Dicembre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il capo dell’AIEA Kotin: “Putin vuole distruggere il nostro sistema energetico”


un’intervista

Dal: 20/10/2022 21:08

Il capo delle autorità nucleari, Kotin, è responsabile di tutte le centrali nucleari ucraine. In un’intervista, ha accusato la Russia di torturare i suoi dipendenti e ha avvertito di possibili incidenti radiologici.

tagesschau.de: Signor Kotin, qual è la situazione attuale nella centrale nucleare di Zaporizhia?

Petro Cutin: Cambia ogni ora. Tuttavia, la situazione lì continua a deteriorarsi. Mosca ha confiscato illegalmente la centrale nucleare di Zaporizhia e ha nominato un direttore fittizio, il signor Romanenko della Russia. È venuto alla centrale nucleare di Zaporizhia e ora i dipendenti sono invitati a firmare contratti con Rosatom.

tagesschau.de: I tuoi dipendenti devono essere obbligati a lavorare per Rosatom, l’agenzia statale russa di controllo del nucleare.

sgabello: La maggior parte di loro rifiuta, ma ci sono sempre dei collaboratori che aiutano. Due settimane fa il direttore della centrale nucleare e ora il suo vice sono stati rapiti.

per qualcuno

Petro Kotin è nato nel 1961, ha lavorato in varie posizioni nella centrale nucleare di Zaporizhia per più di 15 anni. È presidente dell’operatore statale Enerhoatom da maggio 2022.

tagesschau.de: È noto che i dipendenti sono sottoposti a una pressione tremenda. Come si ottengono le informazioni e come si affronta questa situazione?

sgabello: Abbiamo creato una hotline. Chiunque dalla città di Enerhodar e Zaporizhia NPP può contattarci e fornirci informazioni. Sappiamo cosa sta succedendo e quante persone sono state rapite. Ci sono circa 150 persone e circa 50 sono detenute e torturate. Ci sono anche casi in cui persone sono state picchiate a morte dai russi.

Esistono molte forme di tortura volte a costringere i dipendenti a passare da Enerhoatom a Rosatom. Con l’obiettivo di impadronirsi della più grande centrale nucleare del mondo. Un altro obiettivo è utilizzare la centrale nucleare di Zaporizhia come base militare.

tagesschau.de: A livello tecnico si sente ancora parlare di incidenti. Qual è la situazione attuale?

sgabello: Vi è un diffuso deterioramento. Prima dell’occupazione russa, direi che la centrale nucleare di Zaporizhia era la più sicura al mondo. Durante i sette mesi di occupazione si sono verificati 17 incidenti di sicurezza. Questa è una quantità enorme. La maggior parte di essi riguarda interruzioni di centrali elettriche dovute a danni alle linee elettriche che collegano la centrale alla rete ucraina. Ce n’erano quattro.

Ciò significa che non c’è elettricità dall’esterno. In questo caso i generatori diesel si avviano automaticamente e questa è l’unica fonte di alimentazione per le pompe che raffreddano le barre di combustibile. In caso di interruzione di corrente, devono fare affidamento su generatori diesel. Attualmente, i generatori diesel funzionano per dieci giorni, se le linee nella rete elettrica esterna non vengono riparate entro tale data, inizierà il conto alla rovescia di dieci giorni per un grave incidente da radiazioni.

READ  Pericolo di incendio boschivo molto alto: la Spagna minaccia il calore delle braci - 44 gradi all'ombra

tagesschau.de: In qualità di capo di Enerhoatom, sei responsabile della centrale nucleare di Zaporizhia. Allo stesso tempo, la centrale nucleare è occupata dall’esercito russo. Tecnicamente, passi i comandi, ma la connessione è limitata e secondo le tue descrizioni, la pressione sta crescendo. Come ti fa sentire?

sgabello: Dire che sono triste sarebbe dire poco. Non so cosa dire a riguardo. Tre anni prima di diventare capo, ero il direttore della centrale nucleare di Zaporizhia. Ho iniziato lì subito dopo la laurea e poi ho scalato la classifica. Conosco la maggior parte delle persone che ci abitano. La maggioranza sostiene l’Ucraina ed è pro-Ucraina. Molti furono coinvolti nella costruzione della centrale nucleare, vi lavorarono e vi trascorsero tutta la vita. E ora ci sono gli occupanti che li pressano e li torturano.

Intendo non solo fisicamente, perché è anche una tortura morale quando qualcuno arriva e dice che “il mondo russo” è il migliore, e che c’è la Russia, presto saranno tutti russi e dovranno lavorare sotto Rosatom. Nessuno può accettarlo. Ci sono molte persone che sono riuscite a uscire e lasciare la zona. Solo oggi abbiamo sentito di nuovo che la città di Enerhodar è stata bombardata e da questa mattina non abbiamo più comunicato con la fabbrica. Secondo i nostri rapporti, ci sono pesanti bombardamenti lì. Di solito abbiamo contatti regolari su base giornaliera.

Centrale nucleare occupata: un soldato russo si trova nel sito della centrale nucleare di Zaporizhia.

Foto: dpa

tagesschau.de: Qual è il tuo piano in caso di incidente nucleare?

sgabello: Tecnicamente, non credo che a questo punto sia probabile un incidente nucleare. Sono più preoccupato per il rilascio di radioattività. La nuvola radioattiva può andare in qualsiasi direzione soffia il vento.

