Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra del Kosovo del 1999: NATO, Jugoslavia, Russia e moralità

La guerra del Kosovo del 1999: NATO, Jugoslavia, Russia e moralità

HLei è stata una prima: si è convertita per la prima volta Il cancelliere tedesco ha tenuto un discorso televisivo Alla popolazione per annunciare una missione di combattimento dell'esercito tedesco. “Non stiamo conducendo una guerra, ma siamo chiamati ad attuare una soluzione pacifica in Kosovo utilizzando mezzi militari”, ha dichiarato Gerhard Schröder il 24 marzo 1999, aggiungendo: “L’azione militare non è diretta contro il popolo serbo”.

Il fatto è che gli obiettiviOperazione Forza Alleata“Militarmente è chiaro: nelle prime due ondate di mercoledì sera sono state attaccate postazioni di difesa aerea, sistemi di comunicazione e posti di comando dell’esercito jugoslavo. Inizialmente furono utilizzati i missili da crociera Tomahawk, lanciati da navi e sottomarini nel Mare Adriatico, oltre a circa 200 aerei.

Incendi e fumo nella capitale jugoslava, Belgrado

Fonte: Photo Alliance / Agenzia di stampa tedesca

Uno squadrone di F/A-18 Hornet dell'aeronautica spagnola è stato il primo aereo della NATO a lanciare attacchi contro i radar e le batterie missilistiche a Belgrado. Quattro F-16 olandesi entrarono in contatto per la prima volta con tre intercettori jugoslavi, uno dei quali fu abbattuto alla massima distanza di combattimento; Gli aerei americani F-15 hanno distrutto gli altri due aerei. Alla prima ondata parteciparono anche quattro aerei Tornado dell'aeronautica tedesca, specializzati nella distruzione dei radar nemici.

Intorno alle 20:00, il segretario generale della NATO Javier Solana ha annunciato a Bruxelles di aver dato l'ordine operativo al comandante supremo della NATO in Europa: “Ho appena dato istruzioni al generale Clarke di iniziare le operazioni aeree nella Repubblica Federale di Jugoslavia. È chiaro che l’Obiettivo: “Dobbiamo fermare la violenza e porre fine alla catastrofe umanitaria che si sta verificando attualmente in Kosovo”.

Leggi anche

Archivio - Fumo nero si alza nel cielo illuminato di rosso sopra Belgrado dopo che le bombe della NATO hanno incendiato una raffineria e un impianto di azoto a nord della capitale jugoslava la notte del 18 aprile 1999 (foto d'archivio).  Il 14 marzo la NATO iniziò la guerra aerea contro la Jugoslavia.  Gli attacchi continuarono per 79 giorni senza l'autorizzazione delle Nazioni Unite.  Immagine: Suki (al pacchetto tematico dpa "Decimo anniversario del bombardamento NATO della Jugoslavia" Il 17 marzo 2009) +++(c) dpa - Bildfunk+++ |

Inizialmente a Belgrado si sono verificate otto esplosioni, tutte per motivi militari. Obiettivi sono stati bombardati anche vicino a Novi Sad, nel nord della Serbia. In Montenegro, che insieme alla Serbia forma la Repubblica Federale di Jugoslavia, ha preso fuoco una caserma; Ha anche bombardato obiettivi presso l'aeroporto della capitale Podgorica. Almeno quattro gravi esplosioni sono state segnalate a Pristina, in Kosovo, e la corrente elettrica è stata temporaneamente interrotta.

Si trattava della prima fase di un piano chiaro: con operazioni aeree rapidamente disponibili, con limiti di tempo e condotte a bassa intensità, era necessario aumentare la pressione sul presidente jugoslavo Slobodan Milošević e alla fine del Febbraio 1999. Nella località di pescatori di Rambouillet vicino a Parigi per approvare la zona di crisi in Kosovo. L’attacco è stato preceduto da intensi tentativi di mediazione da parte dei diplomatici occidentali e da avvertimenti urgenti.

