Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Incidenti in bicicletta: perché David Rebellin è morto? – Gli sport

Non ci volle molto perché David Rebellin ottenesse i suoi primi cimeli. Uno si trova al Col de Castillon vicino a Nizza ea Sanremo, paradiso dei ciclisti. Rebellin ci andava spesso in bicicletta con il suo amico David Formolo. E Formolo ha apposto al recinto di Castillon un telaio a ruota nera, con un nastro bianco e un saluto d’addio: “David per sempre!”Davide per sempre.

Per quasi due settimane è stato un titolone nel mondo del ciclismo, soprattutto in Italia: il professionista di lunga data David Rebellin, 51 anni, è stato investito da un camionista su una strada di campagna in Veneto ed è morto sul colpo. Come succede? Perché qualcosa di simile accade ancora e ancora in Italia, dove anche la morte di Rebellin e Michele Scarponi nel 2017 sembra non aver cambiato nulla del problema di fondo?

La Procura della Repubblica di Vicenza sta cercando da quasi due settimane di capire momento per momento la dinamica dell’incidente, e i media italiani la seguono da vicino. Un figlio di spicco del paese di Rebel, ha visto l’intera gamma del ciclismo, dai divieti di doping, in particolare per la squadra tedesca Gerolsteiner, alle grandi vittorie nelle classiche di primavera. Ha concluso la sua carriera all’età di 51 anni e più recentemente ha corso gare minori. Quando si è fermato, ha detto: “Sarò sempre in bici, meno serio”.

Famosi media italiani stanno ora riportando che i filmati della telecamera di sorveglianza di un ristorante vicino mostrano parti minime dell’incidente. 30 novembre, verso mezzogiorno: In una rotonda a Montebello Vicentino, un piccolo paese del vicentino, una donna ribelle viene trovata morta a terra dopo essere stata investita da un camion. L’autista, secondo i filmati delle telecamere di sorveglianza, scende dal suo veicolo, trova l’uomo a terra gravemente ferito, risale sul suo camion e si allontana. e poi in Germania.

READ  DFB Youth: nemici forti per l'U19: lotta con Italia e Belgio

È facile per gli investigatori confrontare le immagini, quindi escogitano un uomo che si dice provenga dal Nord Reno-Westfalia. È sospettato di un atto che gli italiani chiamano nel codice penale “omicidio stradale”, più o meno: “omicidio stradale”. L’automobilista è stato denunciato anche per omissione di soccorso.

L’Italia non è un paese per ciclisti, lo dicono gli stessi italiani

L’ufficio del pubblico ministero sta ora facendo pressioni sulle autorità tedesche per arrestare l’autista o porlo agli arresti domiciliari; Almeno gli investigatori vogliono interrogarlo tramite collegamento video. Su richiesta di SZ, la stazione di polizia competente nel Nord Reno-Westfalia ha confermato che le autorità italiane li avevano contattati nel caso; Ma ancora non posso dirlo. In assenza di un elemento centrale di “omicidio stradale” nell’ordinamento giuridico tedesco, l’estradizione non è possibile.

Gli investigatori italiani stanno basando il caso sull’aiuto evaso e su due incidenti precedenti. Nel 2001 l’automobilista avrebbe commesso una mordi e fuggi dopo un incidente da lui provocato in Puglia. È stato condannato per questo, ma l’atto è stato programmato. Nel 2014 la polizia di Chieti gli ha revocato la patente dopo aver scoperto che guidava in stato di ebbrezza.

Poi c’è il secondo livello di una questione che da tempo li fa girare in tondo in Italia, ancor di più adesso. “Non è un paese per ciclisti”, dicono gli stessi italiani. E le belle città come la Pianura Padana, la Birmania, Reggio Emilia, Bologna, Ferrara? Le persone ci vanno in bicicletta nella loro vecchiaia e le vedi ovunque, quasi iconiche.

