È meglio per l’ambiente passare all’auto elettrica?

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. Home page
  2. un lavoro

Le vendite di veicoli elettrici sono in forte espansione in tutto il mondo. (Immagine dell’icona). © Imago/Detlef Hesse

Le auto elettriche hanno un’autonomia limitata e sono costose, ma almeno fanno bene all’ambiente. Tuttavia, i critici si chiedono se le auto elettriche siano davvero più sostenibili. Gli esperti spiegano.

FRANCOFORTE – Le vendite di veicoli elettrici sono in forte espansione in tutto il mondo. Sono destinati a costituire un elemento importante per un trasporto più rispettoso del clima e più sostenibile. Ma che dire dei motori a combustione più vecchi che funzionano ancora bene? Non è una sciocchezza ambientale e uno spreco di materie prime buttare via un’auto perfettamente funzionante solo per comprarne una nuova elettrica?

Argomento: la produzione di auto elettriche richiede una grande quantità di materie prime ed energia. La produzione di batterie, in particolare, richiede molte risorse e sono necessarie materie prime che già scarseggiano, come il litio o il cobalto. Spesso si presume che si risparmino risorse continuando a guidare una vecchia macchina.

Ecobilancio dell’auto: vale la pena acquistare auto elettriche per il clima?

Certamente, nel valutare il bilancio ambientale dei veicoli, bisogna tenere conto delle emissioni generate durante tutto il loro ciclo di vita, dalla produzione, al funzionamento, fino al riciclaggio. Tuttavia, gli appassionati dei motori a combustione spesso sottovalutano il volume delle emissioni durante il loro ciclo di vita.

Gerfried Jungmeier, ricercatore di energia e sistemi di guida a impatto climatico zero a Graz, spiega a Specchio A questo proposito: “La maggior parte delle emissioni legate al clima, circa l’80%, si verificano durante il funzionamento, cioè quando si risparmia e si bruciano combustibili fossili”. In studi Per valutare l’equilibrio ambientale dei diversi tipi di veicoli, anche le loro emissioni durante l’intero ciclo di vita vengono esaminate in dettaglio, ad esempio presso l’Istituto Fraunhofer per la ricerca energetica e ambientale da Martin Wetchel e colleghi.

I risultati mostrano che è vero che i veicoli elettrici a batteria (BEV) provocano inizialmente una quantità relativamente elevata di emissioni durante la produzione delle batterie. Ma oltre un certo punto, i BEV hanno già raggiunto il livello della tecnologia odierna. Nel corso della loro intera vita utile, le auto elettriche producono significativamente meno gas serra rispetto ai motori a combustione simili.

Tesla & Co. Bilancio ambientale: più auto elettriche significano più consumo di carbone?

Tuttavia, l’economista Hans-Werner Senn ha espresso forti dubbi sulla compatibilità ambientale delle auto elettriche. Il passaggio alle auto elettriche “non ha senso dal punto di vista della politica climatica”, ha affermato il capo economista che, come capo dell’Istituto Ifo per la ricerca economica dal 1999 al 2016, è stato una delle voci di spicco della politica economica nella Repubblica federale .

In un’intervista con immagine Ha anche affermato che la fine dei motori a combustione, prevista per il 2035, accelererà il cambiamento climatico. La sua spiegazione: l’“elettricità piatta” verde, come la chiama Sen – l’elettricità generata da sistemi solari ed eolici – non è ancora sufficientemente disponibile, quindi l’elettricità necessaria per le auto elettriche deve essere generata in centrali elettriche che bruciano lignite dannosa per l’ambiente.

L’economista settantacinquenne conclude che più auto elettriche significherebbero anche una maggiore produzione di lignite, il che renderebbe il cambiamento climatico complessivamente più rapido.

Gli economisti contraddicono le tesi di Shin sulla fine dei motori a combustione

La presidente del comitato consultivo Monica Schnitzer ha commentato la sua argomentazione contraria, dicendo: “Con tutto il rispetto per il mio collega Shane: ha torto su questa affermazione”. aveva vinto. Anche Moritz Schularek, capo dell’Istituto per l’economia mondiale di Kiel, ha respinto l’idea che le emissioni europee siano aumentate a causa della combustione del carbone. Nonostante la crisi del gas, l’anno scorso l’Europa ha emesso complessivamente meno anidride carbonica. Inoltre, le energie verdi sono già diventate competitive in molti campi, contrariamente a quanto presentato dal Sen. (non disponibile)

Related articles

Sono stati segnalati più casi di Oropouche: la clinica fornisce i dettagli

Pagina inizialeil mondostava in piedi: 21 luglio 2024, 15:07Da: Vittoria CrumbeckPremeredivisoIn Italia sono stati segnalati nuovi casi di...

Ecco perché hanno le maniglie ai piedi

Molte bottiglie di birra o altre bottiglie hanno creste nascoste. È questo Braille?La prossima volta che acquisti...

Mike Heater si è davvero innamorato di Layla nel bosco?

Mike Heater si è davvero innamorato di Layla nel bosco?bromflashI piccioncini ora vogliono fare i passi successivi nella...

Vaccinazione contro le zecche: un grande successo per gli open day

Sabato 20 luglio 2024 l'Azienda Medici dell'Alto Adige ha invitato i cittadini ad una vaccinazione gratuita contro l'encefalite...