Febbraio 8, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Giornata dello sport giovedì 12 gennaio 2023

All’età di 25 anni, Johannes Jula è già il capitano della nazionale tedesca di pallamano. In un’intervista a ntv.de, il line runner parla del suo ruolo di capitano, della cultura della squadra DHB e delle prospettive per i campionati in Polonia e Svezia.

Buon anno, signor Gola. Dove hai provato all’inizio dell’anno? Con la famiglia o con la squadra?

Johannes Julla: Ero nel mio paese natale, vicino a Wiesbaden, dove abbiamo festeggiato con i nonni di mia figlia. Difficile dire addio, ma d’altra parte non vedi l’ora di vedere i tuoi compagni di nazionale. Ho sviluppato un’unità davvero buona lì.

È speciale essere il capitano della nazionale quando sei ancora un giovane giocatore. come ti senti?

Prima di tutto un grande onore. E come una grande responsabilità. Ci sono grandi sfide che devo padroneggiare, soprattutto nel comunicare con l’allenatore della nazionale e direttore sportivo Axel Kromer. Ma vivo molto qui e ora posso valutare tutto così bene.

Questo ruolo ti ha cambiato personalmente?

Non è cambiato, ma è avanzato. Ci sono situazioni che non accadono a molte persone della mia età. Affronterai situazioni difficili. Ma se lo padroneggi, crescerà enormemente.

Come descriveresti il ​​tuo rapporto con l’allenatore della nazionale Alfred Gislason?

Questo è un rapporto di fiducia che è cresciuto negli anni. All’inizio ero un giocatore regolare della nazionale, poi mi ha promosso capitano e da allora la nostra comunicazione è passata a un altro livello. Mi dice esattamente cosa è importante per lui e cosa si aspetta dalla squadra. D’altra parte, gli esprimo i miei pensieri su come possiamo andare avanti come squadra. È una grande collaborazione, considero ancora un onore poter lavorare con un allenatore del genere che ha vissuto e vinto tutto nella pallamano.

L’allenatore della nazionale ei tuoi compagni ti descrivono come il leader perfetto. Questo lavoro è su misura per te?

READ  Mondiali 2022: Dopo la sconfitta, affronta il marocchino Gianni Infantino

Prima di tutto, mi sento felice quando vengo lodato in questo modo. È vero che amo condividere e assumermi responsabilità. Per me è importante aiutare la squadra il più possibile.

Alla vigilia della Coppa del Mondo, Gislason si è lamentato del fatto che gli scandinavi e le altre nazioni mettono più cuore e anima nelle loro squadre nazionali rispetto ai tedeschi. Condividete questa critica?

Chi c’è gioca anche con grande passione per la Nazionale. Ma non ci sono tutti. Ci sono sempre ragioni individuali per questo, che devi valutare individualmente. Ma fondamentalmente vuoi il meglio per giocare. Ma ognuno deve decidere da solo se vuole essere lì o no.

In qualità di capitano, puoi prendere parte attiva alla creazione di qualcosa come la cultura della nazionale?

Dobbiamo assolutamente lavorare per garantire che tutti i giocatori si divertano a entrare in nazionale e fornire un quadro in cui tutti si sentano a proprio agio. Ciò dipende anche dal successo sportivo, perché l’attrattiva della squadra nazionale è corrispondentemente maggiore.

Com’è l’umore in squadra?

Molto bene, stiamo lavorando molto duramente e intensamente sulle cose che vogliamo superare. Siamo completamente concentrati sulla Coppa del Mondo perché vogliamo ottenere qualcosa lì.

Cosa puoi promettere ai fan tedeschi?

Lasciando tutto ciò che avevamo in campo e portando sempre di più ciò che abbiamo sviluppato negli allenamenti e nelle partite pre-stagionali man mano che il torneo andava avanti. Non solo vogliamo ispirare con passione, ma vogliamo anche usare una buona pallamano. Il nostro obiettivo è offrire agli spettatori esattamente questo.

Ci sono obiettivi specifici che vuoi raggiungere in Coppa del Mondo?

