Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia: Minaccia di morte al ministro degli Esteri de Mayo – Politica

Luigi de Mayo è spesso ridicolizzato e non del tutto indegno. Il giovane ministro degli Esteri italiano di Cincinnati, 35 anni, ha già commesso molte colpe nella sua vita gloriosa da quando ha collocato il Cile in Venezuela. Detto questo: nell’anti-movimento, non sorprende che chi non è da nessuna parte, con pochi click sul sito, si trovi direttamente in posizioni di responsabilità. De Mayo ha lavorato assiduamente al campo di calcio del Napoli. È stato ridicolizzato come “Pipidoro” come venditore di bevande. Si è opposto all’essere fermato alla tribuna d’onore con i VIP. Non migliora le cose.

Ora improvvisamente lo prendi un po’ più sul serio. La ragione principale di ciò è che ha sempre avuto bisogno di parole chiare per condannare la Russia e il suo presidente Vladimir Putin dall’inizio della guerra in Ucraina, in piena linea con il primo ministro Mario Draghi. A volte è un po’ più severo nella scelta delle parole. Sono finiti i giorni in cui invitava ufficialmente a Roma i rappresentanti del movimento civico “Gillette Johns” dalla Francia. Ora è di nuovo in campagna per l’elezione del presidente Emmanuel Macron. La sua vicinanza a Pechino? Memoria che scompare. Ma il nuovo De Mayo non piace a tutti.

Pochi giorni fa, ha ricevuto feroci maledizioni, comprese minacce di morte, per aver espulso trenta diplomatici russi ritenuti spie. Molti paesi hanno già fatto lo stesso. Ma in Italia l’espulsione ha suscitato polemiche. Leah, populista di destra al governo, ha preso le distanze dal ministro degli Esteri: “La storia ci insegna che la pace può essere raggiunta solo attraverso il dialogo e la diplomazia, non attraverso l’espulsione dei diplomatici”. Il tono è impostato. Qualcuno ha scritto online: “Manda qualcuno a uccidere Putin, de Mayo”. Ci fu grande indignazione e tutti i partiti e gli alti funzionari della Repubblica giurarono fedeltà a de Mayo.

READ  Gruppo pop Roy Bianco & Abrunzatti Boys: Tuto Amore per la bella Italia - Cultura

L’atteggiamento nei confronti di Putin è attualmente confuso

Tuttavia, gli indirizzi di solidarietà non oscurano la confusione che regna attualmente tra il popolo italiano, cosa che non accade in nessun altro Paese d’Europa. In parlamento e negli studi televisivi ci sono “Putiniani” mezzi raffinati, i sostenitori di Putin, i cosiddetti “pari” che non vogliono stare vicino a Kiev oa Mosca. Come respinti e parenti. Da destra a sinistra. Anche l’Associazione degli Antifascisti è divisa sulla loro visione della guerra.

Alessandro Orsini, professore di sociologia in un’università di Roma, appare ora regolarmente nella trasmissione “Carda Bianca” sul Roy Troy. I commenti provocatori di Orcini sembrano alzare gli ascolti, così lo chiamano. La sua tesi: Putin può avere i suoi difetti, ma la NATO non è migliore; L’Italia è schiava degli Stati Uniti e della NATO; Volodymyr Zelensky ha sfidato Putin per molto tempo, quindi non dovrebbe essere sorpreso. L’emittente voleva assumere Orsini a titolo definitivo: 2000 euro a progetto. Ma il contratto è stato ritirato a causa delle proteste. Ai colloqui si incontrano anche intellettuali che fino a ieri si sono ribellati alla certificazione Govt. Ora stanno interrogando i rapporti dall’Ucraina sulle atrocità a Pucha e Mariupol.

Le discussioni sulla guerra rimodellano anche il panorama politico divisivo. Sono in corso trattative tra chi pensa che l’Italia sia un Paese atlantico ed europeo, e populisti che, nonostante i recenti sviluppi geopolitici, stanno ancora flirtando con modelli alternativi. Questi cambiamenti non sono da poco, dato che l’Italia terrà le elezioni parlamentari nella primavera del 2023. Alcuni partiti sono già passati alla campagna e continuano a testare il governo di unità nazionale con i loro giochi tattici. Naturalmente, le sanzioni contro la Russia e il suo embargo sull’Ucraina non hanno precluso un voto in parlamento. Ma i litigi e l’irritabilità sono in aumento.

READ  Greentech Festival annuncia la partnership con l'Italia

Conte è vago, Salvini è perso – Berlusconi tace

Nel caso dei cinque stelle, il divario passa attraverso il partito stesso: “governismo” contro “movimento”. Il primo regna fedelmente. Questi ultimi riflettono lo spirito antioriginario del partito e vi si oppongono. Giuseppe Conte si misura con l’ex presidente del Consiglio e il nuovo “cappo politico” del movimento, il suo predecessore alla guida del partito, De Mayo, e il suo successore, Draghi, alla guida del governo.

Anche l’animosità personale gioca un ruolo in entrambe le partite. Di recente Conte ha combattuto contro un aumento della spesa per le armi al due per cento del PIL. Ci sono altre priorità, ha detto, che sono legittime. Cosa non vuole dire: durante il suo mandato come Primo Ministro, dall’estate del 2018 al febbraio 2021, la spesa per la difesa è stata più alta che mai: qualcuno voleva accontentare Donald Trump. Dove si trova esattamente Conte? Uno non lo sa.

Anche Matteo Salvini della Lega si copre nell’oscurità. Nella prima fase della guerra, ha cercato di essere un pacifista. Putin è arrivato a dimenticare le tante foto che ha mostrato con le magliette ai rifugiati ucraini in Polonia. È un teppista di Putin e la sua gamba ha legami molto stretti con il suo partito Russia Unita. Ma la facile azione palese in Polonia è stata una battuta d’arresto, dalla quale si è ripreso a malapena con difficoltà. Disperso da settimane. Non voleva commentare le foto di Pucha, tuttavia commentava sempre tutto. Tornò proprio mentre De Mayo stava espellendo i diplomatici russi. Ma Salvini non ha nominato Putin.

READ  Deschamps "non si è mai risentito per questo discorso": la Francia non ha seguito Italia, Spagna e Germania

Anche Silvio Berlusconi è stato a lungo in silenzio. Secondo quanto riferito, ha cercato di chiamare spesso il suo amico Putin, ma non ha risposto. I due sono sempre stati molto legati, anche personalmente. Putin ha invitato Berlusconi dalla sua duchessa e Berlusconi ha ospitato una cena per Putin nella sua Villa Certosa in Sardegna. Berlusconi una volta ha detto di Putin che era “un dono di Dio”. Ora non ha menzionato il nome del suo amico. Rifiuta anche di lasciarsi sfuggire la parola “Russia” quando parla di “guerra inaccettabile” in generale.

I politici di altri paesi possono giustificare o scusarsi per aver travisato Putin: in Italia i suoi vecchi amici si comportano come se Putin fosse un signore della guerra, un aggressore, nessun problema. Fatta eccezione per Luigi de Mayo di Pomigliano de Arco, vicino a Napoli. Si libera efficacemente dai populisti.