Settembre 26, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ecco perché alcune persone non prendono il Corona virus

Aggiornato il 07/03/2022 alle 14:10

  • In Gran Bretagna, i giovani sani sono stati specificamente esposti al coronavirus come parte dell’esperimento.
  • Tuttavia, solo la metà dei volontari è rimasta ferita.
  • I ricercatori hanno ora studiato perché questo accade.

Puoi trovare notizie più attuali qui

in esperienza in Gran Bretagna L’anno scorso sono stati presi di mira 36 volontari di età compresa tra i 19 ei 29 anni Corona virus aprire. I soggetti del test non sono stati vaccinati contro il virus e non erano stati precedentemente infettati. Sul cosiddetto studio della sfida umana Ne sono seguite discussioni e voci critiche. Gli scienziati stanno ora pubblicando i loro primi risultati – ma ancora non testato.

Piccole quantità della variante del virus sono state fatte cadere nel naso dei soggetti del test. Quindi continua a tornare su di esso virus Testato e rimasto al Royal Free Hospital di Londra per 2 settimane sotto controllo medico. I soggetti del test saranno ora seguiti dal gruppo di ricerca per dodici mesi.

Dei 36 volontari, 18 sono stati infettati SARS-CoV-2. 17 presentavano sintomi simili al raffreddore da lievi a moderati. Inoltre, alcuni hanno avuto mal di testa, dolori muscolari o articolari e febbre o affaticamento. Dodici persone che hanno sostenuto il test hanno riferito che il loro senso dell’olfatto era compromesso. In sette casi, i sintomi sono scomparsi entro sei mesi, in casi isolati sono rimasti più a lungo.

Perché non tutti sono contagiati?

16 dei volontari non hanno contratto il coronavirus. Christopher Chiu lo spiega a The Guardian.I livelli di virus non erano abbastanza alti da stimolare livelli rilevabili di anticorpi, cellule T o fattori infiammatori nel sangue.

READ  Numeri Corona nella direzione di Heidenheim: il tasso di infezione e il numero di feriti per giovedì 28 ottobre 2021

da un altro studio Dimostra che alcune persone combattono il virus così presto che non vengono mai infettate o sviluppano sintomi. Anche le caratteristiche genetiche possono essere la causa. Ortense Slevogt, specialista in malattie infettive presso l’ospedale universitario di Jena, ha spiegato che ogni persona è geneticamente leggermente diversa dalle altre. intervista “a specchio”..

Leggi anche: Perché alcune persone non ottengono SARS-CoV-2? I ricercatori trovano indizi

immunità preesistente

Oltre alle caratteristiche genetiche, una causa può essere anche l’immunità esistente contro i patogeni correlati. In una situazione del genere, il sistema immunitario di queste persone è già pronto a combattere l’infezione. Perché: “I tradizionali coronavirus del raffreddore sono simili al SARS-CoV-2”, ha spiegato Julian Waltz dell’ospedale universitario di Tubinga. In una conversazione con “Mirror” Ha fatto riferimento ai linfociti T in questo contesto. I linfociti T creano una memoria immunitaria in grado di riconoscere e combattere gli agenti patogeni, anche anni dopo l’infezione o la vaccinazione. Rendono innocue le cellule infette nel corpo e quindi impediscono al virus di diffondersi ulteriormente. A differenza degli anticorpi, i linfociti T forniscono una buona protezione contro malattie gravi perché sono meno “selettivi”.

The Human Challenge Study: in corso nonostante prove controverse

Il team britannico guidato da Christopher Chiu vuole approfondire la relazione tra geni e rischio di infezione e malattia, Come riporta uno “specchio”.. Sono previsti ulteriori studi sulla sfida umana con altre varianti virali, come il delta. Tuttavia, questo non è supportato da tutti gli studiosi.

Ad esempio, ha spiegato il bioeticista Sima Shah Rivista “Natura”.Lo studio si legge come una promessa che alla fine ci saranno significativi benefici scientifici e sociali. Tuttavia, questo non è ancora molto chiaro. Inoltre, il piccolo numero di persone testate porta a una minore rilevanza. Inoltre, man mano che sempre più persone vengono vaccinate o guariscono, le prove sperimentali umane stanno diventando sempre più difficili da implementare.
© 1 & 1 Mail & Media / spot sulle notizie

READ  Ribellione degli scienziati: gli scienziati si attivano e restano in strada

Un test corona rapido negativo è spesso un prerequisito per l’accesso agli eventi o per la visita dei parenti a una casa di cura. Tuttavia, secondo uno studio, molti test sono inaffidabili, soprattutto a Omikron. (Dpa)