L’entità delle radiazioni può dipendere dall’entità del danno agli elementi di combustibile. Se fosse solo uno, la dimensione sarebbe piuttosto piccola. Ma se il nocciolo del reattore è danneggiato, ci troveremo di fronte a un grave incidente e alla radioattività nell’atmosfera. Andrà anche nel suolo e nelle acque sotterranee e può essere diffuso in tutta la regione e possibilmente in tutto il mondo dal vento.

READ  2022: Cosa aspettarsi nel nuovo anno

Piani speciali di emergenza

Secondo Cotten, al momento non c’è radioattività in fuga. In caso di emergenza, ci saranno piani speciali. La polizia, l’esercito e il governo sono coinvolti qui. Ci saranno anche esercitazioni regolari, anche con i servizi di emergenza. Vede un problema nell’evacuazione delle persone da Enerhodar. È probabile che questo verrà poi negoziato con la parte russa. La fine dell’occupazione russa, la creazione di una zona di sicurezza intorno alla centrale nucleare e il ritiro dell’esercito russo da lì, sono le uniche cose che possono risolvere il problema della centrale nucleare di Zaporizhia. A causa dell’occupazione russa, questa è attualmente la centrale nucleare più pericolosa del mondo.

tagesschau.de: Ci sono già stati attacchi alla centrale nucleare di Zaporizhia e alla centrale nucleare nel sud dell’Ucraina. Ti aspetti anche attacchi con droni e missili ad altre centrali nucleari del Paese?

sgabello: Questo è già il caso. Non devi necessariamente attaccare direttamente una centrale nucleare. Puoi anche attaccare le sottostazioni che possono trovarsi a 200 km di distanza, colpendo una linea elettrica esterna lì e provocando un blackout. Non importa dove si interrompe la linea. L’esercito russo attacca tali sottostazioni con droni.

L’ultima interruzione di corrente a Zaporizhia è avvenuta dopo che un attacco di droni ha danneggiato una delle sottostazioni. Se la Russia continua così, potrebbe danneggiare tutte queste sottostazioni. In definitiva, non saremo in grado di fornire elettricità dalla rete fuori rete alle centrali nucleari. Le linee elettriche passano tra le sottostazioni e le centrali nucleari. Quindi tutto ciò che devi fare è distruggerlo – ed è già iniziato.

Kotin: Il collegamento della centrale nucleare alla rete russa è inconcepibile

La centrale nucleare di Zaporizhia occupata dai russi fornisce fino al 20 per cento del fabbisogno di elettricità dell’intera Ucraina. Altre tre centrali nucleari si trovano nell’area controllata dall’Ucraina: Rivne, Ucraina meridionale e Khmelnytskyi. Al momento, Petro Kotin non crede che sia ragionevole che la Russia voglia collegare Zaporizhia alla rete russa. Questo sarebbe un processo lungo e complesso anche in tempo di pace.

tagesschau.de: Quando il 24 febbraio è iniziata la guerra di aggressione russa, l’Ucraina era collegata alla rete elettrica europea, lontano dalla rete russa. Che ruolo pensi abbia giocato l’energia nell’attacco?

sgabello: Questa era una situazione interessante. Eravamo a sole quattro ore dalla rete elettrica russa quando è iniziata la guerra. Verso l’una del mattino, il centralino mi ha chiamato e mi ha detto che abbiamo rotto con la rete russa e poche ore dopo mi sono svegliato dalle esplosioni qui a Kiev quando hanno iniziato a bombardare Boryspil. È davvero un miracolo che solo poche ore fa siamo passati dalla rete russa a quella europea. Il 17 marzo, nei negoziati con l’Unione europea, il presidente Zelensky e il ministro dell’Energia Galushenko sono riusciti a mantenere tale la questione. Se non fosse per la guerra, potremmo non essere nella rete elettrica europea.

Bene, ha detto la Russia, fallo così. Perché pensavano che avrebbero preso Kiev e poi avrebbero ricollegato tutto. Per ora, l’Ucraina può fare quello che vuole. Poi le cose sono andate diversamente. Ci siamo già staccati dalla rete russa e i russi hanno fatto un lungo tour di Kiev e hanno fallito. Quindi hanno commesso un grave errore consentendo all’Ucraina di essere fuori dalla rete e perdendo l’intero sistema energetico ucraino.

Ed ecco un altro momento psicologico. Fa male a Putin che sia finita in questo modo, e ora sta cercando di distruggere il sistema energetico che non ha più. Forse questo è uno dei motivi, anche in relazione alla centrale nucleare di Zaporizhia. Gli è quasi sacro. Qualcosa che vuole, proprio come il sistema elettrico ucraino. Lo fa quando non può possedere qualcosa.

tagesschau.de: Ritorno alla centrale nucleare di Zaporizhia. Molto attivo il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, Rafael Grossi. Sono stato qui a Kiev due volte. Era a Mosca e chiede una zona di sicurezza nucleare intorno alla centrale nucleare. Credi?

sgabello: Speriamo davvero che abbia successo. È molto importante creare una tale zona di sicurezza e smilitarizzare la centrale nucleare. Se il signor Grossi riuscirà a farlo, non solo l’Ucraina, ma il mondo intero lo apprezzerà. Al momento, penso che le possibilità di successo siano scarse.

l’intervista Era guidato da Andrea Beer e Vasily Golud, che attualmente si trovano a Kiev.