Il rischio di demenza può aumentare dopo un’infezione virale

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. 24 vita
  2. Vivi sano

Si dice che alcune infezioni virali accelerino il declino mentale. Secondo uno studio, questo aumenta il rischio di demenza.

Se prendi un virus, il tuo sistema immunitario è solitamente indebolito per molto tempo dopo. Possono essere necessarie settimane o talvolta anche mesi prima che il corpo si riprenda dall’infezione. Nel peggiore dei casi, può trasformarsi in sindrome da stanchezza cronica. Ma non solo: come hanno scoperto i ricercatori, l’infezione dovrebbe aumentare il rischio di demenza.

Lo studio suggerisce che il rischio di sviluppare la demenza dovrebbe aumentare dopo aver contratto il virus

Dopo un grave decorso del Covid-19, in uno studio i malati di Alzheimer hanno mostrato un cervello molto invecchiato. Altre infezioni virali possono anche accelerare il deterioramento del cervello. © Fizkes / IMAGO

È nel giornale di settore cellule nervose pubblicato Stabile Scienziati del National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti hanno utilizzato i dati di due database vitali provenienti dalla Finlandia e dal Regno Unito. Lì sono stati valutati i dati di 800.000 pazienti in 15 anni. I risultati dello studio mostrano che le persone che hanno avuto una certa infezione virale hanno un rischio maggiore di sviluppare malattie neurodegenerative. Questi includono la demenza, il morbo di Parkinson e la sclerosi multipla.

L’associazione può essere confermata nell’analisi dei dati. Tuttavia, la causa esatta non è ancora chiara. Poiché le persone con demenza hanno generalmente un sistema immunitario più debole, possono essere più suscettibili alle infezioni virali. Tuttavia, come seconda ipotesi, è anche possibile che alcune infezioni virali possano danneggiare il cervello. Questa ipotesi è supportata anche da altri studi. Ad esempio, i malati di Alzheimer mostrano un cervello particolarmente invecchiato dopo un grave decorso di Covid 19.

Non perdere nulla: puoi trovare tutto ciò che riguarda la salute nella newsletter periodica del nostro partner 24vita.de.

I processi degenerativi nel cervello possono essere accelerati dall’infezione

I risultati dello studio mostrano che i processi degenerativi già in atto nel cervello possono essere accelerati dall’infezione. Ciò può anche portare al declino mentale, con gravi conseguenze, poiché la vecchiaia presenta il maggior rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer. Tuttavia, coloro che vogliono prevenire la perdita di memoria possono farlo seguendo una dieta sana e facendo abbastanza esercizio fisico. Un tipo di sport è particolarmente adatto per la protezione contro la demenza.

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull’argomento sanitario pertinente e non è quindi destinato all’autodiagnosi, al trattamento o ai farmaci. Non sostituisce in alcun modo una visita dal medico. Sfortunatamente, la nostra redazione non è in grado di rispondere a domande individuali sulle immagini cliniche.

Related articles

Gli albergatori altoatesini si preoccupano per i loro affari in Italia

Pagina inizialeil mondostava in piedi: 14 luglio 2024, 5:37Da: Mark StobbersPremeredivisoL'imminente ristrutturazione del ponte Luke sull'autostrada del Brennero...

Presso la società di ingegneria meccanica Illig andranno persi 200 posti di lavoro

Home pageun lavorostava in piedi: 14 luglio 2024 alle 15:17da: Mark Stoffers, Marcel ReichInsisteDivideL’ondata di bancarotte della Germania...

Una nuova ricerca confuta anni di ipotesi

Home pageLo sappiamostava in piedi: 14 luglio 2024, 14:34da: Tanja BannerInsisteDivideIl clima di Marte potrebbe essere stato diverso...