Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il kernel Linux 5.18 è qui

Il kernel Linux 5.18 include un driver Intel che può consentire a un produttore di chip di abilitare nuove funzionalità del silicio dopo che gli utenti hanno pagato la licenza.

creatori di Linux Linus Torvalds Ha annunciato il rilascio stabile del kernel Linux 5.18, essendo sopravvissuto all’ultima settimana di sviluppo senza brutte sorprese inaspettate.

Come al solito, domenica sera Torvalds ha annunciato l’ultima versione stabile del kernel Linux chiamata 5.18. È stato rilasciato in tempo e circa due mesi dopo la versione stabile 5.17, aprendo la finestra di integrazione di Linux 5.19.

Torvalds non aveva molto da dire su Linux 5.18, ma ha incoraggiato gli sviluppatori a usarlo.

“Voglio ancora che le persone provino questo noioso vecchio 5.18 prima di entusiasmarci per tutte le nuove funzionalità della finestra di unione”, ha scritto Torvalds.

Tuttavia, ci sono stati alcuni “aggiornamenti del driver” così come alcune altre correzioni architetturali minori, alcune reti di base e alcuni strumenti.

Mentre la scorsa settimana non ha portato sorprese per Torvalds, Linux 5.18 è stato finalmente distribuito con il driver Intel Software Defined Silicon (SDSi), rendendolo Intel Corporation Consente di eseguire funzioni della CPU che sono già state vendute se l’acquirente paga una licenza. Il driver consentirà a Intel di abilitare le funzionalità già presenti nella CPU una volta che l’utente avrà acquistato un contratto di licenza.

David Box, un ingegnere del software Intel Linux, ha descritto SDSi su una mailing list del kernel Linux a settembre come un “meccanismo post-produzione per abilitare funzionalità aggiuntive del silicio”. Le funzionalità vengono attivate tramite il processo di attivazione della licenza.

READ  Marte: la navicella spaziale della NASA trova "prove convincenti"

Intel ha anche pubblicato un documento GitHub in cui si afferma che i suoi processori Xeon con supporto SDSi “consentono la configurazione di funzionalità CPU aggiuntive tramite il processo di attivazione della licenza”. Il driver SDSi fornisce un’interfaccia per le applicazioni per fornire un certificato chiave di autenticazione che viene scritto in memoria e utilizzato per autenticare un payload di abilitazione capacità. Un token viene applicato alla CPU per abilitare la funzione.

Come suggerisce il documento Intel GitHub, SDSi potrebbe essere limitato ai futuri processori per server e workstation. Ad esempio, Intel può utilizzare gli aggiornamenti software per allocare capacità della CPU per data center o altri carichi di lavoro. I vantaggi del silicio definito dal software possono essere ovvi per Intel ma non per gli acquirenti.

Intel ha dichiarato in una dichiarazione a ottobre che “fornisce regolarmente codice del kernel Linux che può essere utilizzato in prodotti futuri”, aggiungendo che fornirà una spiegazione più specifica quando prevede di utilizzare la funzionalità in futuro per implementare i prodotti.

Oltre a SDSi, Linux 5.18 fornisce vari aggiornamenti di CPU e grafica per chip Intel e AMD, oltre al supporto per il sistema Full Self Driving (FSD) di Tesla su chip e supporto Torta di lamponi Zero 2 watt