Un aereo da caccia americano F-15E Strike Eagle viene rifornito di carburante a mezz'aria da una Stratotanker KC-135R durante un attacco aereo in Jugoslavia il 25 marzo 1999. La NATO continua ad espandere i suoi attacchi aerei in Jugoslavia.  Al 31 marzo.  Come annunciato al quartier generale di Bruxelles, il Consiglio della NATO del Comandante supremo della NATO in Europa, il generale Wesley Clark, ha emesso un ordine simile la sera prima.  L’obiettivo è massimizzare l’impatto degli attacchi aerei.  Da allora, il 27 marzo. "Fase 2" Gli aerei della NATO cercano di distruggere non solo le postazioni di difesa aerea, ma anche i carri armati, l'artiglieria e le unità delle forze jugoslave a sud di Belgrado e in Kosovo.  Sembra che il 31 marzo la NATO abbia effettuato per la prima volta voli a bassa quota su Belgrado.

Un F-15E Strike Eagle fa rifornimento a mezz'aria il 26 marzo 1999

Fonte: Photo Alliance / Agenzia di stampa tedesca

“Se questa ulteriore pressione non produce una risposta positiva, la pianificazione tattica come parte di un'ulteriore escalation porterà alla fine al bombardamento prolungato di tutte le installazioni militari in tutta la Jugoslavia”, ha dichiarato la NATO. L'obiettivo era quello di aumentare il prezzo del continuo rifiuto di Milosevic di accettare una soluzione pacifica al conflitto.

In risposta, il comandante delle forze armate jugoslave in Kosovo ha annunciato attacchi su larga scala contro il popolo kosovaro: “Adesso elimineranno i ribelli”. Gli aerei della NATO erano praticamente invulnerabili per i serbi (due abbattimenti, compreso quello del bombardiere stealth F-117, furono effettuati per sbaglio e con grande sforzo).

Schröder Milosevic ha chiesto la fine immediata dei combattimenti in Kosovo. Ciò non sorprende, poiché si è trattato del voto del più grande blocco di coalizione del Bundestag. Ma il leader del gruppo parlamentare del Partito socialdemocratico, Peter Struck, ha confermato che i rappresentanti sostengono la decisione del governo federale e della NATO. Era decisamente un'esagerazione.

La sera del 24 marzo 1999, bombardieri F-16 belgi decollarono dalla base aerea NATO di Amendola, nel nord Italia, per effettuare attacchi aerei su obiettivi in ​​Serbia.  Quasi 24 ore dopo l'emissione dell'ordine di schieramento in Kosovo, i primi cacciabombardieri della NATO sono decollati dalle basi aeree della NATO di Aviano e Strano nel nord Italia dopo il tramonto.  Tre ore dopo, le prime persone tornarono.

Bombardieri F-16 belgi sono decollati dal nord Italia per effettuare attacchi aerei su obiettivi in ​​Serbia

Fonte: Photo Alliance / Agenzia di stampa tedesca

Le fazioni di opposizione dell'Unione e del Partito Democratico Libero hanno fortemente sostenuto gli attacchi aerei della NATO. Il leader della CDU Wolfgang Schaeuble ha affermato che queste azioni sono state la “triste ma inevitabile conseguenza” della posizione di Milošević.

La reazione del pubblico tedesco è variata dallo scettico al negativo. Herbert Kremp, redattore di lunga data della rivista WELT, ha avvertito: “Le guerre moderne sono guerre dell'informazione. Quanto tempo potrà sopportare il pubblico occidentale per vederne gli effetti? Forse meno a lungo dei serbi?” L’attuazione della pace in Kosovo è ancora una lunga strada da percorrere.

Prima pagina del WELT del 25 marzo 1999

Prima pagina del WELT del 25 marzo 1999

Fonte: Axel Springer SE

Kremp, che ha diretto la redazione della rivista WELT con diverse interruzioni dal 1969 al 1985, ha affermato che gli attacchi aerei con armi ad alta tecnologia sono “estremamente dolorosi”. Ma l’avversario serbo deve essere privato della capacità di agire prima di essere costretto a separarsi dal Kosovo: “Fino a quando ciò non accadrà, Milošević potrà continuare a distruggere i mezzi di sussistenza degli albanesi, completando così la catastrofe umanitaria”.

La scrittrice ospite del WELT, Cora Stephan, ha distorto il fatto che il governo federale di sinistra, cioè il governo federale rosso-verde, abbia ordinato ai soldati tedeschi di entrare in combattimento per la prima volta dal 1945: “Senza un accenno di legittimità morale, voi non mandare più nessuno in guerra”. Questa è una buona cosa. Ma è altrettanto irresponsabile trascurare la posizione del cavallo nell’argomentazione morale: la moralità è indivisibile. Allora cosa impedisce ai tedeschi di invadere presto la Cina? Nessuna prospettiva di successo? Allora devi dirlo in questo modo.”

