Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Hennis Junckermann se n’è andato: in lutto per la leggenda del ciclismo e capo pilota del Tour de France

La piccola tragedia di una grande carriera fu che, invece di brillanti vittorie, Hennis Junckermann si lamentò essenzialmente della sua più dolorosa sconfitta. “Se non mescolo quel pesce”, ha urlato la canzone più dolce del suo rinoceronte nativo dopo che un’intossicazione alimentare gli è costata la vittoria al Tour 1962. Il ciclismo ha stabilito l’immortalità.

Junkermann è morto poco prima del suo 88esimo compleanno e con il “ragazzo di Krefeld” ha lasciato una delle personalità ciclistiche più influenti della Germania. Insieme a Rudi Altig, Karl-Heinz Kunde e Rolf Wolfshohl, il potente alpinista con il brillante calcio rotondo ha formato una leggendaria quadrupla negli anni ’60 d’oro – da cui vive ancora l’83enne Wolfshohl.

La carriera di Junkermann è durata 18 anni e il suo record è impressionante: in tutti e tre i tour principali – Tour de France, Giro, Vuelta – ha raggiunto la top ten, quattro volte nel tour. Ha vinto due volte il Tour de Suisse (1959 e 1962), così come l’allora famoso campionato a Zurigo (1957) e intorno all’Henninger Turm (1963).

Ciclismo

“Louis van Gaal del ciclismo”: in lutto per la leggenda dell’allenatore tedesco

30/09/2021 alle 13:23

Gli mancava solo il clamoroso successo di Altig nel 1966 con il titolo iridato al Nürburgring (allora Johnkermann era fuori). Nel 1960 e nel 1961 Junkermann eccelleva al quarto e quinto posto assoluto al Tour de France. E nel 1962, fino alla quattordicesima tappa, è stato all’altezza del grande francese Jacques Anquetil nella lotta per i gialli – ma poi “Fish of Luchon” lo ha colpito.

Junkermann: vandalismo a Tour-Aus?

La mattina dopo aver mangiato un piatto di pesce in un albergo dei Pirenei, Junckermann si è svegliato con la febbre alta e lo stomaco contuso e, come tanti altri professionisti malati, ha rinunciato. Gran parte del trambusto è sorto intorno all’episodio, con il capo del tour Jack Godet che ha visto i conducenti coinvolti nel viaggio doping e ha minacciato il proprietario dell’hotel con conseguenze per danni alla reputazione. Junkermann parlò di sabotaggio molti anni dopo: “Non volevano che così pochi tedeschi vincessero il Tour”.

READ  È così che l'SV Werder Bremen ha reagito alle scuse iniziali di Markus!

Nel corso della sua carriera, i critici di Junkermann si sono lamentati del fatto che avrebbe potuto guadagnare di più con meno esitazione e maggiore fiducia in se stesso. “Sono tutte sciocchezze, non ho avuto alcuna possibilità, ero nelle loro grinfie”, ha detto Junckermann, guardando il predominio dei professionisti belgi e italiani in quel momento.

Junkermann: Patrono di Zabel & Co.

La sua carriera è finita amaramente: all’età di 38 anni, Junkermann si è lasciato convincere a gareggiare nel Tour per la squadra del Rokado di Dortmund. Finì con un test antidoping positivo e si arrese per bronchite – anche questo episodio è rimasto senza una spiegazione definitiva.

Successivamente, Junkermann è diventato un eccellente allenatore delle giovanili e star come Erik Zabel hanno trovato la loro strada nel ciclismo professionistico. “Ho portato Etty al Dortmund subito dopo il cambio”, ha detto Junckermann.

Si sedeva regolarmente in sella fino alla vecchiaia e, anche quando aveva più di 80 anni, correva ancora più di 100 chilometri al giorno. Solo negli ultimi due anni della sua vita ha perso le forze.

Giro in Turchia

Brutta caduta per pedone: frattura della vertebra cervicale a Pohani

prima di un’ora

Giro in Turchia

Quintana sul pavimento: questa caduta gli costerà tutte le possibilità?

1 giorno fa