Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gas serra: aumento del 5% – Le emissioni dell’UE sono aumentate dopo il Corona

Germania gas serra

Aumento del cinque percento: le emissioni dell’UE sono aumentate dopo il Corona

Standard di emissione - auto e camion

Fonte: dpa/Roberto Pfeil

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Entro il 2030, l’Unione Europea vuole ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 55%. Ma dopo Corona 2020, le cose inizialmente stanno andando nella direzione sbagliata. Gli esperti chiedono una velocità notevolmente maggiore, tra l’altro, nell’espansione delle energie rinnovabili.

DottLa ripresa economica dopo l’anno peggiore della pandemia di Corona ha portato a un aumento delle emissioni dannose per il clima nell’Unione europea. Secondo i dati preliminari, le emissioni di gas serra nell’Unione Europea sono aumentate di circa il 5% nel 2021 rispetto all’anno precedente, ma erano circa il 6% al di sotto del livello del 2019, secondo un rapporto dell’Agenzia dell’Ambiente dell’Unione Europea (AEA) pubblicato di mercoledì. Anche il consumo di energia è aumentato.

Per raggiungere gli obiettivi climatici del 2030, i 27 Stati membri dell’Unione Europea dovranno fare molto di più, spiega il rapporto. Gli esperti hanno scritto che i progressi dovrebbero essere più che raddoppiati. È necessaria un’azione decisiva nei prossimi mesi e anni per garantire che gli Stati membri siano in grado di mettere in atto piani ambiziosi di riduzione delle emissioni per raggiungere gli obiettivi, ha affermato Hans Bruininckx, direttore esecutivo dello Spazio economico europeo.

Tra il 1990 e il 2020, le emissioni dei 27 paesi dell’Unione Europea sono diminuite del 32%, raggiungendo così chiaramente l’obiettivo climatico 2020 di una riduzione del 20%. Sulla strada per i più ambiziosi obiettivi climatici dell’UE per il 2030, tuttavia, questo è tutt’altro che sufficiente.

Leggi anche

Konstantin van Linden, attivista di ultima generazione e autore di WELT

Attivisti per il clima “l’ultima generazione”

“Non possiamo continuare al ritmo del passato”, ha affermato Melanie Sporer, uno degli autori del rapporto. “In media, dobbiamo raddoppiare le nostre riduzioni annuali delle emissioni dal 2021 al 2030 rispetto alle nostre riduzioni annuali delle emissioni dal 1990 al 2020”. Oppure, come ha affermato la sua collega dello Spazio economico europeo, Yuri de Schrieffer: “Dobbiamo accelerare verso il 2030”.

Ciò vale sia per la stagnazione dell’espansione delle energie rinnovabili nel 2021 sia per la riduzione del consumo di energia, sia per la riduzione di tutte le emissioni di gas serra. Secondo il rapporto, quest’ultimo dovrebbe diminuire in media di 134 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalenti ogni anno. La media per gli anni dal 1990 al 2020 è stata di soli 52 milioni di tonnellate.

Dal punto di vista della protezione del clima nella direzione sbagliata

Nel 2021, invece, le cose sono andate nella direzione opposta, completamente sbagliata dal punto di vista della protezione del clima: le emissioni sono nuovamente aumentate, soprattutto nel traffico, nell’industria e nelle forniture energetiche, secondo le informazioni dell’AEA. L’autorità con sede a Copenaghen vede il motivo principale alla base della maggiore ripresa economica dopo la pandemia, che ha portato alla chiusura, all’interruzione della produzione in molte fabbriche e alle restrizioni di vasta portata della vita pubblica nel 2020.

Con il pacchetto climatico “Fit for 55”, l’UE vuole ridurre le proprie emissioni di almeno il 55% entro il 2030 rispetto al 1990. Entro il 2050, l’UE deve diventare climaticamente neutra. Tutto questo avviene anche tenendo conto dei fenomeni meteorologici estremi, che non sono più frequenti e violenti nelle regioni remote del mondo, ma anche in Europa.

Leggi anche

Alessio Terzi ha detto:

“Nell’ultimo anno, gli effetti del cambiamento climatico sono diventati più visibili che mai: gravi siccità, carenza d’acqua, inondazioni e temperature record hanno evidenziato ancora una volta gli effetti potenzialmente devastanti del cambiamento climatico”, afferma il rapporto dell’AEA. La temperatura media annuale sul suolo europeo è stata di circa due gradi Celsius più calda nell’ultimo decennio rispetto all’era preindustriale. Gli esperti hanno scritto che le crisi parallele hanno messo in evidenza l’urgenza delle misure di protezione del clima.

Almeno alla luce dell’aumento dei prezzi dell’elettricità e del gas, il settore energetico gioca un ruolo cruciale. Bruyninckx ha spiegato che quest’inverno sono necessarie misure a breve termine per aumentare l’approvvigionamento energetico. Idealmente, tuttavia, questi investimenti non dovrebbero rendere l’Europa dipendente dai combustibili fossili per molti anni ancora. Risparmiare energia e rafforzare le energie rinnovabili non è solo cruciale per combattere l’attuale crisi energetica, ma anche per raggiungere la neutralità climatica.

READ  Due buchi neri giganti potrebbero scontrarsi in 3 anni