Dicembre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo le elezioni di medio termine americane: crescono le critiche a Trump

Stato: 11/11/2022 07:17

Dopo le elezioni di medio termine negli Stati Uniti, i critici all’interno del partito e i media conservatori hanno incolpato l’ex presidente Trump per la prestazione deludente dei repubblicani. Alcuni si riferiscono a questo come un “peso” e dicono “basta”.

Anche se la maggioranza al Congresso rimane poco chiara dopo le elezioni di medio termine negli Stati Uniti, tra i repubblicani crescono le critiche al partito interno dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Oltre ai politici, numerosi media conservatori hanno preso le distanze dall’ex capo di stato. Alcuni hanno sottolineato che il partito ha ottenuto risultati deludenti in tutte le elezioni da quando Trump è entrato in carica nel 2016.

In un editoriale, il conservatore Wall Street Journal ha definito Trump “il più grande perdente del Partito Repubblicano”. Trump “ha vacillato” nelle elezioni del 2018, 2020, 2021 e 2022. Nelle elezioni di medio termine di questa settimana, i candidati repubblicani sostenuti da Trump avrebbero perso in stati che “ovviamente” avrebbero potuto vincere.

Anche il dibattito repubblicano sta guadagnando slancio poiché Trump dovrebbe annunciare la sua candidatura per le elezioni presidenziali del 2024 la prossima settimana. Pat Toomey, il senatore repubblicano della Pennsylvania, ha criticato l’influenza di Trump sulla selezione dei candidati per le attuali elezioni di medio termine. L’ex presidente della Camera Paul Ryan ha descritto Trump come un “peso” che danneggerà le possibilità del partito nelle elezioni presidenziali del 2024. “Vogliamo vincere la Casa Bianca e sappiamo che con Trump perderemo molto di più”, ha detto.

“Quando è troppo è troppo”

Il vice governatore della Virginia Winsome Earl Sears, che una volta era un schietto sostenitore di Trump, ha affermato che gli elettori di martedì hanno inviato un “messaggio molto forte”: basta. “Gli elettori si sono espressi e hanno detto che vogliono un leader diverso”, ha spiegato. “Un vero leader capisce quando diventa un peso”. Non poteva sostenere un’altra campagna di Trump. John Thune, il senatore repubblicano del South Dakota, ha sottolineato il ruolo di Trump nel favorire candidati controversi e inesperti che si sono comportati male alle elezioni di medio termine. Ha detto in un’intervista che non c’era alcun sostituto per i candidati di “buona qualità”. “Non puoi organizzare una festa in base alla personalità di una persona”.

READ  Scorcio del giorno della guerra: i contrattacchi di Kiev su Cherson - Russia e Ucraina discutono delle spedizioni di grano

Fox News, che fa parte dell’impero Murdoch, il canale preferito di Trump da lungo tempo, ha anche trovato parole dure per il 76enne elogiando contemporaneamente il rivale interno al partito di Trump Ron DeSantis, che era stato precedentemente rieletto con un ampio margine nel Elezioni governative in Florida. “Il più grande vincitore di Midterms è stato senza dubbio il governatore DeSantis, la cui schiacciante vittoria in Florida è stata impressionante”, ha scritto l’editorialista di Fox News Liz Beck. “Il più grande perdente? Donald Trump”. I media di Murdoch hanno molta influenza negli Stati Uniti e da tempo riferiscono in modo molto positivo su Trump. Durante la sua permanenza alla Casa Bianca, ad esempio, Trump ha rilasciato regolarmente lunghe interviste a Fox News in cui non aveva paura delle domande critiche. Tuttavia, nel campo conservatore, molti si stanno allontanando da Trump dopo la metà del mandato e si affidano a DeSantis.

La maggioranza non è ancora chiara

Le speranze dei repubblicani per una netta vittoria alle elezioni di medio termine non si sono concretizzate. Anche a diversi giorni dalle elezioni del Congresso, non è ancora chiaro chi otterrà la maggioranza al Senato e alla Camera dei Rappresentanti. Restano vacanti altri tre seggi al Senato: in Arizona e Nevada, i conteggi sono ancora in corso, ed è già chiaro in Georgia che ci saranno elezioni di ballottaggio a dicembre. Né i repubblicani né i democratici hanno ottenuto la maggioranza richiesta dei seggi alla Camera dei rappresentanti. Secondo il conteggio attuale, i repubblicani sono in vantaggio di circa 20 seggi. Tuttavia, è ancora a corto di una maggioranza di 218 seggi in sette stati. Con 32 seggi, una decisione deve ancora essere presa.

READ  Il giorno della Borsa sarà lunedì 28 marzo 2022

Di recente, l’attenzione si è concentrata sul conteggio in Arizona e Nevada a causa dell’apertura di seggi al Senato lì. In Arizona, finora è stato contato circa l’82% dei voti. Il candidato democratico Mark Kelly è in testa di oltre cinque punti percentuali sullo sfidante repubblicano Blake Masters. Ma con centinaia di migliaia di voti non contati, la vittoria di Kelly non è ancora certa. In Nevada, finora è stato contato circa il 90 per cento dei voti. Lì, il repubblicano Adam Laxalt è attualmente qualche migliaio di voti davanti alla democratica Catherine Cortez Masto.

Lungo conto dopo le elezioni di medio termine

Ci sono diversi motivi per cui il conteggio in un certo numero di stati richiede giorni. D’altra parte, durante le elezioni di medio termine si sono svolte numerose elezioni: oltre alle risoluzioni per il Senato e la Camera dei rappresentanti, ci sono state anche elezioni per governatori, procuratori generali, funzionari elettorali e parlamenti in molti stati. Si sono svolte anche elezioni regionali e comunali e referendum. Ci vuole tempo per contare così tante elezioni.

Anche a causa della pandemia di Corona, ora ci sono molti più elettori postali. Il conteggio delle schede per assente spesso richiede più tempo rispetto al conteggio delle schede consegnate a un seggio elettorale, ad esempio a causa della verifica della firma. Alcuni stati consentono anche votazioni per assente ricevute per posta dopo il giorno delle elezioni, purché con timbro postale per il giorno delle elezioni. Ad esempio, la California, dove un certo numero di seggi alla Camera dei rappresentanti sono ancora aperti, ha fissato il 15 novembre come scadenza quest’anno. In Nevada, dove si sta riempiendo uno dei seggi vacanti al Senato, la scadenza è il 12 novembre.