Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Firenze è diventata una puttana”, dice il direttore del Museo tedesco.

“Firenze è diventata una puttana”, dice il direttore del Museo tedesco.
panorama Scandalo in Italia

“Firenze è diventata una puttana”, dice il direttore del Museo tedesco.

Firenze è una meta turistica

Firenze è una meta turistica

Fonte: Getty Images/Julian Elliott Photography

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Il direttore tedesco della famosa Galleria dell'Accademia di Firenze, Sicily Holberg, manda in subbuglio l'Italia con una citazione. Una volta che una città diventa prostituta, è difficile che ritorni vergine. È già troppo tardi

MLa direttrice tedesca della famosa Galleria dell'Accademia, Sicily Holberg, ha suscitato scalpore quando ha descritto Firenze come una “prostituta”. “Una volta diventata una città di prostitute, è difficile che ritorni vergine”, ha detto Holberg ai giornalisti lunedì, secondo quanto riportato dai media, in riferimento al turismo di massa nella città italiana.

“Firenze è molto bella e vorrei che ritornasse alla sua gente e non fosse schiacciata dal turismo”, ha detto Holberg, il cui museo comprende, tra le altre cose, la famosa statua del David dell'artista rinascimentale Michelangelo. “La Repubblica.” Ma “è già troppo tardi”: senza un freno “assoluto” all’afflusso di turisti, non vede “nessuna speranza”.

In un comunicato rilasciato dalla Galleria dell'Accademia, la direttrice, nominata alla guida del museo nel 2015, si è poi scusata per la scelta delle parole. Hai usato le “parole sbagliate” riguardo alla “città che amo”. Voleva dire che Firenze dovrebbe diventare un modello per il turismo responsabile.

Leggi anche

Giorgia Meloni in conferenza stampa a Roma

Ma il ministro italiano della Cultura Gennaro Sangiuliano ha criticato le dichiarazioni dello storico tedesco, definendole “pericolose e offensive” e ha annunciato che prenderà in considerazione misure “adeguate”. Anche il vicesindaco di Firenze, Alicia Bettini, ha criticato duramente Holberg. Se Firenze è una puttana, allora sorge la domanda se i residenti della città siano “figli di puttana” e i turisti siano “clienti di una puttana”.

Leggi anche

L'ex primo ministro italiano Matteo Renzi, ex sindaco di Firenze, ha detto che il direttore del museo dovrebbe scusarsi o “dimettersi”. Allo stesso tempo, c'è consapevolezza in Italia dei problemi legati all'enorme afflusso di turisti, che colpisce non solo Firenze, ma anche altre città, Venezia in primis.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.