Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le auto elettriche vengono vendute lentamente: il rinascimento del motore a combustione

Le auto elettriche vengono vendute lentamente: il rinascimento del motore a combustione


analisi

Al: 30 gennaio 2024 alle 15:58

Dal 2035 nell’Unione Europea non saranno ammessi nuovi motori a combustione. Infatti, i motori a benzina e diesel stanno vivendo uno straordinario ritorno. D’altro canto, il boom delle auto elettriche sembra essere in fase di fallimento. qual è il motivo?

Promozioni intelligenti, sconti aggressivi, un posto di rilievo nello showroom: niente di tutto questo sembra attirare l'attenzione dei clienti. Le auto elettriche “Made in Germany” sono quelle che si vendono lentamente presso un concessionario di automobili Drechsler vicino a Stoccarda, soprattutto dopo che l'e-bonus statale è stato abolito a dicembre. Dicono che sia troppo costoso e non abbastanza innovativo.

Il direttore della filiale Frank Heitler afferma che i clienti avevano semplicemente troppe domande senza risposta: “L'infrastruttura di ricarica è corretta e i veicoli fanno ciò che promettono anche a temperature sotto lo zero? Cosa faccio con l'auto quando invecchia?” ? Lo avrò ancora quando lo vorrò rivendere? Lo affrontiamo ogni giorno.

La cancellazione del bonus elettronico statale a dicembre ha accelerato notevolmente il calo delle vendite. Non c’è traccia della tanto decantata corsa per raggiungere i produttori tedeschi nel campo delle auto elettriche. Tuttavia: “Siamo in piena espansione per quanto riguarda i motori a combustione”, afferma Heitler. “I clienti ovviamente vogliono motori a combustione, ma vogliono anche qualcosa di usato, qualcosa di nuovo.”

Previsioni fosche per il 2024

Ciò si riflette anche nei numeri di registrazione ADAC. Nel mese di dicembre sono state immatricolate 55.000 nuove auto elettriche. Si tratta di circa il 47% in meno rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. I motori a benzina, invece, si vendono molto meglio e rappresentano il 31% di tutte le nuove immatricolazioni. Anche il diesel arriva al 15,5%. Le prospettive per le auto elettriche in Germania rimarranno ambigue nel 2024. L’Associazione dell’industria automobilistica prevede un calo del 14%. Al contrario, l'associazione ha registrato solo una diminuzione dell'1% nel totale delle immatricolazioni per i motori a combustione.

Secondo l’esperto automobilistico Stefan Bratzel del Center for Automotive Management (CAM), le ragioni di ciò sono chiare: “Non disponiamo ancora di abbastanza modelli elettrici convenienti nel segmento low cost e la situazione non cambierà in modo significativo nel 2024. ” Non lo prevediamo prima del 2025 o del 2026. “Disponiamo anche di auto elettriche a prezzi convenienti, anche di produttori tedeschi.”

D'altronde i cinesi, con il marchio MG, sono già i numeri uno in Europa nel segmento delle auto elettriche compatte con vantaggi di costo compresi tra 3.000 e 5.000 euro. Tuttavia, le auto elettriche non sono ancora riuscite ad affermarsi su un fronte ampio. Bratzel teme quindi un’inversione di tendenza mortale: “Dobbiamo stare attenti che non ci sia una rinascita del motore a combustione a causa di un certo stress che si verifica con la mobilità elettrica”.

Dal 30 al 40% più caro della concorrenza asiatica

I fornitori di automobili che puntano sulla mobilità elettrica lamentano mancanza di investimenti, burocrazia e molte esitazioni. Dal 2009 la Manz AG di Reutlingen punta sulla mobilità elettrica e sviluppa soluzioni innovative di batterie per auto elettriche. Ma la crescita è bassa e la pressione sui costi è enorme, ammette il CEO Martin Drach tagesschau.de “Se dovessimo competere con progetti offerti anche da concorrenti asiatici, costeremmo dal 30% al 40% in più”, dice.

Invita la politica, le case automobilistiche, l’ingegneria meccanica e l’ingegneria impiantistica a lavorare insieme quando si tratta di mobilità elettrica. Questo è stato il fattore decisivo per il modello di successo tedesco negli ultimi decenni. Ora è sull'orlo del baratro. Sono necessari ingenti investimenti. Ma è diventato più di un semplice commento. “Nel peggiore dei casi, ci sarà un altro ritardo o i finanziamenti verranno indirizzati nel posto sbagliato. Il tema della trasformazione può essere raggiunto attraverso investimenti in tecnologia e competitività nel processo produttivo.”

“Almeno è più innovativo perché più costoso”.

Secondo l'esperto CAM Bratzel, l'industria automobilistica tedesca dovrebbe essere almeno tanto innovativa quanto costosa quando si tratta di mobilità elettrica. C’è molto lavoro da fare in entrambi i settori. Frank Hattler del concessionario Drechsler dubita che ciò sia possibile a breve termine nel segmento a basso prezzo. È proprio qui che si fa sentire la domanda di auto elettriche.

Ecco perché soprattutto gli anziani continuano a ricorrere ai motori a combustione, spiega. Tutto è ancora molto più semplice: “Prendo il serbatoio della benzina, faccio il pieno in cinque minuti, pago e parto. Con un'auto elettrica è più complicato”.