Maggio 19, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il pancreas artificiale come soluzione “fai da te” – una pratica di guarigione

Gestire la somministrazione automatizzata di insulina

Per molte persone con diabete di tipo 1, un pancreas artificiale o un sistema automatizzato di somministrazione di insulina è un’enorme comodità nella vita di tutti i giorni. Questo non è un organo artificiale, ma un dispositivo impiantato che misura regolarmente la glicemia e secondo necessità per l’autosomministrazione dell’insulina. Quanto sono sicuri questi sistemi e quali vantaggi offrono?

48 rinomati esperti del “BIH Charité Digital Clinical Scientist Program” hanno pubblicato la prima guida contenente raccomandazioni per la gestione di un pancreas artificiale. La guida è rivolta principalmente agli operatori sanitari e descrive come le persone possono essere supportate con sistemi automatizzati di somministrazione di insulina. La guida è stata recentemente pubblicata sulla popolare rivista “Diabete delle lancette ed endocrinologiaIl petto.

Cosa fa un pancreas artificiale?

Il pancreas artificiale contiene un sensore che misura il livello di glucosio nei tessuti ogni cinque minuti. Da questo punto di vista, l’algoritmo calcola come si evolvono i valori di glucosio e regola il valore per mezzo di una dose di insulina coordinata con precisione.

Oltre alle soluzioni certificate, esistono anche soluzioni software che sono programmate in modo indipendente per regolare automaticamente il livello di glucosio utilizzando un microinfusore per insulina. Le soluzioni fai-da-te non sono ufficialmente approvate in Germania. Questi sistemi sono già utilizzati da oltre 10.000 persone con diabete in tutto il mondo.

La tecnologia è in ritardo a causa della lunga approvazione

La dott.ssa Katharina Brown lamenta che “l’approvazione di nuovi dispositivi medici di solito richiede molto tempo, motivo per cui spesso è indietro di anni rispetto alle attuali possibilità tecniche”. È la prima autrice del manuale e ricercatrice principale per il progetto OPEN, finanziato dall’UE, che sta convalidando scientificamente i sistemi aperti per la terapia automatizzata del diabete. La stessa Brown ha lottato con il diabete di tipo 1 da quando aveva 12 anni e usa il sistema AID open source per il suo trattamento.

READ  Aggiornato Corona: i test saranno probabilmente gratuiti fino alla fine di maggio - Politica

Sono essi stessi diabetici

Conosciuti come sistemi AID open source, tali sistemi sono emersi da una comunità internazionale di persone con diabete di tipo 1 e dalle loro famiglie. La comunità ha già collegato pompe per insulina e sensori di glucosio esistenti a un algoritmo di controllo appositamente programmato. L’intero sistema può essere controllato tramite uno smartphone o un microcomputer. La pompa è facilmente accessibile tramite Bluetooth o onde radio.

Comunità online per i sistemi AID open source

Il team di sviluppo ha reso il software dell’algoritmo gratuito e open source come progetto open source. Ci sono anche istruzioni su come gli utenti possono configurare i dispositivi.

Anche la comunità online che circonda il progetto offre supporto reciproco. A differenza dei sistemi ufficialmente disponibili, secondo il Berlin Institute of Hygiene at the Charité, i sistemi open source sono sempre aggiornati grazie alla grande community e allo scambio.

Più di 10.000 bambini e adulti con diabete utilizzano già questi sistemi open source e riferiscono che la loro qualità di vita è migliorata da quando li utilizzano. Tra le altre cose, le persone colpite dormono meglio perché non si svegliano così spesso a causa delle sveglie notturne, si sentono meglio perché le forti fluttuazioni dei livelli di glucosio si verificano meno spesso e i loro livelli di glucosio sono spesso nell’intervallo raccomandato, il che può ridurre il rischio di infezione malattie secondarie.

“Inizialmente, si trattava solo di resoconti aneddotici personali sui social media”, spiega Brown. Con il progetto OPEN, questo è ora destinato a cambiare e d’ora in poi i sistemi saranno testati scientificamente.

Utilizzare a proprio rischio

I ricercatori sottolineano che non c’è ancora stata alcuna approvazione ufficiale per i sistemi AID open source. Chiunque desideri utilizzare un tale sistema attualmente lo fa a proprio rischio. A causa della mancanza di consenso, anche i medici si trovano in una situazione difficile quando si prendono cura dei pazienti che utilizzano questi sistemi.

READ  Vaccino corona “morto” come salvatore? Gli studi ti fanno sedere e prestare attenzione

La prima guida ai sistemi AID open source

“Ecco perché abbiamo deciso di creare un consenso internazionale con linee guida che mostrino agli operatori sanitari come possono supportare al meglio i pazienti”, afferma Brown.

Gli esperti che partecipano alla guida hanno esperienza pratica di lavoro con l’AIDS open source. Tra le altre cose, forniscono una panoramica delle attuali scoperte scientifiche, descrivono le tecniche utilizzate ed evidenziano aspetti medici, etici e legali, nonché vantaggi e svantaggi generali.

“Ci auguriamo che con il progetto OPEN e la guida che è ora pubblicata, possiamo aiutare a eliminare tutti i dubbi che possono ancora esistere quando si ha a che fare con questi regimi, (…) perché i risultati dello studio dimostrano che abbiamo ragione”, afferma Brown. (FP)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme ai requisiti della letteratura medica specializzata, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato verificato da professionisti del settore medico.

autore:

Diploma Editor (FH) Volker Plasic

Risorse:

  • Berlin Institute of Health Charity (BIH): le soluzioni fai-da-te per i diabetici sono sicure e consigliate (data di pubblicazione: 02/01/2022), bihealth.org
  • Katharina Brun, Rehan L, Lenka Petrozelkova, et al.: Somministrazione automatizzata di insulina open source: una dichiarazione di consenso internazionale e una guida pratica per gli operatori sanitari; In: The Lancet Diabetes and Endocrinology, 2022, thelancet.com
  • Progetto OPEN: ricerca sulla tecnologia open source per il diabete (accesso: 4 febbraio 2022), open-diabetes.eu

nota importante:
Questo articolo contiene solo consigli generali e non deve essere utilizzato per l’autodiagnosi o il trattamento. Non può sostituire una visita dal medico.