Febbraio 4, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Avviso di crash dell’eurozona: Italia: esplode la bomba sui tassi di interesse – Come la BCE sta giocando con il fuoco

I tassi di interesse stanno salendo, e con essi il peso del debito dell’Italia, il problema della bambina europea. La BCE sta cercando di contrastare questo con acquisti mirati di obbligazioni, ma questo è stato oggetto di critiche. Bomba!

Per la Banca centrale europea (BCE), la situazione attuale sta giocando con il fuoco: da un lato, vuole combattere i tassi di inflazione costantemente elevati con una politica monetaria restrittiva. D’altra parte, i banchieri centrali dovrebbero stare attenti a non sopraffare l’economia con la loro politica restrittiva. Come se non fosse già abbastanza impegnativo, la BCE ha non solo uno, ma 20 mercati obbligazionari nella zona euro di cui preoccuparsi. L’attenzione principale della banca centrale è rivolta ai paesi altamente indebitati dell’area dell’euro. Dopo i recenti aumenti dei tassi di interesse, devono pagare molto di più per il denaro preso in prestito rispetto alla parte settentrionale dell’UE. Il pericolo maggiore viene dal bambino problematico Italia.

Con un saldo Target 2 negativo di 660 miliardi di euro, l’Italia è fanalino di coda in Europa. In confronto, la Deutsche Bundesbank ha un saldo positivo di 1,23 trilioni di euro. Una delle conseguenze è stato lo spread dei titoli di stato italiani decennali, che ha fatto salire il premio al rischio di oltre due punti percentuali rispetto ai titoli tedeschi.

Suggerimento da Wall Street: Ufficio editoriale centrale online: “Le migliori azioni per il 2023” – Report gratuito (!) di Martin Koersch e Mike Seidlin. Clicca qui.

Gli spread di rendimento comportano un rischio maggiore di volatilità nei mercati dei capitali e di destabilizzazione dell’unione monetaria. Per evitare ciò, la scorsa estate la banca centrale ha speso 20 miliardi di euro. Il Crisis Tool Transmission Protection Tool, o TPI in breve, ti consente di fare proprio questo. Tuttavia, la BCE è criticata per tali acquisti mirati di obbligazioni: il TPI avvicina la politica monetaria al finanziamento statale.

READ  Avvelenato in vacanza in Italia? Un ex funzionario del Cremlino in ospedale

Le regole finanziarie dell’Europa sono stabilite nel Trattato di Maastricht, quindi sono in vigore da 25 anni. In base a ciò, il disavanzo delle amministrazioni pubbliche di un paese membro non può superare il tre percento e il livello del debito non può superare il 60 percento del prodotto interno lordo (PIL). Il rapporto debito/PIL dell’Italia ha recentemente superato il 150% del PIL, mentre la montagna del debito della Grecia è quasi tre volte il PIL annuo. Portogallo e Spagna sono rispettivamente il 125 e il 118%. La Germania, con il suo 68 per cento, è lontana da questo, ma anche la meno conforme alle regole fiscali dell’UE. Alla fine del 2021, l’Estonia aveva un rapporto debito/PIL molto basso, intorno al 18%.

(tl) per walltreet: redazione centrale online