Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I ricercatori riporteranno indietro il mammut?

I ricercatori riporteranno indietro il mammut?

Al: 22 marzo 2024 alle 12:10

Si estinsero migliaia di anni fa: i mammut. Una startup statunitense vuole cambiare qualcosa e ora sembra aver raggiunto un traguardo importante. Può una svolta scientifica avere successo?

I ricercatori dell'azienda americana Colossal Biosciences sono riusciti per la prima volta a generare cellule staminali da elefanti. Innanzitutto, getta le basi per la capacità di allevare elefanti con la biotecnologia. In secondo luogo, probabilmente produrrebbe elefanti con le caratteristiche di un mammut lanoso.

Secondo la prestampa, le cellule staminali prodotte sono le cosiddette cellule staminali pluripotenti indotte (iPS) dell'elefante asiatico, il parente più prossimo del mammut, che è alto più di quattro metri e pesa probabilmente 15 tonnellate. In un certo senso, queste cellule staminali pluripotenti sono universali: hanno la capacità di riprodursi indefinitamente e possono trasformarsi in tutti gli altri tipi di cellule del corpo, ad esempio in cellule nervose o intestinali.

Ma questo è fondamentale per i ricercatori: da esso si possono ricavare anche ovuli e spermatozoi. L'obiettivo degli scienziati è chiaro: utilizzare la fecondazione in vitro per creare embrioni da queste cellule, che poi cresceranno in un grembo artificiale in laboratorio.

Si ritiene che le forbici genetiche rendano possibili gli ibridi tra elefante e mammut

Tuttavia non è ancora nato un elefante con le caratteristiche di un mammut lanoso per la mancanza di un importante passaggio intermedio. La biologa evoluzionista Beth Shapiro dell'Università della California, Santa Cruz, spiega cosa intendono fare i ricercatori della Colossal Biosciences: “Prendono una cellula di un elefante asiatico, il parente vivente più prossimo di un mammut, e poi cercano di crearla utilizzando le forbici genetiche Crispr/Cas che verranno modificate poco a poco”.

Gli scienziati di tutto il mondo stanno già utilizzando la tecnologia Crispr/Cas9 per modificare specificamente i geni. I geni possono essere rimossi, inseriti o modificati. Pertanto, parti del DNA dell'elefante devono essere tagliate e sostituite con parti genetiche di mammut. In definitiva, l’obiettivo non è creare un vero mammut, ma piuttosto un ibrido tra un elefante e un mammut.

Sfide Nel revival di “Mammoth”

Questa è la teoria, ma nella pratica ci sono alcuni ostacoli. Sebbene il progetto sia ancora nelle sue fasi iniziali, si tratta di un puzzle game geneticamente complesso.

Inoltre, l’utero artificiale del mammut in cui dovrebbero maturare gli embrioni non è stato ancora sviluppato. È anche discutibile se le linee cellulari iPS siano in grado di crescere stabilmente.

Si suppone che i mammut combattano il cambiamento climatico

Ma nulla di tutto ciò sembra in grado di dissuadere Colossal Biosciences dal suo ambizioso piano. Milioni e milioni di dollari sono già stati raccolti per questo progetto che, secondo la startup biotecnologica, ha anche uno scopo più alto: in un lontano futuro è previsto che gli ibridi dal pelo lanoso si stabiliscano in Siberia. Qui il compito dei nuovi giganti dell’antica era glaciale sarà quello di combattere il cambiamento climatico.

L’idea è che il mammut elefante seppellirà la neve, rendendo più difficile lo scioglimento del ghiaccio sul terreno, il che a sua volta ridurrà il rilascio di gas serra nell’atmosfera. Anche in questo caso l’attuazione comporta numerose sfide. Perché per avere un effetto notevole, sarebbero necessarie centinaia o addirittura migliaia di queste creature, afferma il biologo evoluzionista Shapiro: “Se vogliamo davvero rallentare il riscaldamento globale e il rilascio di metano nell’atmosfera, dobbiamo concentrarci su strategie più efficaci”. Tuttavia, questo metodo iniziale non è una soluzione a breve termine.

Progetto “Mammut”: eticamente responsabile?

Oltre a ciò, ci sono anche preoccupazioni etiche. Ciò solleva la questione se sia giustificato creare o ricreare animali il cui habitat non esiste più. Far rivivere una specie in laboratorio non significa necessariamente che possa sopravvivere in un ambiente naturale, soprattutto non secondo le sue esigenze.

Inoltre, il finanziamento di tali “mega” progetti potrebbe consumare risorse che potrebbero essere meglio investite in altri settori, come la protezione delle specie. “In linea di principio bisogna dire che si tratta di un ottimo approccio scientifico”, sottolinea Thomas Hildebrandt dell'Istituto Leibniz per la ricerca sugli zoo e sulla fauna selvatica, “ma non svolge alcun ruolo nella protezione delle specie”.

Una cosa è certa: dai cartoni animati al progetto di rilancio di un'azienda da miliardi di dollari, il mammut rimane estremamente popolare, nonostante sia scomparso da 4.000 anni. Ma le persone non devono avere una cattiva coscienza al riguardo. Secondo uno studio condotto dalle Università di Cambridge e Copenaghen, contrariamente a quanto ipotizzato in precedenza, i cambiamenti climatici e gli influssi non umani sono responsabili dell’estinzione definitiva dei giganti dei capelli sufi migliaia di anni fa.