Ottobre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I prezzi del gas scendono al livello più basso in un mese

Il prezzo del gas continua a scendere e scende sotto i 200 euro per megawattora (TTF Future, contratto di ottobre) – In questo modo si abbassa anche il prezzo dell’elettricità. Ciò significa che il prezzo del gas è molto più basso rispetto a venerdì della scorsa settimana il messaggio Scritto da Gazprom sulla mancata ripresa delle forniture di gas da parte del Nord Stream 1.

Il prezzo del gas scende – ragioni

subordinare La mossa di Putin, che inizialmente ha portato a un forte aumento dei prezzi del gas, non sembra aver avuto alcun effetto duraturo. Uno dei motivi del calo del prezzo del gas è il continuo aumento dei livelli di riempimento negli impianti di stoccaggio del gas tedeschi (A partire dal 06.09 a 86,84%). Soprattutto, le misure annunciate dall’Unione Europea per combattere la crisi energetica, che aumenteranno la pressione sui prezzi del gas e sui prezzi del gas e dell’elettricità, dovrebbero essere, come riportato da Bloomberg:

I prezzi del gas naturale in Europa sono scesi al livello più basso in quasi un mese mentre i politici valutano come intervenire sui mercati regionali e arginare la crisi energetica senza precedenti che minaccia l’economia in generale. I futures benchmark sono crollati fino all’8,3% e per la prima volta dall’inizio di agosto sono scesi sotto i 200 € per megawattora.

Venerdì, l’Unione Europea discuterà i piani per intervenire sui mercati per alleviare la crescente pressione causata dall’aumento dei requisiti di garanzia (margine) mentre le aziende cercano assistenza governativa. I funzionari dell’UE potrebbero anche prendere in considerazione una proposta per limitare i prezzi delle importazioni di gas russo – e forse anche il GPL – e proporre obiettivi per ridurre la domanda.

READ  Total Energies smentisce: fare rifornimento di aerei da combattimento russi?

Andamento dei prezzi del gas e dell'elettricità

I prezzi dell’UE scendono su un possibile intervento dell’UE sui mercati

L’Europa ha già fatto scorta per l’inverno: l’82,5% dello stock è riempito e l’alimentazione aggiuntiva continuerà fino a ottobre.

“Fortunatamente, le scorte di questo inverno sono sane e relativamente ben rifornite. Molto dipende dal tempo, ma siamo ottimisti sul fatto che questo inverno”, ha affermato Anatole Vigen, direttore commerciale dell’esportatore statunitense di GNL Chener Energy. Adeguata flessibilità e soluzioni adeguate.”

Tuttavia, sarà necessaria una gestione della domanda.

I commercianti sono anche concentrati sul prossimo inverno, quando l’Europa avrà probabilmente bisogno di nuovo di forniture significative in mezzo a cupe prospettive di ripresa delle forniture di gas russe. Inoltre, l’attuale debole domanda di carburante della Cina non continuerà, il che potrebbe portare al ritiro del GNL dall’Europa.

“L’arresto indefinito del gasdotto Gazprom Nord Stream 1 significa una carenza strutturale di forniture di gas in Europa, dove i prezzi dovrebbero rimanere molto più alti rispetto alla media quinquennale”, ha affermato Patricio Alvarez, analista del settore presso Bloomberg Intelligence, in un lettera.

Il gas del primo mese olandese, un indicatore per l’Europa, è stato scambiato in ribasso del 5,1% a € 203 per megawattora alle 9:43 ad Amsterdam, in calo per il terzo giorno consecutivo. Il tasso corrispondente nel Regno Unito è diminuito dell’1,4%.

Pertanto, il prezzo standard dell’elettricità tedesco per il prossimo anno ha continuato a perdere negli ultimi giorni ed è sceso dell’1,2% a 515 € per megawattora.

FMW / Bloomberg

Leggi e scrivi commenti, clicca qui