Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La decisione dell’Opec e la guerra in Ucraina: il senatore Usa vuole punire l’Arabia Saudita

La decisione dell’OPEC e la guerra in Ucraina
Il senatore Usa vuole punire l’Arabia Saudita

Il rapporto di Washington con l’Arabia Saudita è teso. Il senatore Menendez è arrabbiato per il fatto che il regno si sia schierato con la Russia nella guerra in Ucraina tagliando la produzione di petrolio dell’OPEC. Si propone di congelare le relazioni degli Stati Uniti con Riyadh.

Dopo che il cartello OPEC+ a guida saudita ha tagliato la produzione di petrolio, il capo del Comitato per le relazioni estere degli Stati Uniti ha chiesto un “blocco” della cooperazione degli Stati Uniti con il principale alleato in Medio Oriente. “Gli Stati Uniti dovrebbero immediatamente congelare tutti gli aspetti della nostra cooperazione con l’Arabia Saudita, comprese tutte le vendite di armi e la cooperazione in materia di sicurezza al di là di quanto strettamente necessario per difendere il personale e gli interessi statunitensi”, ha affermato il senatore democratico Robert Menendez. Ha detto che non avrebbe dato il via libera per lavorare con il governo di Riyadh fino a quando il regno non avesse riconsiderato la sua posizione sulla guerra in Ucraina. “Quando è troppo è troppo.”

Menendez si è detto sconvolto dagli attacchi alle infrastrutture civili in Ucraina. “O sostieni il resto del mondo libero nel tentativo di impedire a un criminale di guerra di cancellare violentemente un intero paese dalla mappa, o lo sostieni”, ha detto Menendez, riferendosi al presidente russo Vladimir Putin. L’Arabia Saudita ha scelto quest’ultima opzione “con una decisione scioccante guidata dall’interesse economico”. L’ambasciata saudita a Washington non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Nonostante le preoccupazioni per una recessione globale causata dall’aumento dei prezzi dell’energia, il cartello petrolifero OPEC+ ha accettato di ridurre la produzione di petrolio di circa il 2% dell’offerta globale. Gli Stati Uniti vogliono abbassare i prezzi del petrolio, tra le altre cose, per privare la Russia delle entrate petrolifere a causa della guerra contro l’Ucraina. I paesi occidentali accusano la Russia di usare l’energia come arma e di creare una crisi energetica in Europa. Le relazioni tra il Regno Unito e l’amministrazione statunitense del presidente degli Stati Uniti Joe Biden sono state tese.

READ  Stratega militare: "Con questi metodi la Russia vince la guerra nel Donbass"