Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questo è il ruolo che le vitamine svolgono nella depressione

Questo è il ruolo che le vitamine svolgono nella depressione


Secondo gli esperti l’effetto delle vitamine sulle malattie mentali come la depressione viene spesso sottovalutato. Ma quali nutrienti possono aiutare l’organismo?

Le cause della depressione sono complesse e i sintomi sono comuni. Può manifestarsi in modo diverso in ognuno di noi: dalla perdita di interesse, ai disturbi del sonno fino ai disturbi fisici. “I disturbi depressivi sono tra i più comuni e i più sottovalutati in termini di gravità”, scrive il Ministero federale della sanità. Il numero delle malattie continua ad aumentare in Germania. Che ruolo interpreti? Vitamine incluso?

Vitamine e depressione: possono essere collegate?

La malattia mentale può portare a cambiamenti molecolari nel corpo. Come la dottoressa Katri Tegtmeyer, primario del Dipartimento di Medicina Psicosomatica/Psicoterapia e Traumatologia Clinica di vimini A Bad Wildungen, su richiesta, la salute mentale dipende in gran parte dalle sostanze trasmettitrici nel sistema nervoso. Questi includono serotonina, dopamina e norepinefrina. Le carenze nutrizionali possono sbilanciare le sostanze messaggere. Secondo il primario ciò può portare a sbalzi d'umore ma anche a grave depressione. Come coenzimi, le vitamine sono componenti importanti in molti processi metabolici. Le vitamine del gruppo B in particolare hanno un effetto sul metabolismo cerebrale. Secondo Tgtmeier inoltre vitamina D- Aiuta a stabilizzare l'umore.

“Secondo la mia esperienza, l'integrazione di queste vitamine in caso di carenza (dimostrata da test di laboratorio) supporta anche l'efficacia dei farmaci psicotropi”, dice il primario. Le vitamine sono essenziali per la psiche, ma secondo l'esperto la loro efficacia è spesso sottovalutata.

Quale carenza vitaminica può portare alla depressione?

Gli studi attuali mostrano una relazione tra depressione e carenza di vitamina B12 e vitamina D:

  • vitamina B12 e depressione: in Studio pubblicato nel 2017 Sono stati esaminati 74 soggetti (38 pazienti con sintomi di ansia e depressione e 36 controlli). I ricercatori hanno scoperto che più del 50% dei pazienti con depressione avevano livelli ematici di vitamina B12 inferiori a 200 pg/ml e più del 60% avevano livelli ematici inferiori a 250 pg/ml. Il suo livello nel sangue varia notevolmente e sono considerati normali valori compresi tra 200 e 900 pg/ml. Grave carenza di vitamina B12 può secondo Giornale medico Può anche causare danni ai nervi a lungo termine.
  • vitamina D e depressione: vitamina La D è coinvolta nella funzione cerebrale ed è stata collegata negli studi alla depressione e al SAD (disturbo affettivo stagionale dovuto alla mancanza di esposizione alla luce solare), condividi con noi Caroline StokesCapo della Task Force per l'alimentazione e la salute Università Humboldt A BerlinoSu richiesta.

Sebbene un'associazione possa sempre essere dimostrata dalla ricerca, è difficile formulare un concetto terapeutico scientificamente fondato perché le ragioni dell'associazione non sono del tutto chiare. Per quanto riguarda in particolare la vitamina D, gli studi scientifici mostrano talvolta risultati contraddittori per quanto riguarda la depressione. Tuttavia, un sovradosaggio di vitamina D, proprio come una carenza, può avere conseguenze negative per l’organismo.

Depressione: vitamine in breve

I micronutrienti sono importanti per la salute generale, soprattutto nei casi di malattie mentali. Queste vitamine e minerali possono supportare il corpo:

  • vitamina B6: Come Stephanie GrabhornLo ha spiegato il primario della clinica privata Blumenburg in un comunicato stampa vitamina B6 per curare la depressione sintomi Si consiglia “quando si assume contemporaneamente la pillola anticoncezionale e la sindrome premestruale”. IL vitamina È inoltre necessario per la sintesi della norepinefrina.
  • vitamina B9 (Folato) è rumoroso Caroline Stokes Necessario per la sintesi della dopamina e della serotonina. Entrambe le sostanze messaggere sono legate all'umore.
  • vitamina B12 Il corpo ne ha bisogno anche per produrre dopamina e serotonina.
  • La vitamina C aiuta con lo stressIl che aumenta le esigenze di alcuni Nutrienti Aumento nel corpo. Ciò è particolarmente importante per i pazienti con disturbi d’ansia. Secondo Katri Tegtmeier è necessario anche per la produzione di dopamina e norepinefrina.
  • Zinco Gioca secondo Società Max Planck Svolge un ruolo importante nella fisiologia del cervello perché è coinvolto nella regolazione dei neuroni. Come riportato dalla Fondazione Bergstein, lo zinco ha mostrato risultati promettenti in sei diversi studi come trattamento adiuvante per la depressione, in particolare per i pazienti di età superiore ai 40 anni.
  • magnesio: La relazione tra magnesio e depressione è stata esaminata anche in varie pubblicazioni. il cancello medizin-trasparente.atI risultati sono contraddittori, ha scritto una parte della Rete tedesca per l’alfabetizzazione sanitaria. “Un'associazione statistica non significa automaticamente che un basso livello di magnesio sia anche una causa di depressione; al contrario, la depressione migliora con l'assunzione di magnesio”, hanno scritto gli esperti. Tuttavia, è scientificamente confermato che il magnesio è essenziale per il sistema nervoso.
  • acidi grassi omega-3 È coinvolto nei processi metabolici nel cervello. In alcuni studi è stata esaminata anche la sua relazione con la depressione. Rete di ricerca Cochrane Abbiamo valutato 35 studi e siamo giunti alla seguente conclusione: “Abbiamo riscontrato un effetto positivo da piccolo a moderato dell’assunzione di acidi grassi polinsaturi n-3 rispetto al placebo, con un effetto di questa portata probabilmente per le persone con disturbo depressivo maggiore (MDD).” Di alcuna importanza.” I ricercatori chiedono ulteriori studi per fornire raccomandazioni terapeutiche basate su fondamenti scientifici.
  • ferro Svolge un ruolo importante nello sviluppo del cervello. È importante per la formazione dello strato mielinico attorno alle fibre nervose, necessario per la trasmissione dei segnali nervosi. Diversi studi hanno già esaminato la relazione tra ferro e depressione. È stato riscontrato che i pazienti con anemia da carenza di ferro hanno un rischio maggiore di sviluppare vari disturbi psicologici, inclusa la depressione. Anche se sono necessarie ulteriori ricerche, secondo un articolo della rivista medica MMW, qualsiasi carenza di ferro accertata dovrebbe essere corretta.