Dicembre 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Esplosione sul ponte di Crimea: beffano gli ucraini, Putin tace

Il capo dell’ufficio postale ucraino, Ihor Smiljansky, ha annunciato che dal ponte sarebbe stato stampato un francobollo speciale. “La mattinata non è mai stata così bella. In questa vacanza stiamo rilasciando un nuovo francobollo con il ponte di Crimea, o meglio ciò che ne resta”. L’ufficio postale ucraino aveva precedentemente emesso un francobollo per l’incrociatore distrutto Moskva della flotta russa del Mar Nero.

Selenskyj lascia il posto aperto

Il presidente Volodymyr Zelensky ha lasciato aperta la partecipazione dell’Ucraina all’esplosione sul ponte di Crimea e nel suo discorso video quotidiano ha ammirato il tempo. Il tempo in Ucraina è stato per lo più soleggiato e caldo, ha detto, “purtroppo nuvoloso in Crimea, anche se caldo anche lì”, riferendosi all’esplosione mattutina sul ponte. Non è entrato nei dettagli dell’incidente.

“Crimea. Il ponte. L’inizio”, ha scritto su Twitter il consigliere presidenziale ucraino Mikhailo Podolak. Tutto ciò che è illegale deve essere distrutto e tutto ciò che è stato rubato deve essere restituito all’Ucraina. Tuttavia, Podolak non ha detto esplicitamente che l’Ucraina fosse responsabile delle esplosioni e degli incendi, anzi: poche ore dopo, Podolak ha riferito di nuovo e ha affermato che il percorso “chiaramente” portava alla Russia.

I russi chiedono vendetta

Il Comitato antiterrorismo russo inizialmente non ha fornito alcuna informazione su chi potrebbe essere dietro l’esplosione che ha ucciso tre persone. Un importante esperto di politica estera russa, Leonid Slutsky, ha affermato che molte dichiarazioni rilasciate da importanti politici in Ucraina indicavano che Kiev ha organizzato “l’attacco terroristico”. I media ucraini avevano riferito che dietro l’operazione speciale c’era il servizio di intelligence speciale a Kiev. Se la leadership ucraina sarà confermata, “le conseguenze saranno inevitabili”, ha detto Slutsky. “La risposta dovrebbe essere dura, ma non necessariamente diretta”, ha detto.

READ  La siccità dell'Europa: la siccità delle persone | Conoscenza e ambiente | DW

Il leader del gruppo parlamentare alla Duma, Sergei Mironov, ha chiesto espressamente l’attacco alle infrastrutture ucraine, come centrali elettriche, ponti e ferrovie. molti russi I promotori hanno anche chiesto vendetta. “Il nemico ha smesso di avere paura e questo fatto deve essere immediatamente corretto”, ha scritto il blogger militare e corrispondente di guerra della televisione di stato russa Yevgeny Poddubny.

Putin ordina misure di sicurezza

Non era chiaro se e come il Cremlino avrebbe risposto al presunto attacco dopo le indagini. In estate, l’ex presidente russo Dmitry Medvedev ha minacciato massicce ritorsioni se il ponte fosse stato attaccato.

Il portavoce di Putin ha confermato che il discorso di Putin ai cittadini russi sull’incidente non è previsto per i prossimi giorni. Il presidente inizialmente ha ordinato solo la formazione di una commissione per scoprire i retroscena dell’incidente.

Inoltre, in serata ha incaricato con decreto il Servizio di sicurezza federale (FSB) di prestare maggiore attenzione nel controllo del ponte e nella protezione delle infrastrutture energetiche tra Crimea e Russia. Il governatore della Cecenia, Ramzan Kadyrov, si era precedentemente offerto di utilizzare le sue unità per sorvegliare il ponte di Crimea in futuro.