Maggio 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Windows Autopatch: distribuire con attenzione l’aggiornamento per i clienti aziendali

Microsoft offrirà presto ai clienti una licenza Enterprise E3 con un meccanismo di aggiornamento chiamato autopatch. Dovrebbe rendere molto più semplice la distribuzione e il test degli aggiornamenti nelle reti di grandi dimensioni automatizzandoli su larga scala.

La funzione è stata annunciata la scorsa settimana all’evento “Futures of Hybrid Work”. Tuttavia, i dettagli sono persi.

Molti grandi produttori di software non distribuiscono gli aggiornamenti tutti in una volta, ma iniziano con un piccolo gruppo di computer e reti selezionati per testare la stabilità degli aggiornamenti. Se si verificano problemi, solo pochi clienti sono interessati e l’analisi del problema può essere eseguita in modo mirato e senza troppo stress a causa dell’elevato numero di clienti interessati.

Anche la distribuzione degli aggiornamenti software è un problema per i clienti che gestiscono reti di grandi dimensioni. È necessario prima verificare la compatibilità degli aggiornamenti con il software e l’hardware utilizzati prima che il reparto IT li distribuisca nella rete.

Microsoft divide i computer in quattro gruppi che vuoi vedere come anelli. Il primo anello riceve gli aggiornamenti di prova (“test”), il secondo anello riceve gli aggiornamenti per primo (“primo”), il terzo anello rientra nella categoria dei dispositivi dotati di velocità (“veloci”) e infine il quarto anello fornisce il vasto pubblico alla casa (“largo”).

Distribuisci gli aggiornamenti a quattro "  Anelli & quot;  da Microsoft.

Microsoft divide i computer di destinazione in quattro gruppi, che appaiono come anelli.

(Foto: Microsoft TechCommunity)

Nel secondo grafico, l’azienda mostra i rapporti reali. Le macchine di prova sono solo alcune. Il “primo” anello è costituito da circa l’uno percento di tutti i dispositivi e l’anello “veloce” in realtà rappresenta il nove percento, quindi un pubblico ampio rappresenta circa il 90 percento di tutti i dispositivi Windows nella rete.

La posta in gioco della macchina in ogni episodio

La posta in gioco della macchina in ogni episodio

Microsoft determina la percentuale di dispositivi in ​​ogni “ciclo di aggiornamento”.

(Foto: Microsoft TechCommunity)

Questa divisione in anelli è importante per la distribuzione graduale degli aggiornamenti. Viene distribuito automaticamente nel loop di “testing”, dopo la fase di valutazione viene installato nel loop successivo, convalidato anche lì e quindi impostato nel loop successivo ecc. Autopatch monitora le prestazioni del dispositivo e confronta i valori con quelli prima dell’aggiornamento e con i valori dei precedenti loop di aggiornamento, se presenti. Microsoft spiega nella sua descrizione delle funzionalitàQuesta procedura di sottrazione bilancia velocità ed efficienza e migliora i tempi di attività produttiva dei dispositivi.

Gli aggiornamenti di qualità che influiscono su funzionalità di sicurezza, firmware e simili dovrebbero essere distribuiti abbastanza rapidamente, ma Microsoft non specifica un periodo per questo. Gli aggiornamenti delle funzionalità che apportano modifiche importanti all’interfaccia utente, ad esempio, atterrano più comodamente sui dispositivi. Microsoft concede a ogni episodio 30 giorni per questi aggiornamenti.

Una volta che si verifica un problema di aggiornamento automatico, verrà presa una contromisura e applicata alle distribuzioni future. Microsoft assicura che ciò si traduce in un servizio proattivo che nessun team di gestione IT può replicare rapidamente. Inoltre, Autopatch migliora sempre di più con il numero di aggiornamenti che distribuisce.

Autopatch ha tre funzioni principali per mantenere i computer e i loro utenti produttivi. La prima è chiamata funzione “stop”. Gli aggiornamenti non terminano nel ciclo successivo finché non si soddisfano i criteri di stabilità; I clienti possono anche sospendere gli aggiornamenti. La seconda è la funzione Annulla, che rimuove automaticamente gli aggiornamenti se i dispositivi non riescono a raggiungere gli obiettivi di prestazioni dopo un aggiornamento. Infine, c’è la funzione “Selettività”. Di conseguenza, solo le parti del pacchetto di aggiornamento vengono passate e quelle che riducono le prestazioni vengono messe in “sospensione” o disinstallate, anche automaticamente.

Per gli amministratori IT in reti di grandi dimensioni con una licenza Enterprise E3 (inclusa anche con Enterprise E5), la correzione automatica può significare una notevole semplificazione del lavoro quotidiano. Come prerequisito per l’uso, hanno comunque bisogno della gestione o della cogestione di Intune. Naturalmente, ci sono anche strumenti di reporting associati. Se la correzione automatica diventa disponibile, gli amministratori devono solo accettare i termini di utilizzo e fornire i dettagli di contatto amministrativi. Microsoft prevede una disponibilità generale nel luglio di quest’anno.


(DMK)

alla home page

READ  Dead Space Remake - Nuovo live streaming per gli sviluppatori annunciato giovedì