Ottobre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gonfiaggio: burro, sottaceti, zucchero? Questi alimenti sono particolarmente costosi

DottL’inflazione resta alta in Germania. Gli statistici federali hanno confermato la loro cifra del 7,9% per l’inflazione in Germania. Il valore di agosto è stato trainato anche dai prezzi dell’energia, che sono aumentati di oltre il 35% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso.

Ma gli aumenti di prezzo si notano anche al supermercato: i generi alimentari costano il 16,6 per cento in più rispetto a un anno fa. Uno sguardo ai dettagli delle statistiche rivelano.

I dati sull’inflazione per le singole categorie di prodotti alimentari mostrano che l’inflazione non ha consumato tutti i prodotti. Inoltre, il prezzo è alto per quei prodotti il ​​cui prezzo sul mercato mondiale è aumentato in modo significativo a causa della guerra in Ucraina.

Leggi di più sull’inflazione qui

Pandemia, inflazione, errori politici

Se W lo pensa

Diversi stili di console Playstation 5: i prezzi per gli assaggi sono ora dovuti per il nuovo dispositivo

Programma radiofonico internazionale

Il ministro dell'Industria e del Commercio della Repubblica ceca Josef Sekila, a destra, parla con il ministro tedesco dell'Energia Robert Habeck durante una riunione dei ministri dell'energia dell'UE presso l'edificio del Consiglio europeo a Bruxelles, venerdì 9 settembre 2022. I ministri dell'energia dell'UE tengono colloqui di emergenza con una discussione su capping Il prezzo del gas naturale russo e un gettito fiscale inaspettato per le compagnie petrolifere e del gas europee che realizzano profitti straordinari mentre la guerra in Ucraina ha fatto salire alle stelle i prezzi dell'energia.  (Foto AP/Olivier Matthys)

I prezzi di gas ed elettricità salgono

Ciò riguarda principalmente la farina di frumento e gli oli vegetali: l’Ucraina è uno dei principali esportatori di entrambi i prodotti sul mercato mondiale. Di conseguenza, i prodotti del bestiame nutriti con mangimi concentrati rimangono costosi: carne, latte, uova.

Leggi anche

I prezzi alimentari interni, che dipendono meno dal prezzo del mercato mondiale, aumentano molto meno. Anche gli alimenti trasformati come il muesli sono cresciuti meno vigorosamente.

Per l’olio di girasole e di colza, gli statistici hanno registrato un aumento dei prezzi di ben l’81%. Tuttavia, la margarina prodotta con esso è solo il 29% più costosa ed è ancora un’alternativa economica al burro, con il suo prezzo in aumento del 49%.

READ  Questi modelli sono pronti per la targa H.

Vendita al dettaglio e domanda di prezzo

Ciò dimostra che, poiché il costo del lavoro non è aumentato di molto finora, la pressione sui costi diminuisce quando il cibo viene trasformato o venduto come prodotto di marca con una massa di costi pubblicitari elevati. Ad esempio, il prezzo dei prodotti da forno è aumentato molto meno del prezzo della farina del 13%.

Il fatto che i rivenditori in Germania continuino a resistere ad alcune richieste di prezzo da parte dei produttori di prodotti di marca contribuisce a rallentare i costi di questi prodotti. Gli operatori di discount e i supermercati sostengono che l’industria deve assorbire alcuni degli stessi aumenti dei costi, ad esempio attraverso una manodopera più efficiente o profitti inferiori.

Quindi l’industria si lamenta di essere lenta nell’andare avanti con le sue richieste di prezzo. Tuttavia, guida il commercio verso ulteriori aumenti dei prezzi, attraverso i quali vuole far passare gli aumenti dei costi e bloccare i suoi margini di profitto. Ciò indica che alcuni degli aumenti di prezzo sono stati solo posticipati.

