Settembre 28, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il capo medico dell’università spiega 10 progressi nel trattamento del cancro

Il capo medico dell’università spiega 10 progressi nel trattamento del cancro
  1. Pagina iniziale
  2. vita
  3. salute

I medici possono aiutare sempre più pazienti a combattere il cancro. Il primario dell’università, prof. Jens Werner, illustra i dieci sviluppi più importanti degli ultimi anni.

Con oltre 60.000 nuovi casi ogni anno, il cancro del colon-retto è uno dei tipi più comuni di cancro in Germania. Tuttavia, negli ultimi anni, la ricerca e i trattamenti personalizzati hanno fatto enormi progressi. I medici salvano vite e qualità della vita ogni giorno. In molti casi, i casi gravi vengono trattati nelle fasi avanzate della malattia. Ciò è stato confermato dal chirurgo Professor Jens Werner. È Direttore della Clinica di Chirurgia Generale, Addominale e dei Trapianti dell’Ospedale LMU, uno dei tre centri chirurgici di eccellenza a livello nazionale per la cura delle malattie intestinali. Qui, uno specialista di Monaco riconosciuto a livello internazionale riferisce sui dieci più importanti progressi nella diagnosi e nel trattamento degli ultimi anni. Il drammatico caso del padre bavarese dimostra quanto possa giovare ai malati. Leggi qui la storia di Felix G.

1. Prevenzione: sono stati prevenuti 180.000 casi di cancro al colon

La colonscopia è il modo più sicuro per rilevare pericolosi polipi del colon. In questo modo, negli ultimi 10 anni, in Germania sono stati prevenuti 180.000 casi di cancro al colon.

2. Una nuova tecnica: la polipectomia è spesso possibile come parte di una colonscopia

Grazie a nuove diagnosi e tecniche, polipi più grandi e per lo più polipi benigni possono essere rimossi senza problemi attraverso la colonscopia.

3. Robot chirurgico: i medici possono operare delicatamente

Le tecniche minimamente invasive sono standard nel trattamento chirurgico del cancro del colon-retto. Può essere eseguito come laparoscopia (riflessione dell’addome) o con l’aiuto di un robot chirurgico. La risoluzione dell’immagine, l’ingrandimento ottimale e la speciale colorazione dei tessuti garantiscono un’accurata preparazione del tumore, la protezione degli organi interessati e dei nervi più fini, anche se il robot deve operare in spazi ristretti.

Rinomato chirurgo e oncologo: Prof. Jens Werner della LMU Klinikum di Monaco. © Stephane Wartney

4. Chemioterapia/radioterapia: nuovi concetti per il successo

In alcuni casi, il trattamento precedente con radiazioni o chemioterapia è oggi così efficace che il tumore scompare completamente. Questo concetto di successo è chiamato “terapia adiuvante completa” (TNT).

5. Immunoterapia: grande speranza per alcune condizioni genetiche

L’immunoterapia, che è ancora agli inizi, sta già avendo un grande successo nella lotta contro il cancro al colon. Il sistema immunitario del corpo viene stimolato da determinati anticorpi in modo tale da poter attaccare il tumore da solo senza ulteriori trattamenti o interventi chirurgici. Un prerequisito per questo è l’instabilità dei microsatelliti (MSI), un difetto genetico che consente a questi nuovi farmaci di distruggere il cancro e le metastasi. Circa il 20 percento di tutti i pazienti si qualifica. L’MSI viene esaminato utilizzando un campione di tessuto prelevato dal tumore.

Sesto Congresso di Oncologia: una collaborazione interdisciplinare di specialisti

Grazie a concetti terapeutici innovativi che derivano dall’interazione di chirurgia, tratto gastrointestinale, oncologia, radioterapia e radioterapia, oggi è possibile curare una percentuale significativa di pazienti affetti da cancro del colon-retto con metastasi a distanza, ad esempio nel fegato, nei polmoni o nel peritoneo. Ai convegni di oncologia, gli specialisti progettano forme terapeutiche personalizzate, un altro punto di forza dei centri specialistici.

Ospedale universitario dell'Università Ludwig Maximilian
Il secondo ospedale universitario più grande della Germania: LMU Klinikum, qui con la sede di Großhadern. © Imago Classico

7. Il concetto di recidiva: le possibilità sono anche se il tumore ritorna

I tumori possono tornare. In passato queste recidive venivano spesso classificate come non più curabili. Oggi gli specialisti possono in molti casi ottenere la libertà a lungo termine da tumori e sintomi, in particolare nel caso del carcinoma del retto (cancro del retto). Collaborano specialisti di diversi reparti come chirurgia, radiologia/radioterapia, gastroenterologia e oncologia. La procedura stessa viene eseguita da un team multidisciplinare di chirurghi e urologi/ginecologi.

8. Oncologia di precisione: qui l’attenzione è rivolta al paziente

La medicina personalizzata, nota anche come oncologia di precisione, si concentra su ogni singolo malato di cancro. Le terapie antitumorali mirate sopprimono solo le cellule tumorali con determinate caratteristiche. In occasione di convegni specializzati in oncologia si decide anche, ad esempio, se lo screening del materiale genetico completo di un tumore possa giovare al paziente.

9. Centro medico: alte percentuali di successo, anche con metastasi

I centri altamente specializzati negli ospedali universitari sono un prerequisito per alti tassi di successo. Qui, gli standard di trattamento vengono ulteriormente sviluppati e vengono presentati gli studi con i farmaci più recenti. Ci sono specialisti di tutti i reparti che lavorano fianco a fianco. Poiché un quarto di tutti i pazienti affetti da cancro del colon-retto presenta già metastasi quando viene diagnosticato per la prima volta e fino al 50% sviluppa metastasi a distanza in altri organi, è fondamentale che vengano curati presso il centro.

10. Preparazione all’intervento chirurgico: un importante fattore di sicurezza, soprattutto per i pazienti più anziani

La riabilitazione è il termine per la preparazione ottimale dei pazienti per l’intervento chirurgico. Soprattutto i pazienti anziani e precedentemente malati vengono messi nella migliore forma possibile con la respirazione, l’allenamento cardiovascolare e nutrienti speciali. In questo modo possono sopravvivere bene e spesso tornare a casa presto.