Aprile 15, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

È prevista un'esplosione di nova nella costellazione della Corona Settentrionale

È prevista un'esplosione di nova nella costellazione della Corona Settentrionale

DottLa NASA prevede una chiamata molto brillante nei prossimi mesi Esplosione della Nova. La NASA ha affermato che si tratta di un’esplosione di luminosità nel sistema stellare T Coronae Borealis, che dista circa 3.000 anni luce, e si verifica solo ogni 80 anni circa.

Le stelle in questo sistema di solito non possono essere viste ad occhio nudo. Tuttavia, durante l'eruzione, la luminosità della stella polare verrà temporaneamente raggiunta, come previsto dagli astronomi. La T Coronae Borealis apparirà quindi come una nuova stella luminosa. Qualcosa di simile accadde nel 1866, nel 1946 e in un altro più recente indagine Di conseguenza, anche le osservazioni di “nuove stelle” (latino stellae novae) nel 1217 e nel 1787 potrebbero aver mostrato la stessa variabile catastrofica, come anche gli astronomi chiamano tali sistemi.

L’ora esatta della prossima epidemia non è nota. La NASA ha detto che ciò è previsto entro settembre. La “nuova stella” brillerà quindi nella splendida costellazione della Corona Settentrionale, che si trova tra le costellazioni meno visibili dell'Ercole e del Barnmutzer. Tuttavia la regione può essere vista nei nostri cieli solo nelle ore notturne fino all'inizio di agosto. Se l'esplosione fosse avvenuta prima, avrebbe dovuto essere visibile ad occhio nudo per diverse notti consecutive e con il binocolo per poco più di una settimana.

“T Coronae Borealis” è un sistema stellare binario costituito da una cosiddetta stella nana bianca e da una gigante rossa. I primi sono i resti caldi di una stella che ha già bruciato a livello nucleare, mentre il secondo è una stella che sta ancora bruciando nella fase avanzata della sua vita, poiché inizia a perdere i suoi strati esterni.

I due oggetti sono ora così vicini che grandi quantità di questo materiale combustibile ricco di idrogeno e quindi nucleare fluiscono dalla gigante rossa alla superficie della nana bianca, dove si accumula sulla sua superficie e si riscalda finché non avviene una reazione termonucleare. Succede in modo simile a una bomba all'idrogeno. Questa è l'eruzione che può essere vista dalla Terra in questo caso.