Gennaio 30, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ha resuscitato “virus zombi” di 50.000 anni in laboratorio

È così che di solito iniziano film come “I Am Legend”, “Jurassic Park” o “12 Monkeys”: in Siberia, nel ghiaccio sciolto, vengono scoperti mammut che trasportano un virus millenario. I ricercatori riattivano specie di virus precedentemente sconosciute in laboratorio. Il resto è storia (umana).

Ciò che suona come fantascienza qui non è lontano. Come tra l’altro Rivista “Spectrum der Wissenschaft”. Secondo il rapporto, un team dell’organizzazione di ricerca francese CNRS di Marsiglia è recentemente riuscito a riattivare 13 tipi di virus completamente sconosciuti che fino ad allora erano stati conservati nel permafrost.

Ma partiamo dall’inizio. Il cambiamento climatico e il riscaldamento globale associato stanno lentamente ma inesorabilmente scongelando il permafrost nell’emisfero settentrionale. Nel caso del permafrost la temperatura è permanente, ma almeno per due anni senza interruzioni, a zero gradi o meno.

Le temperature in aumento ora assicurano che le carcasse degli animali e la materia vegetale vengano rivelate durante il disgelo, e con esse i batteri e i virus che li hanno trasportati più di diecimila anni fa.

Il vaso di Pandora nel permafrost

È noto che virus e batteri possono sopravvivere nel permafrost in letargo. Nel 2014, un gruppo di ricerca francese è riuscito a far rivivere il cosiddetto virus gigante, Pithovirus sibericum, utilizzando amebe in laboratorio.

Nel 2017, i biologi belgi hanno finalmente resuscitato due virus che sono stati scoperti nelle feci di caribù morti e “rimangono intatti e contagiosi anche dopo 700 anni nel ghiaccio”, hanno riferito i ricercatori.

Negli ultimi anni, ci sono state prove crescenti che il permafrost contiene un enorme serbatoio di antichi microbi o virus che possono tornare in vita quando le condizioni ambientali cambiano.

Gruppo di ricerca sullo studio Ritorno al futuro in una capsula di Petri, 2017

in i loro studi Con l’appropriato titolo “Ritorno al futuro in una capsula di Petri”, i ricercatori belgi hanno esplicitamente avvertito dei pericoli che potrebbero derivare dai microbi conservati nel permafrost.

READ  Scoppia la polemica: rendere pubblici direttamente i dati del James Webb Space Telescope?

Quindi, se il ghiaccio “eterno” nelle regioni del permafrost non dura per sempre, è probabile che alcune rivelazioni virali arrivino con l’imminente riscaldamento globale.

I “virus zombi” come minaccia per la salute pubblica?

I virus recentemente rianimati del gruppo di ricerca guidato dal microbiologo Jean-Marie Alembec hanno più di 700 anni. Secondo gli scienziati, si dice che una specie di virus scoperta di recente sia sopravvissuta nel permafrost per circa 50.000 anni.

50.000 anni

Per molto tempo è stato un tipo di virus che è stato trovato in grado di sopravvivere nel permafrost.

Piace a quello Il rapporto del gruppo di lavoro del CNRS non è ancora stato pubblicato Significa che negli ultimi anni non sono stati pubblicati nuovi documenti di ricerca sui virus “vivi”. Ciò non significa, tuttavia, che “tali incidenti siano rari e che i ‘virus zombi’ non rappresentino una minaccia per la salute pubblica”, hanno affermato i ricercatori.

L’ultimo rapporto mira a consentire una “valutazione più sobria”, afferma l’abstract.

Il permafrost e le conseguenze del cambiamento climatico

In totale, il team del CNRS è stato in grado di isolare 13 tipi di virus completamente nuovi da campioni di suolo in Siberia, inclusi campioni del fiume Lena e del permafrost della Kamchatka.

Le regioni della Siberia sono già fortemente colpite dalle conseguenze del cambiamento climatico. Nella città più fredda del mondo, Yakutsk, costruita nel 1632 sul permafrost, intere strade e binari ferroviari stanno già iniziando a deteriorarsi e gli edifici si stanno rompendo o crollando completamente.

READ  Il diabete di tipo 1 può colpire anche gli adulti
Nella Repubblica di Sakha (Yakutia), il 13 settembre 2021, la costruzione di un edificio industriale è stata ritardata a causa dello scioglimento del permafrost.
©Reuters/Maxim Shemetov

Particolarmente instabile: durante la decomposizione della materia organica, che secondo il gruppo di ricerca del CNRS può rimanere dormiente nel permafrost fino a un milione di anni, si formano ulteriore metano e anidride carbonica. Questo, a sua volta, aumenta l’effetto serra.

alla pagina iniziale