Maggio 19, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Google annuncia nuove misure di protezione dei dati per Android

Dopo lo shock dell’iPhone, l’industria della pubblicità online deve adattarsi alle nuove regole del gioco per gli smartphone Android. Google, in qualità di sviluppatore di Android, ha annunciato mercoledì misure di protezione della privacy più forti che saranno sviluppate nei prossimi anni.


La base del lavoro precedente con la pubblicità online su smartphone era il numero di identificazione, con il quale l’industria pubblicitaria poteva raccogliere informazioni sugli interessi di un utente e pubblicare annunci su misura per lui.


Ma l’anno scorso, Apple ha inferto un duro colpo al modello: i fornitori di app ora devono chiedere esplicitamente il permesso agli utenti di iPhone se vogliono monitorare il loro comportamento su diverse app e servizi. Molte persone lo rifiutano. Tra gli altri, il gruppo Facebook morto Ne ha sentito gli effetti e ha recentemente stimato che le nuove regole di Apple potrebbero ridurre le vendite di dieci miliardi di dollari quest’anno.


Google ha ora annunciato che, da un lato, dovrebbe essere limitata la condivisione delle informazioni degli utenti con terze parti, come i commercianti di dati nel settore pubblicitario. Si desidera anche trovare soluzioni senza il precedente ID pubblicità per raccogliere dati in diverse applicazioni.


Allo stesso tempo ha preso le distanze browser google – Apple senza etichetta – Da criteri di gruppo di iPhone. Secondo un post sul blog, altre piattaforme hanno “severamente” limitato i meccanismi precedenti. Senza una soluzione alternativa, questo sarebbe inefficace e dannoso per proteggere la privacy e il lavoro dello sviluppatore dell’app. Invece, Google vuole supportare le funzionalità di oggi per almeno due anni mentre lavora su nuove soluzioni.

READ  Una UI 4 basata su Android 12 è ora distribuita


Android ha una quota di mercato di oltre l’80% nel business globale degli smartphone. Account iPhone per il resto. Allo stesso tempo, la distribuzione varia da paese a paese: nel redditizio mercato statunitense, ad esempio, la quota dell’iPhone è stimata a circa la metà.


Dato il suo ruolo nel mercato della pubblicità online, le mani di Google sono più legate di quelle di Apple quando si tratta di cambiare le regole per la gestione dei dati degli utenti. Il gruppo Internet dovrebbe stare attento a non essere accusato di favorire la propria attività pubblicitaria.


dpa