Maggio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Inflazione negli Stati Uniti d’America: le banche centrali chiedono un aumento significativo del tasso di interesse di riferimento negli Stati Uniti

Capitale inflazione economica

La Federal Reserve americana chiede un forte aumento dei tassi

Inflazione: la più alta degli ultimi 40 anni

In Germania, l’inflazione a marzo ha raggiunto il livello più alto degli ultimi 40 anni. Uno dei motivi: i prezzi elevati dell’energia. Ma le cose stanno diventando più costose anche al supermercato e anche qui i consumatori devono scavare più a fondo nelle loro tasche.

Un membro anziano della Federal Reserve è ora all’offensiva. L’inflazione deve essere controllata. Entro la fine dell’anno, ha in programma di aumentare i tassi di interesse negli Stati Uniti molto più di quanto tutte le previsioni si aspettassero.

DottIl banchiere federale statunitense James Bullard ha chiesto un aumento significativo dei tassi di interesse statunitensi al 3,5% entro la fine dell’anno al fine di frenare l’elevata inflazione. “L’inflazione è troppo alta”, ha detto lunedì sera il presidente della Federal Reserve Bank di St. Louis negli Stati Uniti in una conferenza virtuale. “Dobbiamo controllare l’inflazione”.

La Federal Reserve l’ha fatto tasso d’interesse Il mese scorso, è aumentato di 0,25 punti percentuali allo 0,5% e le previsioni della Fed all’epoca prevedevano un tasso di fine anno di circa l’1,9%. Il mercato sta attualmente assumendo un livello compreso tra il 2,5 e il 2,75 percento.

Pertanto, l’obiettivo di Pollard sarà più aggressivo. Tuttavia, Pollard ha affermato che l’aumento al 3,5% non dovrebbe essere fatto in un unico passaggio e gli aumenti non dovrebbero essere superiori a 0,5 punti percentuali per passaggio.

Leggi anche

Ha detto che il tasso di inflazione scenderà di nuovo in parte da solo. Ma questo non si applica all’intera ondata di inflazione. A marzo, l’inflazione negli Stati Uniti ha raggiunto l’8,5 per cento, il livello più alto dal 1981. Da sola non sarebbe diminuita di almeno 3,6 punti percentuali. “E questo è ben al di sopra del nostro obiettivo del 2%”, ha detto Pollard. Quindi la Fed deve agire

Ha aggiunto che l’economia statunitense non entrerà in recessione e che il tasso di disoccupazione, attualmente al 3,6 per cento, è probabile che quest’anno scenda al di sotto del 3 per cento. È probabile che la guerra in Ucraina abbia un impatto significativo sullo sviluppo economico in Europa, ma gli effetti sul Nord America rimarranno limitati.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“All in Stock” è l’istantanea quotidiana della borsa valori del team editoriale di WELT Business. Ogni mattina dalle 7 del mattino con i nostri giornalisti finanziari. Per esperti di borsa e principianti. Iscriviti al podcast su spotifyE Podcast di AppleE musica amazzonica E Deezer. o direttamente tramite RSS Feed.

READ  Guerra in Ucraina nell'indice: DAX più fermo nel fine settimana - Le borse americane finiscono in disaccordo - METRO potrebbe voler fare miliardi per il business indiano - Valneva, VW, Bayer in primo piano | newsletter