Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il “effetto doppia esplosione” ha trasformato la Terra in una gigantesca palla di ghiaccio

Il “effetto doppia esplosione” ha trasformato la Terra in una gigantesca palla di ghiaccio
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

Ecco come appariva la Terra circa 700 milioni di anni fa. ©NASA

L’era glaciale Sturtiana ha dominato la Terra per 57 milioni di anni. I ricercatori hanno ora scoperto perché persiste così a lungo.

SYDNEY – Circa 700 milioni di anni fa, la Terra era quasi interamente ricoperta di ghiaccio. Per 57 milioni di anni, la cosiddetta era glaciale Sturtiana ha tenuto il pianeta nella sua morsa ghiacciata. Ciò non disturbava né le persone né gli animali a quel tempo, perché ancora non ce n'erano. Tuttavia, questa volta è particolarmente interessante per la ricerca. “Immaginate se la Terra fosse quasi completamente ghiacciata”, dice Adriana Dutkiewicz, scienziata dell'Università di Sydney. “Ed è esattamente quello che accadde circa 700 milioni di anni fa: il pianeta era ricoperto di ghiaccio dai poli all’equatore e le temperature crollarono”.

La questione di cosa abbia causato questa era glaciale estrema, conosciuta come l’era glaciale Sturtiana, e perché sia ​​durata l’incredibile cifra di 57 milioni di anni, è stata a lungo un mistero per la scienza. “Sono state proposte varie ragioni per l’inizio e la fine di questa era glaciale estrema, ma la più sconcertante è il motivo per cui è durata 57 milioni di anni, un periodo di tempo difficile da immaginare per noi umani”, afferma Dutkiewicz.

Perché la Terra è stata una palla di ghiaccio per così tanto tempo?

Ma ora sembra che il gruppo di ricerca di Dutkiewicz abbia trovato una risposta a questo mistero. “Ora pensiamo di aver risolto il puzzle”, afferma Dutkiewicz, aggiungendo: “Le emissioni di anidride carbonica vulcanica sono storicamente basse, il che è stato facilitato dall’erosione di un grande mucchio di roccia vulcanica in quello che oggi è il Canada; un processo che assorbe l’atmosfera diossido di carbonio.” E lo studio lo era Nella rivista specializzata geologia pubblicato.

Il gruppo di ricerca ha utilizzato un modello che raffigura l’evoluzione dei continenti e degli oceani dopo la disgregazione dell’antico supercontinente Rodina. Ho combinato questo con un modello computerizzato che calcola il rilascio di anidride carbonica dai vulcani sottomarini lungo le dorsali oceaniche. Il team ha scoperto che l’inizio dell’era glaciale Sturtiana ha coinciso esattamente con un calo storico delle emissioni vulcaniche di anidride carbonica. Le emissioni di anidride carbonica sono rimaste relativamente basse durante tutta l’era glaciale.

I vulcani hanno rilasciato meno anidride carbonica e la Terra si è raffreddata

Dietmar Müller, coautore dello studio, spiega in A avviso: “La geologia determinò il clima dell'epoca. Riteniamo che l'era glaciale Sturtiana sia stata causata da un doppio effetto eruttivo: la riorganizzazione delle placche tettoniche ridusse al minimo il degasaggio dei gas vulcanici, mentre allo stesso tempo si formò una provincia vulcanica continentale in Il Canada iniziò a erodersi, con conseguente consumo di anidride carbonica atmosferica nel processo.

Il risultato è stato un forte calo dell’anidride carbonica nell’atmosfera. “I livelli di anidride carbonica atmosferica sono scesi al livello in cui inizia a formarsi il ghiaccio – che, secondo le nostre stime, è inferiore a 200 parti per milione, meno della metà del valore attuale”, spiega Müller.

La Terra diventerà più calda invece di diventare di nuovo una palla di ghiaccio

Nonostante il fatto che la Terra sia attualmente sulla strada della riduzione delle emissioni vulcaniche di anidride carbonica, gli scienziati non temono che il pianeta possa tornare presto ad essere una palla di ghiaccio. L’attenzione si concentra invece sugli effetti del riscaldamento globale, come lo scioglimento dei ghiacciai, l’innalzamento del livello del mare e l’aumento delle temperature. Uno studio recente mostra che la Terra potrebbe evolversi nel supercontinente Pangea Ultima entro i prossimi 250 milioni di anni. Si dice che l’enorme massa continentale sia così calda che i mammiferi potrebbero estinguersi.

Dutkiewicz sottolinea l’importanza di comprendere i cambiamenti geoclimatici e mette in guardia sulla velocità dei cambiamenti climatici causati dall’uomo: “Qualunque cosa riservi il futuro, è importante sapere che i cambiamenti geoclimatici come quelli studiati qui sono molto lenti. il cambiamento climatico si sta verificando dieci volte più velocemente di quanto abbiamo mai visto prima. (fattura non pagata)

L'editore ha scritto questo articolo e poi ha utilizzato un modello linguistico AI per migliorarlo a sua discrezione. Tutte le informazioni sono state attentamente controllate. Scopri di più sui nostri principi di intelligenza artificiale qui.