Non ce l’abbiamo, non eravamo d’accordo sul posizionamento. La cosa più importante è che iniziamo bene il torneo e usciamo perfettamente dal turno preliminare senza perdere punti in modo da poter prendere una buona posizione di partenza per il secondo turno. Il mio obiettivo personale è raggiungere nuovamente la fase a eliminazione diretta.

READ  Olympia 2022: Erster deutscher Athlet a Pechino positiv getetest

Il tuo portiere Andreas Wolf fa un ulteriore passo avanti. Dopo una pausa di sette anni, dice, è tempo di medagliare di nuovo. verrai con me

Innanzitutto, sono contento che i giocatori vadano là fuori per ottenere il massimo da esso. Ovviamente l’opinione di Andy è che dovremmo ottenere di nuovo qualcosa di numerabile. Ma dobbiamo stare attenti a non sopravvalutarci e affrontare i nostri compiti con il dovuto rispetto. Non siamo in cima al mondo in questo momento.

La Germania ha la più grande federazione nazionale di pallamano del mondo e le due partite internazionali di preparazione a Brema e Hannover sono esaurite. Perché questo paese di pallamano non si esibisce su un piano di parità con squadre leader come Danimarca, Francia e Spagna?

I danesi hanno una generazione assolutamente eccezionale in questo momento, ei francesi lo fanno da molto più tempo. Ci sono molti giocatori che giocano costantemente ai massimi livelli internazionali per i loro club. Il nostro obiettivo dovrebbe essere quello di arrivarci di nuovo. Non posso dare una risposta definitiva sul motivo per cui la pallamano tedesca non è stata forte negli ultimi anni.

Di cosa hai bisogno come squadra su cui lavorare più di ogni altra cosa?

Dobbiamo ritrovarci, dobbiamo lavorare sulle operazioni in difesa così come in attacco, lavorando sui nostri punti di forza e migliorando gli accordi. A livello individuale, stiamo bene, ma tutto deve combaciare.

Corona è stato un argomento enorme ai Campionati Europei dello scorso anno. Questa volta non sarebbe stato così disordinato, ma l’IHF ha introdotto regole molto rigide, per le quali è stato criticato. Come lo vedi?

READ  La polizia in Romania trova biciclette di professionisti italiani

Questo è un argomento difficile. Speravamo che sarebbe stato un torneo come prima del periodo Corona, quindi non dobbiamo più preoccuparcene. Ma ora i regolamenti sono fissati così come sono e dobbiamo conviverci. Per noi, questo significa in anticipo che dobbiamo ritirarci di nuovo e prestare più attenzione all’igiene di quanto vorremmo. Ci sarebbe piaciuto essere più vicini ai tifosi per le partite internazionali di Brema e Hannover, ma purtroppo abbiamo dovuto scendere a compromessi. È un peccato, ma dobbiamo affrontare le cose nel modo in cui ci viene detto.

La Coppa del Mondo in Qatar ha dimostrato che l’interesse del pubblico per il calcio era diminuito. Sei preoccupato che i giocatori di pallamano subiranno la stessa sorte se non colpiranno di nuovo alla grande presto?

I mondiali di pallamano 2023…

… in Polonia e Svezia prende il via mercoledì con l’esordio tra i campioni del mondo Polonia e Francia (21:00/Eurosport). Nel turno preliminare del Gruppo E, la nazionale tedesca incontra Qatar (13.1., 18:00 / ARD), Serbia (15.1., 18:00 / ZDF) e Algeria (17.1., 18:00 / ARD).

Il nostro obiettivo è ispirare le persone e i successi ne fanno parte. Vogliamo mostrare una buona pallamano, la gente dice: “Questa è la squadra che siamo” e ci piace guardarli. Se potessimo farlo, attireremmo automaticamente l’attenzione sulla pallamano.

In Qatar ci sono sempre stati messaggi politici: i giocatori iraniani che non hanno cantato l’inno nazionale o discusso sullo stemma One Love. Da capitano, pensi fino a che punto devono spingersi gli atleti su questioni come questa?

Come persona, ci penso e ho un’opinione al riguardo. Tuttavia, spero che possiamo concentrarci sullo sport in Coppa del Mondo. Perché andiamo lì per giocare a pallamano.

Felix Menenhaus ha parlato con Johannes Jula.