Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I prezzi continuano a salire: il DAX è salito sopra i 15.000 punti


Rapporto di mercato

Stato: 01/12/2023 09:42

Il rialzo dell’indice DAX all’inizio dell’anno ha raggiunto un nuovo massimo. Il principale indice tedesco ha superato la soglia dei 15.000 punti ed è quindi più alto di quanto non fosse dal febbraio 2022.

Il brillante rally dei prezzi sul mercato azionario tedesco continua senza sosta: all’inizio delle negoziazioni su XETRA, il DAX è salito dello 0,2% a 14.972 Nei primi minuti di negoziazione, le cose hanno continuato a salire: il DAX è salito sopra il segno psicologicamente importante di 15.000 punti, raggiungendo un nuovo massimo dal febbraio 2022. Da quando Xetra ha chiuso il 30 dicembre a 13.924 punti, l’indice DAX ha guadagnato circa il 7,8%.

“L’indice azionario tedesco sta attualmente mettendo i rialzisti in disparte e saltando ogni resistenza”, spiega Jochen Stanzel, analista di CMC-Markets. “Quindi il nuovo mercato rialzista sviluppa un certo effetto ventosa, poiché anche i pessimisti sono costretti a intervenire per non perdere performance”.

Le statistiche hanno dato il via libera al DAX

Nei primi cinque giorni del nuovo giorno, il principale indice tedesco è già salito del 4,9%. Ciò ha alimentato le speranze per il mercato azionario ancora giovane nel 2023. Perché la vecchia regola di borsa dice: è molto probabile che il modo in cui vanno i primi cinque giorni di negoziazione si evolva nel corso dell’anno.

Il cosiddetto Five Day Indicator (FTI) è stato sviluppato quasi 50 anni fa dal ricercatore del mercato azionario statunitense Yale Hirsch, autore di The Stock Market Almanac. Guardando il DAX, FTI ha un tasso di successo molto accettabile di circa il 69 percento.

L’allentamento delle preoccupazioni sui tassi di interesse sta facendo salire i prezzi del DAX

Dal punto di vista dei fondamentali, l’allentamento dei timori sui tassi d’interesse è il principale motore dell’attuale rialzo dei tassi. Il 77,2% degli operatori di mercato prevede attualmente un leggero aumento dei tassi di interesse di 25 punti base alla prossima riunione della Federal Reserve il 1° febbraio. Solo il 22,8% prevede un aumento di 0,5 punti percentuali.

Questo è secondo lo strumento Fed Watch di CME Group. Un mese fa, il 40,6% ha scommesso su un piccolo aumento dei tassi, mentre il 48,9% si stava preparando per un aumento di 50 punti base.

READ  Aldi e Lidl: il prodotto supera il limite di prezzo storico

I dati sull’inflazione USA al microscopio

Il mercato sembra anche aver deciso da tempo che i dati sull’inflazione previsti questo pomeriggio prima dell’apertura del mercato statunitense non rappresentano più una grave minaccia. Il rischio che questi dati siano superiori al previsto viene ignorato.

Il Credit Suisse riporta un continuo ottimismo circa l’inflazione più bassa e una politica monetaria più moderata da parte della Federal Reserve statunitense. Tuttavia, ciò contraddice la retorica dei principali attori della Federal Reserve, hanno affermato gli esperti.

Anche questo è il lato oscuro del recente rally dei prezzi: gli investitori si sono allontanati troppo dalla finestra ei prezzi sono andati troppo in avanti. Quindi il mercato è vulnerabile alle cattive notizie.

L’indice Dow è a un nuovo massimo per l’anno

Una forte guida per il trading del DAX viene da Wall Street. Anche la Borsa di New York ha raggiunto nuovi massimi dell’anno. L’indice Dow Jones dei valori di riferimento ha chiuso in rialzo dello 0,8% a 33.973 punti a metà settimana. L’indice Nasdaq, specializzato in tecnologia, è salito dell’1,8% a 10.931 punti. E l’indice Standard & Poor’s 500 è aumentato dell’1,3% a 3969 punti.

Allarme investitori asiatici

Questa mattina gli investitori nelle borse asiatiche stanno tenendo i piedi davanti ai dati storici sull’inflazione negli Stati Uniti. A Tokyo, l’indice principale Nikkei è praticamente invariato a 26.449 punti. Il più ampio indice Topix è salito dello 0,4%. La Borsa di Shanghai ha segnato 3160 punti.

