Federazione Russa, che stanno brutalmente cercando di distruggere un’Ucraina indipendente”. “Non siamo qui solo per il passato, ma anche per dire che smantellare questo monumento è importante per il nostro futuro”.

Conflitto: demolizione o monumento?

Tuttavia, la disputa su un monumento a Olsztyn in Masuria mostra che non è così chiara e univoca: due statue, un arco trionfale aperto, con un soldato dell’Armata Rossa e un carro armato sovietico al centro del centro cittadino – sono state realizzate dal scultore. e il sopravvissuto di Auschwitz Xawery Dunikowski, ancora oggi rispettato. IPN Nawrocki vuole demolire e il sindaco, Piotr Grzymowicz, preferisce chiedere ai residenti. “La maggioranza è favorevole a mantenere il memoriale e trasformarlo in un centro memoriale ed educativo per bambini”, spiega Grzymowicz.

Ha parlato anche con i veterani e gli anziani. “La maggioranza era favorevole a non scappare dalla storia ea non dimenticarla”. Proprio perché il memoriale rappresenta un periodo vissuto da molti polacchi, sostiene il sindaco, non dovrebbe scomparire.

Tuttavia, la legge è dalla parte degli addetti alle pulizie. Insediamento temporaneo: le lastre sono ancora lì, solo la falce e il martello sono stati cesellati.