Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Esclusione dell’account: PIN e decorazioni false: quando una banca può vietare un account | newsletter

Quali sono le conseguenze della sospensione dell’account?

La banca può bloccare il conto per una serie di motivi, il che significa che al titolare del conto è stato negato l’accesso al proprio conto. I fondi sono ancora nel conto ma sono bloccati. Di conseguenza, il titolare della carta non può prelevare fondi, eseguire transazioni o aggiungere fondi. Un blocco dell’account può significare che il debito non può più essere pagato e l’affitto non viene pagato, anche gli ordini permanenti vengono interrotti – e questo può avere gravi conseguenze per i titolari di conto. Quindi quando la banca ha il diritto di sospendere il conto?

Immissione ripetuta del PIN errato

Per proteggere il conto, la banca può bloccare l’online banking o un conto corrente se il PIN viene inserito più volte in modo errato, scrive “Schuldnerberatung.de”. In questo caso, la banca decide di bloccare il conto per motivi di sicurezza, poiché un’errata immissione del PIN potrebbe indicare un reato in cui uno sconosciuto sta tentando di accedere al conto.

Scoperto non autorizzato o mancato pagamento delle rate

Scoperti non autorizzati, frequenti o eccessivi possono comportare il blocco del conto da parte di una banca. Ciò accade quando il titolare del conto è con Possibilità di scoperto Supera il limite di scoperto approvato o il suo conto scivola in rosso, sebbene ciò non sia consentito contrattualmente. Poiché uno scoperto può indicare una situazione finanziaria incerta, la banca può bloccare il conto per precauzione.

Se una persona prende anche un prestito da una banca e non paga le rate di rimborso che ne derivano, la banca può anche bloccare il conto.

READ  Tre criteri: da economico a costoso: questi fattori determinano il prezzo delle NFT | newsletter

Grandi affari, crimine e morte

La banca ha anche il diritto di bloccare il conto in caso di transazioni sospette o violazioni penali. Le transazioni ovvie sono movimenti insoliti del conto, come il prelievo o il trasferimento di importi molto elevati.

L’account può anche essere bloccato se il titolare del conto è sospettato di aver commesso un reato come il riciclaggio di denaro. Pertanto, i fondi nel conto potrebbero essere congelati immediatamente.

Lo stesso vale in caso di morte. Se il defunto aveva un conto cointestato e non ha preso accordi per gestire il conto dopo la sua morte, il conto sarà momentaneamente sospeso. Gli eredi sono quindi autorizzati a sbloccare nuovamente l’account.

Blocco dell’account durante la confisca dell’account

Chiunque non adempia ai propri obblighi e non paga bollette o debiti dovrebbe aspettarsi un ordine esecutivo di confiscare un account nel contesto della preclusione. A tal fine, il conto è bloccato da un ordine di confisca, che vieta alle banche di continuare a pagare denaro al debitore. Pertanto, il conto viene ipotecato e il denaro viene trasferito al creditore per pagare il debito. Tuttavia, il sequestro dell’account richiede un’ingiunzione del tribunale e quindi non è facile da attuare.

Secondo JuraForum.de, chiunque voglia proteggere il proprio reddito da potenziali sequestri può creare un account di prenotazione, noto anche come account P, o convertire il proprio account esistente in un account P. Ciò è particolarmente logico se il titolare del conto è a conoscenza di l’imminente confisca. Poiché il pignoramento è solitamente preceduto da solleciti, il debitore sa in anticipo cosa aspettarsi. In caso di acquisizione, sul conto di P viene stimato un assegno base mensile di 1.133,80 euro. Questi soldi possono ancora essere utilizzati per vivere.

READ  In questo giorno puoi risparmiare di più quando fai le valigie

Ritenuta da parte dell’Agenzia delle Entrate

L’ufficio delle imposte può anche organizzare la preclusione del conto e la chiusura del conto di conseguenza. Nel caso in cui il contribuente abbia un debito d’imposta e non lo abbia saldato, il conto verrà bloccato analogamente alla procedura di pignoramento sopra descritta. Tuttavia, in questo caso, non è richiesto alcun ordine di esecuzione giudiziaria, ma l’ufficio delle imposte può eseguire il sequestro stesso in qualità di autorità. Il debitore riceve il sollecito in anticipo, in questo caso sotto forma di avviso di adempimento. Inoltre, l’ufficio delle imposte può addebitarti una tassa in eccesso per le tasse non pagate o pagate in ritardo.

redazione finanzen.net

Fonti delle immagini: Bjoern Wylezich / Shutterstock.com