Tra il 2018 e il 2021 in Italia sono morti 217 ciclisti dopo essere stati travolti o travolti da veicoli.

Ma questa è solo metà della storia. Più si va a sud, più la vita è pericolosa per i ciclisti e per i pedoni. C’è un atteggiamento prevalente secondo cui le strade appartengono alle auto e tutto il resto è un fastidio. Questa è cultura, incolta. Ad esempio, Roma: attraversare una strada cittadina, soprattutto di notte con scarsa illuminazione, è pericoloso quanto attraversare un’autostrada. I giornali locali riportano ogni giorno nuove tragedie, e recentemente sono aumentate a dismisura. E di monopattini elettrici l’Italia ne ha in abbondanza.

READ  Tutto quello che c'è da sapere sul Gran Premio d'Italia

Tra il 2018 e il 2021 in Italia sono morti 217 ciclisti dopo essere stati investiti o investiti da veicoli. Questo è secondo gli studi dell’ufficio statale di statistica, Istads. Anche se qualcuno è morto dopo pochi giorni in ospedale a causa delle ferite riportate, non è stato registrato.

Esordisce nel ciclismo professionistico con la squadra italiana Polti: Jörg Zachsche, qui ai Campionati tedeschi di ciclismo su strada 1998.

(Foto: Bürhaus/Imago)

Chiamando Jörg Jacques, ex ciclista professionista: la scena professionale e la vita quotidiana in Italia. Jacques è diventato professionista con il Team Boldy nel 1997, guidando per Rebellion all’epoca; Ha poi vissuto e lavorato in Italia per circa sette anni. Mancano strade larghe e moderne con spazio per piste ciclabili e trasporti pubblici per alleggerire le strade, afferma. Una volta è stato superato da un motociclista che voleva sorpassarlo casualmente e poi ha spinto il suo manubrio nel manubrio di Jackshay (entrambi sono atterrati leggermente).

Solo: “Altrimenti non ho la sensazione che l’Italia sia incredibilmente diversa dal traffico stradale tedesco sotto questo aspetto”, dice Jacques. È come: “Se succede qualcosa, perdi sempre come ciclista. Non hai una zona di incidente”. In Italia, Patrik Sinkewitz, cresciuto nello sport a Quickstep-Mapei, afferma: “Le strade stanno diventando sempre più impraticabili, con ostacoli artificiali come spartitraffico e vasi di fiori” che ostacolano il flusso del traffico. In Germania, lo vede anche “peggio”.

Solo per questo motivo, ogni atleta che si sviluppa nel ciclismo professionistico è fortemente invitato a prestare attenzione nel traffico: la minima caduta capovolge tutti i piani di allenamento. Rebellin, Jaksche e Sinkewitz hanno ricordato che fu uno dei primi professionisti a indossare il casco durante l’allenamento, cosa che molti trovarono fastidiosa all’epoca. “Era una persona riservata, quasi timida”, dice Jacques; È irremovibile: “Sicuramente non lo indossa”.

Molti italiani non sono meno severi nel loro trasporto. Le strade italiane sono “campi di battaglia”, ha detto di recente un deputato della Camera dei deputati di Roma. Mauro Berruto, cosiddetto socialdemocratico, ha riprovato a combattere il fenomeno culturale con una nuova legge: se un motociclista vuole sorpassare un ciclista, la distanza tra il veicolo e la ruota deve essere di almeno 1,5 metri. Berruto non è il primo parlamentare a difendere i ciclisti, ma finora è andata peggio.

Tre anni fa, il governo guidato dall’allora presidente del Consiglio Giuseppe Conte si è adoperato per prevedere almeno più piste ciclabili e limiti di velocità. È stato valutato 47 milioni di euro. Il nuovo governo di destra del premier Georgia Meloni ha tolto questa voce irrisoria dal bilancio 2023. Nessun commento Anche la morte di Rebel non ha potuto farle cambiare idea.