Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina nell’indice: le borse statunitensi sono incoerenti – Il DAX è in rosso – A volte sotto i 13.000 punti – Shopify completa il frazionamento azionario – Amazon, FedEx, Siemens Energy, Volkswagen, Fresenius, Mercedes-Benz in primo piano | newsletter

Il German Leading Index è quotato a metà settimana con una croce rossa.

subordinare Dax Ha iniziato la giornata con uno sconto dell’1,07% a 13.089,99 punti e poi ha esteso le sue perdite, scendendo a volte al di sotto dell’importante soglia psicologica di 13.000 punti. subordinare prenderedax Inoltre, all’inizio delle negoziazioni, si è registrato un trend negativo (-0,86%) a 2.925,27 punti. Inoltre scivola sempre più in rosso con l’avanzare della giornata.

I timori di recessione dominano ancora una volta il mercato. Il giorno prima, l’indice di fiducia dei consumatori statunitensi a giugno sarebbe sceso al livello più basso da febbraio 2021 e Credit Suisse ha rivisto le sue previsioni di crescita, che ora sono “sull’orlo della recessione”, secondo gli esperti dell’agenzia di stampa tedesca. Citato.

Nel frattempo, l’inflazione in Germania è leggermente rallentata a giugno. “È un sollievo per i consumatori”, ha affermato Michael Heise, capo economista di HQ Trust Asset Management. Tuttavia, è più probabile che sia una pausa piuttosto che un punto di svolta.

Clicca qui per una panoramica completa del catalogo

Le borse europee hanno registrato perdite mercoledì.

subordinare Euro Stoxx 50 È sceso dello 0,4 percento a 3.534,82 punti all’inizio del mercato azionario. Poi scende.

Gli obiettivi deboli e l’inflazione persistentemente alta frustrano l’umore dei mercati azionari europei a metà settimana. Il giorno prima, l’indice di fiducia dei consumatori statunitensi per giugno è sceso al livello più basso da febbraio 2021, suscitando timori di recessione. C’è stato un piccolo barlume di speranza dalla Germania: “Almeno i nuovi dati sull’inflazione inviano un segnale che il picco potrebbe essere stato superato”, ha affermato un trader, secondo Dow Jones Newswires, con l’obiettivo di sviluppare i prezzi al consumo in diversi stati federali.

READ  Bilancio non verificabile: il gruppo immobiliare Adler è in profonda crisi

Clicca qui per una panoramica completa del catalogo

Le borse americane si sono divise a metà settimana.

subordinare Dow Jones Ha iniziato a essere scambiato in rialzo dello 0,39% a 31.067,41 punti ed è rimasto in nero dopo. tecnologia pesante Composito Nasdaq D’altra parte, la sessione ha aperto lo 0,19% in meno a 11.160,22 punti e ora si sta muovendo in un intervallo ristretto attorno alla linea dello zero.

La diminuzione della fiducia dei consumatori pubblicata il giorno prima aveva gli investitori preoccupati che gli Stati Uniti potessero scivolare in recessione poiché temevano che la Federal Reserve americana avrebbe combattuto un’inflazione troppo alta aumentando i tassi di interesse e quindi bloccando ulteriormente l’economia. “Le banche centrali stanno camminando su una linea molto sottile, in una certa misura dettando il sentimento del mercato”, ha affermato l’agenzia di stampa tedesca DPA citando l’esperto azionario Emmanuel Kao della banca britannica Barclays. “Il mercato sembra essere in un tiro alla fune tra la speranza che ci stiamo avvicinando al picco dell’inflazione e dei tassi di interesse e la sfida di un’economia in rallentamento e una possibile recessione”.

Clicca qui per una panoramica completa del catalogo

I mercati asiatici sono scesi mercoledì.

L’indice principale del Giappone ha perso a Tokyo Nikki Alla fine 0,91 per cento a 2.6804,60 punti.

nella Cina continentale, Barca di Shanghai Nel frattempo, meno 1,4 per cento a 3.361,52 punti. subordinare Hang Seng Nel frattempo, Hong Kong ha perso l’1,88% a 21.996,89 posti di lavoro.

Mercoledì i mercati azionari asiatici si sono basati sulle deboli specifiche statunitensi. I timori di recessione e inflazione hanno continuato a definire gli eventi. Inoltre, i trader hanno affermato che allentare le restrizioni sul coronavirus non significa allontanarsi dalla strategia zero-COVID. Nel migliore dei casi, è una questione di politica simbolica.

READ  Verbale: Federal Reserve statunitense: discussa la velocità per limitare gli acquisti di obbligazioni | newsletter

Clicca qui per una panoramica completa del catalogo