Novembre 28, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’attrice Katja Beinert piange il marito: “Rottura”

L’attrice è stata imprigionata negli Stati Uniti per diversi mesi a causa del suo compagno. È tornata con lui più tardi. Katja Beinert è in lutto per suo marito ora.

Serie di foto con 42 foto

È morto Donald Gardner, marito della star di “Praxis Polobogen” Katia Beinert, lo ha annunciato l’attrice sul suo profilo pubblico di Facebook. Scrive anche di ciò di cui è morto l’americano.

Scrive di un’immagine che mostra un documento intitolato “Necrologio per Berlino”: “È con il cuore pesante che annuncio la morte improvvisa del mio amato marito, Donald Gardner”. Beinert continua: “Sono al verde, ma ti terrò aggiornato!” Ha anche spiegato che Gardner è morto per asistolia o arresto cardiaco alle 8:15 del 20 novembre.

Diversi utenti hanno espresso le loro condoglianze tramite il post di Facebook. Inclusa l’attrice Katie Karenbauer. Ha scritto al 55enne: “Caro, ti porgo le mie più sentite condoglianze e condoglianze in questi tempi difficili. Sii una coccola”.

Bienert ha iniziato la sua carriera negli anni ’70

Katja Beinert ha debuttato come attrice alla fine degli anni settanta nel film “The Schoolgirls from the Zoo Meeting Point”, a quel tempo era ancora un’adolescente. A metà degli anni ’80 si è diplomata al liceo e successivamente è stata vista in diversi film e serie televisive, tra cui la prima stagione della serie in prima serata di ARD “Praxis Bülowbogen”. Inoltre, è anche apparsa GZSZ o inPolizia 110“.

Nel 2017, è stato riferito che Bianert era scomparso negli Stati Uniti. Poco dopo si è saputo che era detenuta lì. Motivo: è stata accusata di violazione di domicilio perché era vicina al suo fidanzato Donald Gardner, che in precedenza aveva ottenuto un divieto dal suo contatto e l’aveva denunciata per stalking. Inoltre, c’era un visto scaduto.

READ  "E 'chiaramente che funziona male."

Dopo aver lasciato la prigione, Bienert tornò a Berlino – con Gardner. “Ha sempre significato bene per me. In quel momento, informami solo in modo che io possa aiutarmi. Ero in piedi accanto a me e avevo bisogno di aiuto. “Li ho messi in prigione”, ha detto a Bild all’epoca, come ha confermato all’epoca: “Donald veniva a trovarmi ogni sabato mentre ero in arresto per deportazione. La sentenza ha cementato il nostro amore”.