I manifestanti protestano con striscioni davanti alla Chiesa della Memoria a Berlino il 25 marzo 1999 contro gli attacchi aerei della NATO sulla Jugoslavia.  Circa 200 persone hanno partecipato alla protesta e hanno condannato l'intervento militare come una violazione del diritto internazionale.  Diversi gruppi di sinistra avevano indetto una protesta vicino alla sede del vertice straordinario dell'Unione europea.

L’SDP, ribattezzato PDS, era incondizionatamente anti-NATO nel 1999.

Fonte: Photo Alliance / Agenzia di stampa tedesca

Il giornalista ha ricordato ai politici un'idea importante: “La guerra non avviene nel paese della morale immaginaria, ma nella vita reale. Con sangue, sudore e lacrime”.

Attraverso i suoi attacchi, la NATO ha cercato di raggiungere diversi obiettivi chiaramente definiti e pubblicamente noti: in primo luogo, imporre la fine a tutte le azioni militari da parte del governo Milošević; In secondo luogo, occorre garantire il ritiro di tutte le forze militari, di polizia e paramilitari dal Kosovo e, in terzo luogo, deve essere istituita in Kosovo una forza internazionale di mantenimento della pace. In quarto luogo, a tutti i rifugiati e agli sfollati dovrebbe essere consentito di ritornare alle proprie case incondizionatamente. Infine, in quinto luogo, è stato cercato un accordo quadro politico per il Kosovo sulla base dell'accordo di Rambouillet, in conformità con il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite.

Leggi anche

I sostenitori dell'ex presidente jugoslavo Slobodan Milošević si riuniscono davanti al cancello di casa sua, venerdì 30 marzo 2001. I cittadini di Belgrado fedeli al presidente deposto si sono precipitati a casa sua venerdì sera per proteggerlo dopo che un membro di spicco del suo partito ha dichiarato il suo arresto era imminente.  .  dpa +++ dpa-Bildfunk +++

In sostanza, come nella Guerra del Golfo del 1991, l’elevata precisione degli attacchi NATO è stata sorprendente. Ma ci sono stati anche degli errori gravi: il 12 aprile un attacco aereo della NATO su un ponte ferroviario a Grdelica ha colpito un treno passeggeri e ha ucciso 20 civili. Undici giorni dopo, un attacco ad alta definizione distrusse la sede della televisione serba a Belgrado; 16 dipendenti della stazione sono stati uccisi. La stazione che ha pubblicato la propaganda di guerra più violenta era un obiettivo legittimo? Infine, il 7 maggio, una bomba colpì l'ambasciata cinese a Belgrado; Morirono tre giornalisti. Gli Stati Uniti hanno affermato che si è trattato di un errore e hanno pagato una compensazione finanziaria.

L'”Operazione Allied Force” terminò il 10 giugno 1999 quando Slobodan Milošević si arrese. Negli attacchi della NATO furono uccisi circa mille soldati dell’esercito jugoslavo e secondo le stime tra 489 e 528 civili, di cui quasi due terzi si trovavano in Kosovo, spesso usati come “scudi umani”. La NATO ha perso due soldati, l'equipaggio dell'elicottero d'attacco, esploso per ragioni sconosciute. Due aerei della NATO sono stati abbattuti, ma i loro equipaggi sono fuggiti.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

La NATO è riuscita a realizzare solo parzialmente gli obiettivi dell’accordo di Rambouillet, e ciò è dovuto alla pressione russa. Subito dopo l'inizio degli attacchi aerei, il presidente russo Boris Eltsin, che non era più in grado di agire a causa del suo alcolismo, ha criticato aspramente la NATO. Mosca si riserva il diritto “di adottare misure adeguate, comprese misure militari, per preservare la propria sicurezza e quella generale europea”.

Considerando le circostanze reali, questo era assolutamente ridicolo. Ma forse il motore di questa reazione non era più Eltsin, bensì un uomo minore di appena 47 anni, promosso, non per caso, il 26 marzo scorso alla carica di segretario del Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa. , 1999. Oltre al suo ruolo di presidente del servizio di intelligence interno russo FSB. Il suo nome: Vladimir Putin.