Febbraio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra in Medio Oriente: ++ La guerra contro Hamas è sull'orlo della stagnazione? I tre errori di Israele++

La guerra in Medio Oriente: ++ La guerra contro Hamas è sull'orlo della stagnazione?  I tre errori di Israele++

UNSecondo un rapporto dei media, nel centesimo giorno di guerra contro Hamas, Israele è ancora lontano dal raggiungere i suoi obiettivi di guerra. Tra le tante ragioni, il quotidiano israeliano Haaretz ha riferito che Israele è rimasto sorpreso dalle dimensioni dei tunnel di Hamas nella Striscia di Gaza.

Pertanto i passaggi sotterranei sono più sviluppati del previsto. La leadership dell’organizzazione terroristica Hamas è relativamente ben protetta dagli attacchi. Probabilmente si circonda di ostaggi rapiti in Israele. Per questi motivi, scrive il quotidiano, sarà difficile sconfiggerli. Oltre a distruggere il movimento islamista Hamas, Israele vuole sfruttare la guerra anche per liberare tutti gli ostaggi rapiti nella Striscia di Gaza.

Il rapporto affermava inoltre che la distruzione dei tunnel esposti avrebbe richiesto più tempo rispetto ai tempi dell'operazione militare.

Leggi anche

Nei primi due mesi di guerra si presumeva anche che Hamas avrebbe smesso di combattere a causa delle pesanti perdite tra le sue fila. Ciò non è avvenuto ed è improbabile che si ripeta.

Ha aggiunto che i membri dell'ala militare di Hamas hanno continuato a combattere all'interno delle forze di resistenza dopo che i loro battaglioni sono stati distrutti nel nord della Striscia di Gaza. I terroristi sono emersi dai tunnel e hanno attaccato i soldati israeliani. Haaretz ha aggiunto che l'esercito paga un prezzo per questo quasi ogni giorno.

DWO_AP_Gaza_130124

Fonte: OpenStreetMap; Il mondo delle infografiche

I residenti della Striscia di Gaza non si ribellano contro Hamas, nonostante la catastrofica situazione umanitaria. Nonostante la perdita di controllo sulla fascia costiera settentrionale, la gente ha ancora paura dell'organizzazione che lì ha preso il potere con la forza nel 2007. Inoltre, l'odio per Israele potrebbe essere ancora più grande della rabbia verso la leadership di Hamas, prevede il giornale.

Sebbene le perdite di Hamas siano molto maggiori di quelle subite da parte israeliana, secondo il quotidiano Haaretz Israele trova difficile ottenere una vittoria strategica. C'è il pericolo di stagnazione nei combattimenti.

Tutti gli sviluppi nella diretta streaming:

8:16 – Quattro uomini armati sono stati uccisi in scontri al confine libanese

L'esercito israeliano ha annunciato l'uccisione di quattro militanti in una zona contesa al confine con il Libano. L'esercito ha detto che gli uomini stavano cercando di raggiungere Israele dal Libano. Quando hanno aperto il fuoco sui soldati che pattugliavano la zona, l'esercito israeliano ha usato artiglieria e lanciagranate. L'incidente è avvenuto nella zona di Shebaa Farms.

07:42 – Baerbock conferma il suo sostegno alla liberazione degli ostaggi di Hamas

Nel centenario della guerra tra Israele e Hamas, il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock (Partito dei Verdi) ha confermato il suo sostegno alla liberazione degli ostaggi rapiti dal movimento islamico palestinese. “Bambini, genitori, fratelli, sorelle e amici mancano da Israele da 100 giorni. “100 giorni pieni di incertezza, disperazione, tristezza e speranza”, ha spiegato domenica Baerbock tramite il servizio elettronico X, ex Twitter. “Non ci arrenderemo, non fermeremo il nostro lavoro finché tutti gli ostaggi di Hamas non torneranno alle loro case”.

05:46 – Israele avrebbe arrestato le sorelle del leader di Hamas ucciso

I media palestinesi hanno riferito che l'esercito israeliano ha arrestato le sorelle del vice capo dell'ufficio politico di Hamas, Saleh Al-Arouri, in due raid notturni vicino a Ramallah. Israele ha assassinato Al-Arouri in Libano all'inizio di questo mese.

5:30 – 120.000 persone prendono parte alla marcia dei 100 giorni di guerra a Tel Aviv

Secondo gli organizzatori, circa 120.000 persone hanno attirato l'attenzione sulla sorte degli ostaggi tenuti a Gaza durante una marcia di massa in Israele che ha segnato il centenario della guerra nella Striscia di Gaza. Il numero citato dagli organizzatori renderebbe la manifestazione una delle più grandi in Israele nell'ultimo anno, che ha visto manifestazioni di massa regolari contro il controverso piano del governo di ristrutturare il sistema giudiziario.

Tra i relatori della marcia, iniziata dopo il tramonto nella cosiddetta “Piazza degli ostaggi” nel centro di Tel Aviv, c’erano i parenti di circa 132 ostaggi ancora nella Striscia di Gaza, tra cui il presidente francese Emmanuel Macron e l’americano. -Ambasciatore in Israele Jack Liu.

