Novembre 28, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In che modo la vitamina D agisce contro l’infiammazione nel COVID-19 e può smorzare una risposta immunitaria iperattiva

Gli scienziati hanno recentemente acquisito informazioni su come la vitamina D contribuisce all’infiammazione causata dalle cellule immunitarie nel COVID-19. Le cosiddette cellule T sono principalmente responsabili della gravità di Reazione immunitaria nel COVID-19 responsabile e può aggravare il decorso della malattia. Inoltre, la nuova ricerca mostra il meccanismo con cui la vitamina riduce la trasmissione dei segnali infiammatori in tali cellule.

L’effetto della vitamina D contro l’infiammazione nel virus SARS-CoV-2

Infusione per somministrazione endovenosa di vitamina D contro l'infiammazione in COVID-19

Le cellule T sono coinvolte nella risposta immunitaria all’infezione che causa il COVID-19. Tuttavia, secondo gli autori dello studio, sono necessarie ulteriori ricerche, in particolare studi clinici, prima che i nuovi risultati consentano un’opzione di trattamento. Inoltre, i ricercatori non possono ancora raccomandare l’uso della vitamina D naturale come trattamento. Nessuno dovrebbe assumere più della dose raccomandata di vitamina per prevenire una grave infezione da corona. Quando gli scienziati capiscono come agisce la vitamina D contro l’infiammazione, capiscono anche di più su come funziona il farmaco. Di conseguenza, questo potrebbe aprire la strada a nuovi farmaci più efficaci. Gli autori dello studio hanno iniziato osservando come i virus influenzano le cellule polmonari in ricerche precedenti. Quando hanno scoperto che i virus potevano innescare un percorso biochimico noto come sistema immunitario del complemento, i ricercatori hanno cercato modi per interrompere questo percorso e ridurre l’infiammazione che ne consegue.

Una potenziale opzione di trattamento mediante iniezioni per gravi reazioni immunitarie dopo l'infezione con il virus Corona

I risultati dello studio mostrano che la vitamina D può accelerare la transizione dalla fase infiammatoria a quella antinfiammatoria della risposta immunitaria nel COVID-19. Nel caso del MERS-CoV, la fase proinfiammatoria nelle cellule T non sembra essersi fermata. Questo può essere dovuto al fatto che non c’è abbastanza vitamina D nel loro sistema o perché c’è qualcosa di anormale nella risposta immunitaria. In questo caso, i ricercatori ipotizzano che l’aggiunta di vitamina D ai trattamenti esistenti sotto forma di un metabolita endovenoso altamente concentrato potrebbe aiutare le persone a riprendersi dall’infezione da COVID, sebbene non abbiano testato questa teoria. Tuttavia, è una forma speciale della vitamina che non è disponibile nelle farmacie. Pertanto, è importante capire i risultati questo studio di provette dovrebbe essere testato anche in studi clinici su pazienti reali.

READ  Omega 3 a Omega 6: questo è il rapporto ottimale