Maggio 25, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il virus dell’herpes come nuova immunizzazione contro i virus corona e influenzali: la pratica della guarigione

Nuovo vaccino contro corona virus e influenza

Il coronavirus SARS-CoV-2 e il virus dell’influenza A (IAV) sono due noti virus di origine zoonotica che hanno causato epidemie globali con gravi conseguenze per la salute umana e l’economia. C’è una continua necessità medica di vaccini contro questi agenti patogeni. Il virus dell’herpes può aiutare. Perché, come riferiscono ora i ricercatori, hanno sviluppato un nuovo vaccino contro i coronavirus e l’influenza a base di citomegalovirus.

Per lo più incontriamo virus come agenti patogeni. Ma i cuscinetti vaccinali a base di virus possono anche aiutare a proteggere da varie malattie. I ricercatori hanno ora sviluppato un nuovo vaccino contro vari virus respiratori basato sul CMV. Una singola dose del vaccino, che consiste in un citomegalovirus con l’aggiunta di un gene del coronavirus o dell’influenza A, protegge efficacemente i topi dalle infezioni respiratorie.

Dalla famiglia dei virus dell’herpes

come in corrente Messaggio Presso l’Helmholtz Center for Infection Research (HZI) di Braunschweig, i vaccini a base di vettori hanno visto la loro svolta generale con lo sviluppo di diversi vaccini COVID-19. In questa tecnica, i virus helper innocui forniscono il codice genetico di un antigene alle cellule ospiti, che a loro volta producono l’antigene e lo presentano sulla loro superficie, innescando una risposta immunitaria.

Mentre i vaccini vettoriali SARS-CoV-2 si basano su adenovirus modificati, i ricercatori guidati dal professor Luca Cicin-Sain, capo di HZI “Immunologia virale”, hanno identificato un candidato alternativo promettente per una piattaforma vaccinale basata su vettori: il citomegalovirus (CMV).

Secondo le informazioni, il CMV è un membro della famiglia dei virus dell’herpes, che di solito provoca solo sintomi lievi quando è infetto e può rimanere nel corpo per molto tempo.

READ  Biologia evoluzionistica: il ricercatore di formiche Edward O. Wilson

“Effetto protettivo contro l’influenza e SARS-CoV-2”

Nel presente studio, scienziati HZI con partner nazionali e internazionali, tra cui il Centro tedesco per la ricerca sulle infezioni (DZIF), il Centro tedesco per i primati – Leibniz Primate Research Institute (DPZ), l’Università tecnica di Braunschweig e l’Università di Rijeka in Croazia, hanno lavorato con Topi CMV (MCMV). ) in un modello di infezione animale, perché il CMV umano non può infettare i topi.

“Una caratteristica del CMV è che provoca un’attivazione forte e prolungata dei linfociti T, che aiuta a mantenere il virus sotto controllo”, spiega Cicin-Sain. Per utilizzare MCMV come vettore per la protezione contro altre infezioni respiratorie, i ricercatori hanno incorporato la sequenza genetica delle proteine ​​dell’influenza A o SARS-CoV-2 nel genoma di MCMV. Dopo che questi virus portatori sono stati iniettati, i topi hanno sviluppato una risposta immunitaria che li ha protetti dall’infezione da influenza o SARS-CoV-2.

Come descritto nel comunicato, il sistema immunitario adattativo è costituito da due parti: le cellule B che producono anticorpi costituiscono il braccio umorale e le cellule T costituiscono il braccio cellulare. Secondo gli esperti, entrambe le braccia devono essere trattate per una risposta immunitaria efficace e duratura.

“Mentre la risposta immunitaria al CMV è dominata dalla risposta dei linfociti T, abbiamo dimostrato nel nostro studio che questo vettore può anche indurre un effetto protettivo contro l’influenza e SARS-CoV-2 attraverso gli anticorpi”, afferma Cicin-Sain. Per SARS-CoV-2, gli scienziati sono stati anche in grado di dimostrare che gli anticorpi erano attivi contro diverse varianti del virus, come alfa (B.1.1.7) e beta (B.1.351).

Migliorare la qualità degli anticorpi

Secondo i dati, non solo una singola dose di vaccino contro il CMV ha fornito protezione a lungo termine, ma la qualità degli anticorpi è migliorata nel tempo attraverso un processo chiamato maturazione dell’affinità.

READ  Corona in auto: 4254 nuovi feriti - nove nuovi morti | NDR.de - Notizie

L’immunità permanente di solito richiede più iniezioni di vaccino. Con la nostra piattaforma, lo osserviamo in una singola dose”, spiega Yeonsu Kim, uno studente di dottorato presso il Dipartimento di Immunologia Virale e primo autore dello studio. “Questo rende il CMV un candidato ideale per i vettori per ottenere una buona protezione con una logistica semplice, ” spiega il ricercatore.

“Nel complesso, dimostriamo che la nostra piattaforma vaccinale può generare una forte protezione mediata da anticorpi contro due diversi virus respiratori. Pertanto, riteniamo che l’effetto non sia specifico per il virus bersaglio, ma la piattaforma CMV può essere applicata anche ad altri virus”. dice Cicin. -Sain. “L’approccio ha il potenziale per avanzare attraverso ulteriori fasi di sviluppo clinico preclinico necessarie”.

I risultati del nuovo vaccino candidato non pronto per la commercializzazione sono stati pubblicati sulla rivista.Immunologia Cellulare e MolecolareCassa. (AD)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme ai requisiti della letteratura medica specializzata, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato verificato da professionisti del settore medico.

Risorse:

  • Centro Helmholtz per la ricerca sulle infezioni: il team di ricerca HZI sviluppa un nuovo vaccino contro i coronavirus e l’influenza basato sul citomegalovirus, (consultato: 18 gennaio 2022), Centro Helmholtz per la ricerca sulle infezioni
  • Yeonsu Kim*, Xiaoyan Zheng*, Kathrin Eschke*, M. Zeeshan Chaudhry*, Federico Bertoglio, Adriana Tomić, Astrid Krmpotić, Markus Hoffmann, Yotam Bar-On, Julia Boehme, Dunja Bruder, Thomas Ebensen, Linda Brunotte, Stephan Ludwig, Martin Messerle, Carlos Guzman, Ofer Mandelboim, Michael Hust, Stefan Pöhlmann, Stipan Jonjić, Luka ičin-Šain (*contribuito equamente): i vettori del vaccino a base di MCMV che esprimono proteine ​​virali a lunghezza intera forniscono una protezione immunitaria umorale a lungo termine dopo la vaccinazione con piombo In: Immunologia Cellulare e Molecolare, (data di pubblicazione: 01-07-2022), Immunologia Cellulare e Molecolare
READ  Terapia del sangue del cordone ombelicale - Il paziente con AIDS è considerato guarito dopo la terapia con cellule staminali

nota importante:
Questo articolo contiene solo consigli generali e non deve essere utilizzato per l’autodiagnosi o il trattamento. Non può sostituire una visita dal medico.