La Cina cambia la sua strategia economica in Europa

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  • daPatrizio Frewa

    Vicino

La Cina sta cambiando strategia e riducendo gli investimenti in Europa. Inoltre, la Repubblica popolare sembra essere particolarmente concentrata su quattro paesi.

PECHINO/MONACO – La Repubblica popolare cinese sta adottando una tattica diversa nell’ambito della sua espansione globale. Per la prima volta dal 2008, i cosiddetti progetti “green field” (costituzione di filiali o costruzione di nuovi impianti di produzione) hanno superato le acquisizioni precedentemente dominanti dell’azienda. Questo è il risultato di uno studio condotto dal Chinese Merics Institute di Berlino in collaborazione con Rhodium Group.

D’altra parte, l’attività di investimento delle aziende cinesi in Europa si è spostata in modo significativo nella direzione della mobilità elettrica (in particolare delle batterie ricaricabili), e il focus è anche sulla costituzione di nuove società. Tuttavia, secondo l’analisi, rispetto all’anno precedente, il numero di acquisizioni da parte di società cinesi è diminuito di circa il 22% a 3,4 miliardi di euro. Questa tendenza era già evidente nella valutazione dello scorso anno.

Europa: gli investimenti della Cina sono concentrati in quattro paesi

Dallo studio è emerso un focus nel campo dell’ingegneria elettrica e della mobilità elettrica. A quanto pare, i riavvii sono avvenuti principalmente nel settore automobilistico: giganti cinesi delle batterie come CATL, Envision AESC e SVOLT hanno investito in stabilimenti in Germania, Gran Bretagna, Francia e Ungheria. In generale, questi quattro paesi sono i maggiori beneficiari: rappresentano circa l’88% degli investimenti cinesi diretti in Europa. Si presume che non solo la maggior parte delle startup abbia avuto luogo qui, ma anche le più comuni acquisizioni e fusioni di società.

Bandiera della Cina su un chip: il paese asiatico è un pioniere nel campo dell’ingegneria elettrica.

© IMAGO / Jakub Porzycki

Cina ed Europa: la regolamentazione politica può essere un fattore di investimento

“I modelli di investimento in evoluzione mostrano chiaramente quanto sia forte la concorrenza cinese, in particolare nel settore della mobilità elettrica”, spiega Max Zenglein, capo economista di Merics. Come l’esperto chiama un background politico: “Gli investimenti greenfield sono meno regolamentati rispetto alle controverse acquisizioni nel campo delle infrastrutture critiche o nel settore tecnologico.

Secondo Agatha Kratz, direttrice del Rhodium Group, le aziende cinesi stanno investendo “miliardi nella catena del valore europea della mobilità elettrica”. Per loro, le aziende cinesi sono tra gli “attori importanti nella transizione energetica”. Nel frattempo, la Repubblica popolare sta beneficiando delle sanzioni occidentali in Russia. (PF con materiale dpa)

Elenco delle regole: © IMAGO / Jakub Porzycki

Related articles

Gli albergatori altoatesini si preoccupano per i loro affari in Italia

Pagina inizialeil mondostava in piedi: 14 luglio 2024, 5:37Da: Mark StobbersPremeredivisoL'imminente ristrutturazione del ponte Luke sull'autostrada del Brennero...

Presso la società di ingegneria meccanica Illig andranno persi 200 posti di lavoro

Home pageun lavorostava in piedi: 14 luglio 2024 alle 15:17da: Mark Stoffers, Marcel ReichInsisteDivideL’ondata di bancarotte della Germania...

Una nuova ricerca confuta anni di ipotesi

Home pageLo sappiamostava in piedi: 14 luglio 2024, 14:34da: Tanja BannerInsisteDivideIl clima di Marte potrebbe essere stato diverso...