Ottobre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: il Pentagono stima le perdite russe fino a 80.000 morti o feriti

all’estero La guerra in Ucraina

Il Pentagono stima le perdite russe fino a 80.000 morti o feriti

“Uno sviluppo molto pericoloso”

Heinz Smetal, fisico nucleare ed esperto di energia nucleare di Greenpeace, vede la situazione a Zaporizhia con grande preoccupazione. Avverte che i russi avrebbero lasciato un campo minato a Chernobyl quando se ne sarebbero andati. I rilasci radioattivi a Zaporizhia potrebbero essere molto più grandi che a Fukushima.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49, paragrafo 1, lettera a), del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR). Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

La situazione in prima linea nell’Ucraina orientale resta tesa. Il governatore della regione di Donetsk riferisce di attacchi aerei. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti presume che l’esercito russo abbia subito perdite straordinarie. Panoramica.

ioLa guerra in Ucraina, secondo le stime Pentagono Da parte russa Da 70.000 a 80.000 persone furono uccisi o feriti. Il funzionario del Pentagono Colin Kahl ha dichiarato lunedì che l’esercito russo ha subito perdite straordinarie perché l’esercito ucraino sta andando bene e ha ricevuto molto sostegno. Ha descritto la guerra come “il conflitto convenzionale più intenso in Europa dalla seconda guerra mondiale”. Non ci sono informazioni attuali dagli organismi ufficiali in Russia sul numero delle vittime.

Cal ha detto che attualmente vede gli ucraini come un chiaro vantaggio, in particolare perché sono superiori alle forze armate russe in termini di morale e prontezza al combattimento. “C’è molto in gioco per loro. Il presidente russo Vladimir Putin non ha raggiunto nessuno dei suoi obiettivi”. e stato democratico. Niente di tutto ciò è successo”.

“C’è una sparatoria costante lungo la linea del fronte”.

Secondo esperti militari britannici, negli ultimi giorni le forze d’invasione russe in Ucraina hanno concentrato i loro sforzi per respingere un contrattacco ucraino nel sud del Paese. Tuttavia, gli attacchi russi si trovano nella regione orientale Donetsk Ha detto nell’aggiornamento quotidiano dell’intelligence del Ministero della Difesa a Londra martedì.

La parte ucraina ha anche riferito di intensi bombardamenti russi in prima linea a est. Il governatore dell’omonima regione, Pavlo Kirilenko, ha dichiarato alla televisione ucraina che feroci battaglie si stanno svolgendo nei luoghi vicino alla città di Donetsk. “La situazione è tesa: ci sono continue sparatorie lungo l’intera linea del fronte”. Ci sono anche molti raid aerei. “Il nemico sta fallendo. La regione di Donetsk resiste”.

Ma in generale, secondo gli esperti britannici, i progressi compiuti dagli aggressori russi sono ancora limitati. I russi hanno avuto il loro più grande successo negli ultimi 30 giorni nell’avanzare in città bastoncino ricevuta. Ma anche lì, la prima linea è stata spostata solo di dieci chilometri durante questo periodo. In altre zone la distanza era di soli tre chilometri.

Gli inglesi vedono la carenza di personale tra i russi come una delle ragioni di ciò. “Nonostante il continuo e pesante uso dell’artiglieria in queste aree, la Russia non è stata in grado di mobilitare forze combattenti di fanteria capaci in numero sufficiente per garantire guadagni significativi sul campo”, si legge nella nota.

La situazione attuale in Ucraina

Fonte: Mondo Infografico

Dopo gli attacchi alla centrale nucleare ucraina Zaporižia Il presidente Volodymyr Zelensky ha avvertito di una catastrofe nucleare e ha fatto paragoni con il disastro di Chernobyl del 1986. “Il mondo non deve dimenticare Chernobyl e ricordare che la centrale nucleare di Zaporizhia è la più grande d’Europa”, ha detto lunedì il capo di stato ucraino. Il disastro di Chernobyl è stata l’esplosione di un reattore. Zaporizhia possiede sei reattori”.

Allo stesso tempo, Zelensky ha chiesto nuove sanzioni contro la Russia. “Sono necessarie nuove sanzioni contro lo stato terrorista e l’intera industria nucleare russa per minacciare la catastrofe nucleare”, ha aggiunto.

Leggi anche

Un soldato russo si trova davanti a una centrale nucleare a Zaporizhia

Bombardamento a Zaporizhia

La centrale nucleare di Zaporizhia, nel sud dell’Ucraina, è stata presa di mira due volte negli ultimi giorni. Parti dell’impianto sono state danneggiate e uno dei reattori ha dovuto essere spento. Russia e Ucraina si incolpano a vicenda per gli attacchi.

Non ci sono ancora prove di radioattività rilasciate, ha annunciato il Federal Bureau of Radiation Protection (BfS). La Casa Bianca di Washington ha rilasciato una dichiarazione simile. Ma la paura di potenziali danni sta crescendo. Il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres ha avvertito che “qualsiasi attacco a una centrale nucleare è un atto suicida”. L’Ucraina chiede una missione dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica per visitare urgentemente la centrale.

Le esportazioni di grano ucraine sono iniziate via nave

D’altra parte, negli ultimi giorni, diverse navi straniere hanno trasportato a bordo grano Porti ucraini del Mar Nero capacità di partire. Tuttavia, la prima nave mercantile, denominata “Razzoni”, è stata dirottata dal porto di destinazione di Tripoli in Libano alla Turchia ed è stata attraccata al largo delle coste turche martedì mattina, secondo il Maritime Traffic Information Service.

I media ucraini, citando diplomatici, hanno riferito che il cliente in Libano non voleva accettare la spedizione di mais, che era stata ritardata dallo scoppio della guerra.

L'arrivo della prima nave di grano che ha lasciato l'Ucraina alla Turchia per l'ispezione

“Al-Razoni” in viaggio per Istanbul (foto d’archivio)

Fonte: Reuters

Il ministro federale dello sviluppo Svenja Schulze (SPD) ha messo in guardia contro l’eccessiva euforia dopo i primi trasferimenti. “I prezzi dei cereali sono leggermente diminuiti, ma sono ancora a un livello elevato”, ha detto alla Rheinische Post di Düsseldorf e al generale Anzeiger di Bonn. Tuttavia, non è possibile accertare se Putin “continuerà a usare il grano come arma”. La guerra ha chiuso i porti ucraini da febbraio. A luglio, le Nazioni Unite e la Turchia hanno negoziato un accordo sull’esportazione sicura dell’importante prodotto.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49, paragrafo 1, lettera a), del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR). Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

La storia di una battaglia tedesca per l’Ucraina. Iscriviti subito a “Close to it – il podcast di reportage”. spotifyE il Podcast di AppleE il Deezer o direttamente RSS Feed.

READ  Corona: la Danimarca è ora un'area ad alto rischio | NDR.de - Notizie - Schleswig-Holstein