Maggio 22, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Hahoe, Mayhem on the Spree: ora anche Bobic è sotto pressione all’Hertha

Haha, pasticcio sul divertimento
Ora Bobek è sotto pressione all’Hertha

I milioni del leggendario Windhorst sono stati spesi da tempo, la squadra è un cantiere edile e l’ultima vittoria risale a mesi fa. Le luci di prima classe si stanno lentamente attenuando nel West End. Oltre all’allenatore Typhoon Korkut, l’amministratore delegato Freddy Bobic è ora sotto pressione. Questa è nuova.

Nel suo primo giorno all’Hertha BSC, Big Hope ha messo il dito nella ferita. Freddy Bobic ha detto la scorsa estate: “Da lontano avevi l’impressione che sembrassero due anni di retrocessione. È qualcosa che non ci piace qui all’Hertha e non vogliamo vedere in futuro. Devi fare questo lavoro e cambiare alcune cose”.

Bobic ha lavorato sodo da allora, è anche cambiato molto, ma una cosa rimane sotto il nuovo direttore generale: l’Hertha è nel profondo della battaglia per la retrocessione. Bobic ha ammesso a Sport1: “Non pensava che il club della capitale si sarebbe ritrovato di nuovo in questo pasticcio dopo nove mesi in carica. Non era programmato in quel modo. Non abbiamo giocato bene”.

Questo vale sicuramente anche per lui in alcune aree. C’erano molte buone ragioni per licenziare l’allenatore Pal Darday lo scorso autunno, ma Bobic ha commesso un errore quando si è trattato di sostituirlo. Sorprendentemente, ha tirato fuori dal cilindro il tifone Korkut, che non si era preso cura del club per tre anni prima. Il punteggio distruttivo mediano: una media di 0,75.

Un secondo cartellino rosso nel suo primo anno all’Hertha metterà anche Bobic sotto forte pressione. Secondo quanto riportato dal quotidiano “Bild”, avrebbe sostenuto chiaramente l’allenatore assente in un incontro di crisi con la squadra. Ma è anche chiaro: se ci sarà un’altra sconfitta al culmine della crisi sabato prossimo (18:30) al Borussia Mönchengladbach, allora Bobic dovrà agire sul campo di allenamento.

I trasferimenti non si siedono

Il vento contrario al direttore generale è in aumento. Due giorni dopo la sconfitta per 4-1 contro il Francoforte, il club ha dato ai suoi tifosi l’opportunità di “decollare” su Twitter. La rabbia affliggeva anche Bobek e il suo lavoro. Ha messo sottosopra la squadra in due trasferimenti e le ragioni di ciò erano complesse. D’altra parte, la partenza di giocatori dell’ego come Matthews Cunha o Dodi Lukbakio dovrebbe portare a una nuova mentalità, a cui è stato posto rimedio per anni in evidenti debolezze della leadership. Ma anche nell’attuale crisi, non c’è nessun professionista su cui poter contare.

Il secondo motivo è che Bobek ha dovuto generare un surplus di trasferimento e fornire stipendi. “Gran parte” dei 375 milioni di euro dell’investitore Lars Windhorst “è ormai andata comunque”, ha ammesso Boubeck. Non poteva usare i primi in classifica quando si trattava di trasferimenti, ma faceva affidamento principalmente sullo sviluppo di talenti come Frederic Andre Bjorkan, Jurgen Ecklenkamp e Meziane Molida. Ma lo sviluppo è difficile in tempi di crisi.

Bobbik si è anche occupato attivamente della struttura del club. Ha assunto nuovi dipendenti come il pianificatore del team Dirk Dufner o il junior manager Pablo Thiam e ha cercato di fare rete con collaboratori e strateghi. In precedenza aveva celebrato un grande successo all’Eintracht Francoforte con una rete ampia simile. Ma non sono (ancora) venuti a Hertha. La fiducia nella presidenza del Consiglio di presidenza a Bobic rimane elevata. Ma l’euforia della scorsa estate è svanita da tempo.

READ  "Nessuna possibilità in circostanze normali"