La stabilità dell’euro davanti ai dati sull’inflazione USA

Il tasso di cambio dell’euro inizialmente non si è mosso dal tasso spot nelle prime contrattazioni. In questo momento, il costo della moneta condivisa è di $ 1,0763, quindi è più o meno lo stesso della sera prima. Il prezzo è ancora vicino al massimo di sei mesi. Un’oncia d’oro sta scendendo dello 0,2% a 1.880 dollari questa mattina.

I prezzi del petrolio stanno mantenendo i loro recenti guadagni

READ  In questo giorno il prezzo del carburante alla pompa è il più economico

Nel frattempo, la crescente propensione al rischio degli investitori sta avendo un impatto anche sul mercato petrolifero. I prezzi del petrolio sono inizialmente in grado di mantenere i premi che hanno fatto il giorno prima. Nelle prime contrattazioni, il prezzo di un barile di Brent del Mare del Nord (159 litri) era di $ 82,78. Si tratta di 11 centesimi in più rispetto al giorno precedente. Il prezzo di un barile di US West Texas Intermediate (WTI) è leggermente aumentato, a $ 77,49.

Infineon fornisce il carburo di silicio di Resonac

Il produttore di semiconduttori con sede a Monaco Infineon acquisisce il carburo di silicio dalla giapponese Resonac. Infineon ha annunciato oggi che le due società hanno stipulato un nuovo accordo di fornitura pluriennale che integra ed estende un accordo risalente al 2021. Infineon mira ad avere una quota di mercato del 30% nei semiconduttori in carburo di silicio entro la fine del decennio.

Mercedes-Benz abbasserà il pareggio?

Secondo un comunicato stampa, la casa automobilistica Mercedes-Benz eliminerà presto il logo EQ extra sulle sue nuove auto a batteria. Con la prossima generazione di auto compatte, che arriverà sul mercato dalla fine del 2024, la gamma dovrebbe tornare alla sua vecchia nomenclatura, indipendentemente dalla guida specifica, secondo il rapporto “Handelsblatt”.

Südzucker sta crescendo rapidamente

Nonostante l’aumento dei costi, il più grande gruppo saccarifero europeo Südzucker è riuscito a crescere nei primi nove mesi dell’anno finanziario 2022/23, che si è concluso a febbraio. Le vendite sono aumentate di oltre un quarto a 7,1 miliardi di euro. Il risultato consolidato è raddoppiato a 536 milioni di euro. Il Consiglio Direttivo ha confermato i propri obiettivi annuali, che erano già stati innalzati.

Le notizie da Morphosys sperano nel cancro del midollo osseo

La società di biotecnologie Morphosys ha presentato promettenti risultati intermedi sulla più importante speranza per la mielofibrosi (fibrosi del midollo osseo), pelabresib. Il raro cancro del midollo osseo è difficile da trattare. Pertanto, una svolta in questo campo sarà anche un successo economico.

OMV prevede un’imposta sugli utili in eccesso di 150 milioni di euro

La compagnia petrolifera viennese OMV prevede di pagare circa 150 milioni di euro per l’ultimo anno finanziario a seguito della scrematura legale dei dividendi della fortuna in Austria. La società parzialmente di proprietà statale ha annunciato oggi che questa valutazione si basa su dati finanziari preliminari e avrà un impatto solo in contanti nel 2023.

Le compagnie aeree si aspettano le loro normali operazioni dopo che il volo statunitense sarà bloccato

Dopo, dopo Una fermata di 90 minuti per tutto il traffico aereo degli Stati Uniti Le compagnie aeree prevedono di tornare alle normali operazioni a metà settimana. I principali vettori statunitensi come Delta Air Lines, United Airlines e Southwest Airlines hanno dichiarato di aspettarsi che il normale traffico aereo torni oggi.

Apple sembra funzionare su Mac con touch screen

Fonti affermano che Apple potrebbe lanciare computer Mac con touch screen, contrariamente alla strategia precedente. Il gruppo sta considerando l’anno 2025 per questo, ha scritto il Servizio finanziario bloomberg Citando gli addetti ai lavori. Allo stesso tempo, non è stata presa alcuna decisione definitiva in merito e i piani potrebbero ancora essere annullati.

La Disney nomina il veterano Nike presidente del consiglio di amministrazione

Il gigante dell’intrattenimento Walt Disney ha nominato Mark Parker, CEO di lunga data di Nike, come nuovo presidente del consiglio di amministrazione. Dopo l’assemblea degli azionisti di quest’anno, Parker succederà a Susan Arnold, il cui mandato sta per scadere. La Disney lo ha annunciato ieri sera dopo la chiusura del mercato azionario statunitense.