Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ecco come funzionano gli aiuti di gas, elettricità, gasolio e pellet di legno

Oltre ai freni ai prezzi di gas ed elettricità per il 2023, il Bundestag ha deciso anche disagi per le abitazioni private che utilizzano gasolio da riscaldamento, pellet di legno e gas liquido. In base a ciò, la Confederazione istituirà un fondo di disagio con gli Stati, sovvenzionando quest’anno le abitazioni private che sono state riscaldate con pellet, gasolio o gas liquido. Il governo federale fornisce un massimo di 1,8 miliardi di euro per questo.

Rilievi per gasolio, pellet e GPL solo su richiesta

A differenza dei freni al prezzo del gas e dell’energia elettrica, che vengono concessi agli utenti senza domanda, le domande di esenzione da gasolio, pellet di legno e gas liquido devono essere presentate. Gli Stati dovrebbero essere responsabili di questo. Secondo la legge, possono essere prese in considerazione le bollette domestiche dal 1° gennaio 2022 al 1° dicembre 2022.

L’importo massimo agevolabile è di 2.000 euro. Dovrebbe essere calcolato come segue in base al sistema frenante del prezzo del calore e del gas:

  • 0,8 x (importo della fattura – 2x prezzo di riferimento x importo dell’ordine).

Ciò significa che viene compensata solo l’80% dell’ammortamento. Inoltre, il conto dovrebbe essere più del doppio rispetto a prima della guerra in Ucraina e della crisi dei prezzi dell’energia. Come prezzo di riferimento dovrebbe essere utilizzato il valore medio annuo del carburante in questione dell’anno precedente. Tuttavia, il presupposto per il corrispettivo è un importo di risarcimento di almeno 100 euro per tutti loro.

Le bollette del carburante del dipartimento devono essere confermate

Il richiedente deve confermare la bolletta del carburante mediante un atto di notorietà. Nel caso di appartamenti plurifamiliari, il locatore deve certificare per iscritto che il denaro è stato trasferito agli inquilini. Altri requisiti di accesso sono specificati come parte dell’accordo dello stato federale. Gli stati federali devono autorizzare i fondi con la prova dell’uso al governo federale entro la fine del 2025 al più tardi.

READ  32 Länder im Vergleich: Deutschland auf Platz 1 bei EU-Analyse zu Schäden nach Wetterextremen

I prezzi dell’energia frenano dal 2023

Il Bundestag giovedì ha approvato le leggi per frenare i prezzi del gas e dell’elettricità in una votazione per appello nominale. Entrambi saranno offerti da marzo 2023 ad aprile 2024. Inoltre, i fornitori devono utilizzare anche un freno di prezzo retroattivo per gennaio e febbraio 2023.

Ecco come funziona il freno del prezzo del gas

Nel caso del gas, le abitazioni e le piccole imprese che consumano meno di 1,5 milioni di kWh di gas ricevono un prezzo totale garantito del gas di 12 qt/kWh per l’80% del consumo annuo previsto nel settembre 2022. Le imprese con più di 1,5 milioni di kWh di gas ricevono un’ora all’anno ricevono un prezzo operativo netto garantito di 7 carati/kWh per il 70% del loro consumo di gas, basato sul loro consumo nel 2021. I clienti del calore ricevono un prezzo energetico garantito di 7,5 carati/kWh per il 70% del loro consumo, che si basa sullo sconto di settembre 2022.

Questo vale per il freno al prezzo dell’elettricità

Quando si tratta di elettricità, le abitazioni e le piccole imprese che utilizzano meno di 30.000 kWh di elettricità all’anno ricevono un prezzo totale garantito di 40 kWh per l’80% del loro precedente consumo di elettricità. Ai consumi superiori a tale “quota base” si applica la tariffa contrattualmente pattuita.

Le aziende con un consumo annuo di elettricità superiore a 30.000 kWh ricevono il 70% del loro consumo attuale di elettricità a un prezzo netto di esercizio garantito di 13 kWh. Tasse, commissioni e supplementi sono aggiuntivi.

Finora, in particolare, i clienti del gas sono stati sollevati

Finora, il governo federale ha sostenuto in particolare gli acquisti di gas. A tal fine, ha ridotto al 7% l’imposta sulle vendite su tutti i consumi di gas da ottobre 2022 a marzo 2024. A dicembre 2022 riceverà l’acconto ai consumatori finali di gas naturale tramite metanodotto.

READ  Myanmar: La giunta militare condanna Suu Kyi a quattro anni di carcere

Gli impianti di biogas sono esenti dalla scrematura dei ricavi

Con il freno ai prezzi dell’elettricità, il Bundestag ha anche deciso di tagliare i ricavi dei fornitori di energia elettrica. La Coalizione ha apportato correzioni questa settimana, in particolare per i fornitori di impianti di biogas. Di conseguenza, la deduzione delle entrate del mercato dell’elettricità dovrebbe essere valida solo da una produzione stimata di un megawatt e gli impianti di generazione di energia elettrica e calore raccolti via satellite non dovrebbero essere inclusi nel calcolo della produzione. Ciò significa che il Bundestag ha esentato la maggior parte degli impianti di biogas dal taglio delle entrate dal mercato dell’elettricità.

Il Bundesrat deve ancora accettare i freni ai prezzi energetici e di soccorso per il 2023 che sono stati ora decisi dal Bundestag prima che entrino in vigore venerdì.

Dibattito del Bundestag sui freni dei prezzi dell’energia per cercare: