Maggio 19, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il boss della Lego Matteo Salvini considera difficile la posizione anti-Putin del governo

Roma “Cambia due Matterel per metà Putin”: Non molto tempo fa, Matteo Salvini ha usato questi e simili slogan per esprimere il proprio odio per il proprio presidente Sergio Matterella e la simpatia per il presidente russo Putin.

Molti – oggi, ovviamente, quasi tutti convertiti – sono ammiratori della politica italiana di Putin, e l’ex ministro dell’Interno e leader della LEGA Salvini è molto attivo: ha salutato Putin come “il politico più talentuoso del mondo”. La Lega era sospettata di essere finanziata illegalmente dal Cremlino.

+++ Tutti i progressi sulla guerra contro l’Ucraina sul blog live +++

Adesso è molto difficile sostenere il governo Salvini senza proiettare una forte presa di posizione anti-Putin. Sebbene Salvini abbia condannato anche l’invasione russa dell’Ucraina, lotta ancora con le sanzioni e la fornitura di armi e munizioni all’Ucraina.

video

La Russia conquista l’Ucraina con aerei da guerra, carri armati ed elicotteri

La guerra infuria in Europa. Il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato alle sue truppe di invadere l’Ucraina. © dpa

Quando un gruppo di ministri guidato dal premier Mario Draghi ha deciso la scorsa settimana di fornire all’Ucraina missili antiaerei “stinger”, missili anticarro e mitragliatrici, il leader della LEGA ha dichiarato che “non a mio nome”. Alla fine, però, il leader della Lego ha acconsentito: Salvini ha spiegato che era “impensabile” che il Paese non si mostrasse unito in questa situazione estrema.

Il primo ministro Draghi martedì ha sostenuto sanzioni e forniture di armi in parlamento con parole chiare: “L’aggressione della Russia contro l’Ucraina inghiotte l’Europa ottant’anni fa”. E l’invasione della Polonia da parte della Germania da parte di Hitler.

READ  Lancio della Nations League: l'Italia accoglie DFB-Elf a Bologna

“Tollerare la guerra di aggressione contro uno Stato europeo sovrano è una scommessa che non cambierà la pace e la sicurezza in Europa”, ha affermato. “Non dobbiamo permettere che ciò accada”.

Draghi ha impiegato due giorni

Come il cancelliere tedesco Olaf Scholes, Drake ha avuto bisogno di due giorniDigerire lo shock della nuova guerra in Europa e trovare un approccio intransigente a Putin. La Roma inizialmente ha posto un freno alle sanzioni e in particolare ha escluso le banche russe dal sistema Swift.

Il motivo è la preoccupazione della Russia per la sospensione delle forniture di gas: l’Italia fornisce il 42 per cento del suo fabbisogno energetico totale con gas naturale; Circa il 40 per cento di loro proviene dalla Russia. In tutta l’UE, il gas naturale rappresenta solo il 25% del mix energetico.

L’Italia è più dipendente dal gas naturale – e dalla Russia – poiché il Paese ha abbandonato l’energia nucleare dopo il disastro nucleare di Chernobyl e ha bruciato tre volte meno carbone rispetto al resto dell’UE. Tuttavia ha riconosciuto che i loro numeri non erano sufficienti per sconfiggere la linea del gas di Putin e che a breve termine non ci sarebbero state interruzioni. Tuttavia, se la situazione non si allenterà, il prossimo inverno diventerà “un po’ più complicata”.

L’Italia annuncia aiuti ai profughi

Considerato il numero di rifugiati provenienti dall’Ucraina, lunedì il governo ha deciso di dichiarare lo stato di emergenza, che fornirà assistenza non ufficiale a coloro che verranno. In Italia vivono già 236.000 ucraini; Tre quarti di loro sono donne che lavorano come colf o infermiere anziane nelle famiglie italiane.

In Parlamento, Draghi è stato loro particolarmente vicino: “Siamo al vostro fianco – nel dolore per la guerra, nella preoccupazione per i vostri parenti e nella nostra comune volontà di aiutare l’Ucraina a difendersi”.

Nei prossimi giorni e settimane, il Ministero dell’Interno italiano creerà 16.000 posti aggiuntivi per i rifugiati ucraini nei centri di accoglienza esistenti e nuovi. Con l’invasione dell’Ucraina da parte delle truppe di Putin, “l’illusione è andata in frantumi”, ha sottolineato Drake in parlamento: l’illusione che la cooperazione e gli accordi internazionali manterrebbero una pace duratura in Europa.

La guerra di Putin all’Ucraina è “un attacco alla libertà, alla democrazia e alla cooperazione internazionale che abbiamo costruito insieme”. Tutti i Paesi devono decidere come procedere ora – “e l’Italia non ha intenzione di guardare dall’altra parte”, ha sottolineato Draghi.

Entrambe le camere del parlamento hanno discusso martedì l’accordo sulle armi e hanno voluto votarlo. Nonostante le riserve all’interno di Lego e il fatto che non ci si aspettasse molti voti da parlamentari pacifici nel movimento Cinque Stelle, l’approvazione per l’aiuto è stata considerata sicura.