Fonte: exdez/Getty Images; Mondo infografico

Edeka ha recentemente intentato una causa con successo Coca Cola, per continuare a fornire, anche se il dettagliante non vuole pagare l’aumento di prezzo richiesto. Le statistiche supportano le argomentazioni di Edica: lo zucchero, un componente importante della cola classica, è appena diventato più costoso con un aumento del 2,2 per cento. Finora, tuttavia, la posizione dura dei rivenditori ha frenato l’ondata di cola: la brown soda costa solo il 4,1% in più rispetto a un anno fa per tutti i marchi.

Tuttavia, i produttori continueranno probabilmente a chiedere prezzi più alti. Temono che l’aumento dei costi sarebbe altrimenti a scapito dei loro soli profitti – e non vogliono deludere i loro azionisti, che hanno promesso di aumentare i loro margini prima della crisi.

Aumento del prezzo al dettaglio

Pertanto, gli aumenti dei prezzi possono essere solo ritardati, il che significa che l’inflazione repressa può ancora colpire il supermercato. L’Istituto Ifo ha anche avvertito che l’inflazione sarà più alta l’anno prossimo rispetto a quella attuale.

Ad esempio, il produttore Nivea Beiersdorf spera di essere in grado di spingere altri 12-18 aumenti di prezzo graduali nei prossimi mesi. Finora, il gruppo DAX è stato in grado di trasferire la metà degli aumenti dei costi delle materie prime e dell’energia ai rivenditori, ha affermato Oswald Barkhahn, membro del consiglio di Beiersdorf ad Amburgo.

Alcune delle materie prime chimiche provengono dalla Cina, che fornisce meno a causa dei blocchi. Anche gli oli vegetali, destinati a sostituire gradualmente gli oli minerali nei cosmetici, sono più costosi. Tuttavia, il gestore si è lamentato del fatto che i colloqui con il commercio europeo sono stati difficili, sebbene i precedenti aumenti dei prezzi di Nivea quest’anno non abbiano portato a una perdita di quota di mercato.

I prezzi alti non sono per tutti i cibi

Tuttavia, i consumatori possono sperare che l’inflazione non abbia colpito tutti gli alimenti. Con un aumento dei prezzi di appena il 3,3%, la carne di animali selvatici è rimasta pressoché stabile: dopotutto, gli animali selvatici non vengono nutriti o non vengono nutriti affatto. Anche i frutti locali come l’uva e le mele rimangono a buon mercato grazie alle buone colture regionali.

Le banane, anch’esse con aumenti di prezzo superiori alla media, dimostrano che percorsi di consegna ancora più lunghi non causano necessariamente enormi salti di prezzo, nonostante la situazione logistica tesa. Solo per i cetrioli, c’è un’oscillazione estrema dei prezzi del 50 percento: le verdure reagiscono in modo sensibile alle intemperie.

Quindi la maggior parte degli aumenti di prezzo segue ancora le effettive perturbazioni nei mercati delle materie prime. Anche nel caso del cibo c’è soprattutto l’inflazione importata, che può scomparire se la situazione mondiale si calma.

Almeno per gli alimenti non trasformati, il prezzo può stabilizzarsi. Questo è ciò che indica il mercato mondiale: da quando le navi del grano hanno lasciato ancora una volta l’Ucraina, il prezzo del mercato mondiale ha smesso di aumentare. È stato abbastanza piatto per settimane a circa il 35% in più rispetto al livello dell’anno precedente. Nelle settimane successive all’inizio della guerra, gli aumenti dei prezzi a volte erano due volte più alti, spinti anche da speculatori che avevano previsto una crisi della fame globale molto più ampia.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“All in Stock” è l’istantanea giornaliera della borsa valori del team editoriale di WELT Business. Ogni mattina dalle 7 del mattino con i giornalisti finanziari WELT. Per esperti di borsa e principianti. Iscriviti al podcast su spotifyE il Podcast di AppleE il musica amazzonica E il Deezer. o direttamente tramite RSS Feed.