I commenti della Fed alimentano le speranze: i mercati azionari statunitensi continuano a salire

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."

Le dichiarazioni della Fed alimentano le speranze
I mercati azionari americani continuano a salire

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

I segnali provenienti dalla Federal Reserve secondo cui ulteriori rialzi dei tassi di interesse potrebbero essere più cauti stanno mettendo gli investitori a Wall Street in uno stato d’animo di acquisto. I mercati azionari americani hanno chiuso nuovamente in territorio positivo. Nonostante la situazione instabile in Medio Oriente, i prezzi del petrolio sono in leggero calo.

Nonostante gli aspri combattimenti in corso in Medio Oriente, gli investitori statunitensi stanno ancora una volta accumulando azioni dopo lo shock iniziale. Le speranze sui tassi di interesse a seguito dei recenti commenti dei banchieri centrali hanno assicurato il buon umore martedì. IL Indice Dow Jones I valori standard hanno chiuso in rialzo dello 0,4% a 33.739 punti. Tecnologia pesante Nasdaq È avanzato dello 0,6% a 13.562 punti. L’ampio Standard & Poor’s 500 Ha guadagnato lo 0,5% a 4.358 punti.

Indice Standard & Poor’s 500, India 4.357,68

Importanti rappresentanti della Federal Reserve americana, come il vicepresidente Philip Jefferson, hanno recentemente indicato che rendimenti obbligazionari più elevati richiedono “cautela” con ulteriori aumenti dei tassi di interesse. Ciò ha alimentato le speranze che l’inasprimento della politica monetaria finirà presto. Molti investitori hanno ritirato i bond statunitensi dai loro portafogli la scorsa settimana dopo che le autorità monetarie avevano affermato che non erano improbabili ulteriori aumenti dei tassi di interesse. “I politici della Fed sembrano essere un po’ turbati riguardo al modo in cui i loro commenti influenzeranno i rendimenti obbligazionari”, ha affermato Craig Erlam, analista della società commerciale OANDA.

Inizialmente le preoccupazioni per gli sviluppi in Israele sono passate in secondo piano. Il Movimento di Resistenza Islamica (Hamas) ha scatenato la peggiore escalation nel conflitto in Medio Oriente da anni con un grave attacco a sorpresa contro Israele sabato mattina. “Se il conflitto sarà limitato, non credo che avrà un impatto significativo sui mercati azionari”, ha commentato Peter Cardillo, capo economista di Spartan Capital Securities.

La domanda di obbligazioni statunitensi continua

Lunedì gli investitori hanno venduto azioni e si sono diretti verso paradisi sicuri per gli investimenti. Quindi i rendimenti sono diminuiti Titoli di Stato americani a dieci anni Rispetto al prezzo salito martedì a 4,647, dopo che prima era al 4,782%. Questa fuga verso i titoli di Stato sta anche contribuendo alla stabilizzazione dei mercati azionari, dove di conseguenza i rendimenti sono diminuiti, ha affermato Thomas Altman, gestore di portafoglio presso l’asset manager QC Partners.

IL prezzo dell’oro Tuttavia, è diventato leggermente negativo a circa 1.860 dollari l’oncia. Anche Indice del dollaro Ha perso lo 0,2% a 105.760 punti. IL Euro D’altro canto, è avanzato dello 0,3% a 1,0597 dollari.

Quando si tratta di valori individuali, le aziende produttrici di armi preferiscono: Lockheed Martin E Northrop Grummann Non hanno mantenuto i loro aumenti di prezzo e hanno perso fino all’1,4%. Azioni del produttore di chip quotato negli Stati Uniti con sede in Israele Torre di semiconduttori E il fornitore di automobili Cellulare i Tuttavia, hanno intrapreso un percorso di ripresa e sono in rialzo di circa l’1,5% ciascuno.

Brent
Brent 87,90

Segnali di distensione sono arrivati ​​anche dal mercato petrolifero, dove i prezzi sono scesi. Una varietà di petrolio greggio nel Mare del Nord Brent E la diversità americana Petrolio greggio West Texas Intermediate I prezzi sono scesi dello 0,6% a 87,59 dollari e 86,80 dollari al barile (159 litri). Lunedì le preoccupazioni per le forniture a seguito dell’escalation militare in Medio Oriente hanno portato ad un aumento dei prezzi del petrolio greggio di oltre il 4%. Tuttavia, secondo gli operatori di mercato, gli investitori dovrebbero prepararsi a una maggiore volatilità. Mentre Israele produce quantità molto piccole di petrolio greggio, gli investitori temono che l’estensione del conflitto potrebbe danneggiare le forniture in Medio Oriente e peggiorare il deficit previsto per il resto dell’anno. “Se le notizie sul coinvolgimento iraniano si rivelassero vere, ciò darà un’altra spinta ai prezzi”, hanno detto gli analisti di ING.

europeo Prezzo della benzina Nel frattempo, i prezzi sono aumentati notevolmente dopo che è stata scoperta una perdita in un gasdotto nella regione baltica. Il prezzo dei future europei è aumentato del 14,5% a 49,25 euro per megawattora. Secondo il governo finlandese, il gasdotto tra la Finlandia e l’Estonia è stato danneggiato dall’esterno.

Related articles