Dicembre 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Elevata pressione inflazionistica: la Fed è al culmine del prossimo rialzo dei tassi jumbo

elevate pressioni inflazionistiche
La Fed sta per fare il prossimo rialzo dei tassi jumbo

La Fed segue l’esempio: mercoledì, probabilmente aumenterà di nuovo drasticamente i tassi di interesse, dato il rapido aumento dei tassi. Ma poi può togliere il piede dal pedale.

La Federal Reserve americana non si arrende nella lotta contro l’inflazione e sta per alzare i tassi di interesse per il quarto anno consecutivo. I mercati finanziari presumono fermamente che il tasso chiave aumenterà nuovamente di ben 0,75 punti percentuali mercoledì, a quel punto il limite superiore sarà del 4%.

Contesto: con un tasso di inflazione dell’8,2% di recente, i banchieri centrali attorno al presidente della Federal Reserve Jerome Powell sono sottoposti a forti pressioni. Ma visti i segnali di rallentamento economico, gli investitori scommettono sempre più che la banca centrale più potente del mondo rallenterà le cose alla fine dell’anno dopo un massiccio aumento dei tassi di interesse. Di conseguenza, gli investitori e i giornalisti presteranno ancora una volta particolare attenzione a ciò che dice e non dice Powell nella sua conferenza stampa sulle previsioni dei tassi di interesse.

Ci sono già scommesse sui mercati dei futures che dicembre aumenterà solo di un altro mezzo punto. Nel frattempo, cresce la speculazione sul fatto che la Fed taglierà i tassi di interesse nella seconda metà del 2023. Sebbene i tassi di interesse più elevati abbiano un effetto frenante sui prezzi, rallentano anche l’economia.

“La Federal Reserve statunitense sta cercando con tutti i mezzi di rimettere lo spirito dell’inflazione nella bottiglia”, afferma Fritzi Kohler Gibb, capo economista della KfW. Il rapido aumento del tasso chiave nell’intervallo dal 3,00 al 3,25 percento è evidente, ad esempio, nel settore immobiliare, che ha subito un notevole rallentamento.

A settembre sono crollati gli affari con le nuove case unifamiliari. Per un mutuo edilizio di 30 anni è richiesto un tasso di interesse medio del 7,16 percento, l’importo più alto dal 2001. Dall’inizio dell’anno, gli interessi passivi per i titolari di mutui sono più che raddoppiati. Il motivo è il forte aumento dei tassi di interesse da parte della banca centrale, che rende i prestiti più costosi per i consumatori e le imprese.

“Ci vorrà probabilmente fino alla primavera del prossimo anno prima che l’aumento dei costi di finanziamento influisca completamente sull’economia reale”, ha spiegato Kohler Gibb. Poi verrà il momento per la Fed di rallentare il ritmo dei rialzi dei tassi”.

Paura di una recessione crescente

Il vicepresidente della Federal Reserve Lyle Brainard ha recentemente affermato che l’economia statunitense sta rallentando più velocemente del previsto. Tuttavia, il pieno impatto del rialzo dei tassi non sarà chiaro fino a mesi dopo. Nonostante l’inflazione elevata e gli alti tassi di interesse, l’economia statunitense è stata ancora in crescita durante l’estate. Il PIL degli Stati Uniti è aumentato del 2,6% anno su anno nel terzo trimestre. Tuttavia, alla luce del rallentamento economico mondiale e delle conseguenze dell’inasprimento della politica dei tassi di interesse, è improbabile che le cose continuino a questo ritmo.

Alcuni economisti e investitori prevedono addirittura una recessione negli Stati Uniti. L’economista Andreas Bosch di Bantleon AG, un gestore patrimoniale svizzero, prevede che “lo shock dei tassi di interesse non è solo un grave problema per il settore immobiliare. Anche gli investimenti aziendali subiranno pressioni con un ritardo leggermente più lungo”. Anche il mercato del lavoro, che fino a poco tempo fa era ancora forte, sarà trascinato in questa spirale discendente, che alla fine rallenterà i consumi privati. Gli Stati Uniti stanno entrando in una recessione che probabilmente durerà fino al prossimo anno.

Allo stesso tempo, l’inflazione potrebbe già aver raggiunto il picco, come sospetta il capo stratega di Merck Fink, Robert Grill: “Dato che l’inflazione negli Stati Uniti, a differenza di quella europea, potrebbe aver già raggiunto il picco nonostante tutte le componenti intrattabili, la Fed può “Per quanto riguarda la futura stretta monetaria, l’ha leggermente allentata. Tuttavia, in caso contrario, deluderà i mercati”.

READ  "Un cambiamento rischioso": Twitter ritarda l'inizio dei tag a pagamento