Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

guerra | Putin perdona i prigionieri per averli mandati in guerra

Giorno 323 dall’inizio della guerra: la Polonia è pronta a consegnare i carri armati Leopard all’Ucraina. Continuano pesanti combattimenti intorno alla città ucraina di Solidar. Tutte le informazioni nel blog delle notizie.

Le cose più importanti a colpo d’occhio


Kiev: più di 100 soldati russi sono stati uccisi a Solidar

9:24: Continuano i sanguinosi combattimenti per la città ucraina di Solidar nella regione di Donetsk, secondo informazioni provenienti da Mosca e Kiev. “Più di 100 russi sono stati mandati all’inferno sul posto nel distretto di Soledar”, ha detto giovedì il comando militare ucraino a Kiev. Ha aggiunto che le forze armate ucraine hanno ucciso più di 100 combattenti russi e distrutto il loro equipaggiamento, grazie al lavoro coordinato con l’artiglieria e le forze missilistiche.

Le informazioni inizialmente non potevano essere verificate in modo indipendente. L’Ucraina aveva precedentemente negato le accuse russe secondo cui Solidar era stato effettivamente sequestrato. Il Cremlino di Mosca aveva parlato di “dinamiche positive”, ma ha detto che aspetterà la conferma ufficiale dell’acquisizione di Solidar.

Il capo dell’organizzazione paramilitare russa “Wagner”, Yevgeny Prigozhin, ha affermato che la città era stata occupata. Allo stesso tempo, ha chiarito che la regione è ancora “ripulita” dai resti dell’esercito ucraino. “I civili sono stati portati fuori e i combattenti delle forze armate ucraine che non volevano essere catturati sono stati uccisi. Circa 500 persone sono state uccise”, ha affermato Prigozhin.

Londra: la Russia utilizza nuovamente le unità aviotrasportate come forza d’attacco

8:24: Dopo mesi di dispiegamento come forze di terra, la Russia vuole utilizzare nuovamente le sue unità aviotrasportate in Ucraina come forza d’élite, secondo una stima britannica. Nel suo aggiornamento quotidiano dell’intelligence di giovedì, il ministero della Difesa britannico ha affermato di ritenere che i comandanti stessero cercando di schierare paracadutisti nel Donbass a est ea sud “più in linea con il loro ruolo effettivo di forza di reazione rapida relativamente d’élite”.

READ  Notizie dall'Ucraina ++ Medvedev infastidisce con strane previsioni ++

Dall’inizio dell’anno, parti della 76a divisione aviotrasportata delle guardie sarebbero state schierate vicino a Kremina, poiché la Russia classifica questa parte del fronte come particolarmente vulnerabile, secondo fonti londinesi. Di recente sono scoppiati pesanti combattimenti vicino alla città nella regione di Luhansk, dove le forze ucraine stanno attaccando, e intorno a Soledar nella regione di Donetsk, dove stanno avanzando le unità russe.

Cronaca: Putin grazia i prigionieri per inviarli alla guerra in Ucraina

6:45Il presidente del Cremlino Vladimir Putin potrebbe aver segretamente graziato, per precauzione, i prigionieri russi che dovrebbero combattere come mercenari per la milizia russa Wagner in Ucraina. Lo riferisce il think tank americano “Institute for the Study of War” (ISW), citando diversi report.

Pochi giorni fa, Eva Merkacheva, membro del Consiglio russo per i diritti umani, ha dichiarato alla radio di stato RIA che i prigionieri reclutati per “Wagner” sarebbero stati graziati in anticipo. I mercenari “Wagner” sono vassalli della fiducia di Putin Yevgeny Prigoshine, e dovrebbero agire in modo molto brutale nella guerra in Ucraina.

Secondo la legge russa, tali grazie possono essere concesse solo dallo stesso Putin e sono soggette alla massima segretezza. Lo stesso Prigozhin aveva precedentemente affermato di aver concesso tale grazia, ma non aveva l’autorità per farlo, secondo l’istituto. In alternativa, le dichiarazioni di Prigozhin potrebbero essere state una pubblicità per le sue forze. Lo scopo dell’amnistia di Putin è ora chiaro, sospetta l’ISW: la prospettiva dell’impunità dovrebbe dare ai criminali un incentivo ad assumersi come mercenari.

Notte: Medvedev: i carri armati occidentali “presto saranno spazzatura arrugginita”

5:45: L’ex presidente russo Dmitry Medvedev ha affermato che i carri armati occidentali in Ucraina sarebbero vicini a “rottami metallici arrugginiti”. Il vice capo del Consiglio di sicurezza nazionale russo ha commentato che i veicoli blindati non salverebbero il collasso dello “stato artificiale” dell’Ucraina. All’incontro di Lviv, che secondo Medvedev tornerà presto in Polonia come Lemberg, carri armati come il Leopard, i moderni T-72 e persino i carri armati britannici sono stati “amati”. Medvedev ha detto: “Ma tutto questo ferro si trasformerà presto in rottami arrugginiti”. Ecco una panoramica di quello che è successo quella notte.

READ  La Polonia conferma un colpo missilistico di fabbricazione russa
Come vice capo del Consiglio di sicurezza russo, Dmitry Medvedev è uno dei più importanti scagnozzi di Vladimir Putin. (Fonte: IMAGO / Yekaterina Shtukina)