Una manifestazione a Tel Aviv per commemorare il centenario della presa di ostaggi di Hamas

Una manifestazione a Tel Aviv per commemorare il centenario della presa di ostaggi di Hamas

Fonte: Getty Images/Amir Levy

Il Times of Israel ha riferito che i familiari degli ostaggi hanno espresso la loro frustrazione nei confronti del governo del primo ministro Benjamin Netanyahu durante la marcia iniziata a Tel Aviv sabato sera. Hanno accusato il suo governo di non aver fatto abbastanza per restituire gli ostaggi ancora detenuti nella Striscia di Gaza. Il tempo per salvarli sta per scadere. La marcia dovrebbe continuare fino a domenica sera.

03:43 – L'esercito israeliano ha annunciato uno scontro a fuoco al confine con il Libano

Rinnovati bombardamenti reciproci al confine tra Libano e Israele. L'esercito ha riferito che una cellula terroristica è entrata nel territorio israeliano dal Libano e ha aperto il fuoco sui soldati di pattuglia. Ha aggiunto che i soldati hanno risposto al fuoco e hanno ucciso quattro terroristi. Durante lo scontro a fuoco, le nostre forze hanno sparato sulla zona colpi di artiglieria e colpi di mortaio. Solo un giorno fa ci sono stati bombardamenti reciproci al confine tra i due paesi.

1:19 – Capo di Stato Maggiore israeliano: Aumenta la pressione militare su Hamas

L'esercito israeliano vuole aumentare la pressione militare sul movimento islamico Hamas nel centenario della guerra nella Striscia di Gaza. Lo ha annunciato sabato il capo di stato maggiore israeliano Herzi Halevy. Ha detto: “La pressione porterà allo smantellamento di Hamas e alla restituzione degli ostaggi”. Halevy ha detto che molti ostaggi sono stati rilasciati solo grazie alla pressione militare.

Halevy ha affermato che la leadership di Hamas ripone le proprie speranze in un cessate il fuoco “ed è convinta che questo momento sia vicino”. Rimarremo “determinati e persistenti”. Il Capo di Stato Maggiore ha dichiarato: “Per distruggere Hamas, la pazienza è necessaria ed essenziale”.

Ha anche accennato agli scontri in corso con la milizia Hezbollah in Libano, alleata di Hamas. “L’area nel sud del Libano è una zona di combattimento e rimarrà tale finché Hezbollah opererà da lì”, ha detto Halevy. Ha avvertito che “Hezbollah rischia di trasformare l’intero Libano in una zona di combattimento, a caro prezzo”.

Leggi anche

Un camion carico di aiuti umanitari viene caricato al confine tra Gaza e l'Egitto

12:40 – Netanyahu: Israele sta conducendo una “guerra giusta”

Nel centesimo giorno della guerra di Gaza, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso ancora una volta che il suo Paese avrebbe combattuto “fino alla completa vittoria”. Il primo ministro, sotto pressione dalla politica interna, ha affermato che lo Stato di Israele, le sue forze armate e i suoi servizi di sicurezza hanno lanciato “una guerra senza precedenti, morale e giusta contro i mostri di Hamas, i neonazisti”. “Nessuno ci fermerà”, ha detto Netanyahu, riferendosi alla causa per genocidio intentata dal Sudafrica davanti alla Corte internazionale di giustizia dell’Aja.

“L’attacco ipocrita dell’Aia contro lo Stato ebraico, risorto dalle ceneri dell’Olocausto, per volere di coloro che vennero a commettere un altro Olocausto contro gli ebrei, è il punto di declino morale nella storia delle nazioni”. Netanyahu ha detto. L'esercito ha trovato copie del libro di Adolf Hitler “Mein Kampf” nei tunnel di Hamas sotto la Striscia di Gaza. Netanyahu ha affermato, citando il cancelliere Olaf Schulz, che gli islamici di Hamas sono “neo-nazisti”. Lo ha ringraziato per il chiaro rifiuto da parte della Germania delle accuse di genocidio.

Leggi anche

Un soldato israeliano tiene in mano una foto del leader di Hezbollah, sostenuto dall'Iran, Nasrallah

Netanyahu ha continuato: “Continueremo la guerra fino alla fine – per completare la vittoria, finché non raggiungeremo tutti i nostri obiettivi: eliminare Hamas, restituire tutti i nostri ostaggi e garantire che Gaza non rappresenti mai più una minaccia per Israele”. Il primo ministro ha affermato che si tratta anche di una guerra contro “l’asse del male guidato dall’Iran e dai suoi tre delegati”, riferendosi non solo a Hamas, ma anche alla milizia sciita Hezbollah in Libano e ai ribelli sciiti Houthi nello Yemen.

23:37 – Migliaia di persone protestano contro la guerra di Gaza in tutto il mondo

Migliaia di manifestanti filo-palestinesi hanno manifestato sabato a Londra, Washington e in altre città per protestare contro la guerra tra Israele e il movimento estremista islamico Hamas nella Striscia di Gaza.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.